Lavoro 21 Ottobre 2021 15:09

Distribuzione intermedia farmaceutica premiata dallo studio Censis: 90mila consegne al giorno anche in lockdown

L’85,8% degli italiani non ha mai dovuto rinunciare a un farmaco importante durante le fasi più difficili della pandemia. Ma le imprese chiedono meno differenze regionali per mantenere il servizio ad alto livello

Distribuzione intermedia farmaceutica premiata dallo studio Censis: 90mila consegne al giorno anche in lockdown

Diciassettemila occupati, 10 miliardi di fatturato annuo, 52 imprese tra società provate, cooperative di farmacisti e multinazionali e 90mila consegne giornaliere di farmaci e dispositivi medici. I numeri che snoccioliamo tracciano la storia di un settore troppo spesso rimasto in ombra ma fondamentale per l’andamento della sanità italiana: a distribuzione intermedia farmaceutica (DIF), che durante la pandemia ha fatto la differenza tra un Paese in affanno e uno in stato di resistenza.

I dati nero su bianco li elenca lo studio della Fondazione Censis “Il valore sociale della distribuzione intermedia farmaceutica”, con l’obbiettivo di rendere ancora più chiaro a opinione pubblica e dirigenti il valore di questo comparto. Un servizio che ha garantito le consegne nelle 19mila farmacie italiane in minimo 3 massimo 12 ore, secondo la normativa, anche nei luoghi più impervi. Una distribuzione fatta per conto di Regioni e Asl, che ha di fatto reso possibile gestire il lockdown e i mesi di “zona rossa” senza allarmare i pazienti cronici, che dipendono da un farmaco per la loro buona salute.

I risultati della DIF: 85,8% degli italiani non ha mai dovuto rinunciare a un farmaco importante

Dagli italiani questo valore è stato apprezzato e riconosciuto secondo i risultati dell’indagine, che mostrano un indice di gradimento molto alto per il funzionamento del servizio. Che da solo garantisce consegne di dimensioni diverse, con tecnologie sicure e tracciabilità di ogni farmaco trasportato. Nonché prima di quelle mascherine che sono state il “salvavita” di questi due anni e poi dei vaccini, che le imprese della DIF hanno trasportato in maniera rapida e capillare nelle farmacie aderenti. Da solo, chiarisce Censis, il settore permette un risparmio di circa 4 miliardi di costi aggiuntivi e con circa 8 milioni di cittadini che comprano farmaci sul web, l’intermediazione della DIF sui prodotti venduti online dalle farmacie riduce sensibilmente i rischi di acquistare prodotti non sicuri.

Durante la pandemia l’85,8% degli italiani non ha mai rinunciato ad un farmaco importante o di cui aveva bisogno perché non sarebbe stato consegnato in farmacia. Per le persone a cui è capitato (14,2%) la rinuncia non è mai stata dovuta a una consegna bucata dai distributori intermedi, ma dall’indisponibilità del farmaco a monte della filiera e, quindi, dall’impossibilità di poterlo consegnare nelle farmacie.

L’apprezzamento dei cittadini oltre il 90%

Non sorprende dunque che per il 91,8% dei cittadini (92,8% dei pazienti cronici) l’operato della DIF sia una «garanzia per la propria salute». Il 93,7% riconosce l’importanza che tale servizio sia garantito sempre dovunque, anche nei comuni piccoli e in quelli non facili da raggiungere. Sempre al 92,2% (93% tra i malati cronici, 97,7% tra gli over 65) la percentuale di chi è convinto che la DIF eroghi un servizio sanitario «essenziale di pubblica utilità e che, come la pandemia ha insegnato, mai deve essere interrotto». Per l’82,1% degli intervistati la sanità territoriale non potrebbe funzionare senza la garanzia di trasporto di farmaci e dispositivi medici alle farmacie da parte delle aziende coinvolte.

La sfida alle Istituzioni: troppe differenze regionali

Di fronte alle tante critiche che la pandemia ha inevitabilmente portato con sé, il settore DIF si differenzia per un esito di gradimento molto alto e una considerazione che ne amplifica la già buona “social reputation”. Eppure, nonostante questa vasta approvazione, si muovono in contesti regolatori complessi. Fatti di autorizzazioni e adempimenti regionali molto diversi tra loro, con relativi costi. «Da tempo poi – si legge – sono minati i margini operativi delle imprese, a causa della contrazione della remunerazione imposta dalla normativa e del calo dei prezzi dei farmaci dovuto allo sviluppo dei generici». E la DIF avverte che se si continuasse con l’erosione dei margini, il settore potrebbe non continuare a garantire il proprio funzionamento.

Pensare che questo non riguardi tutti e non possa portare conseguenze negative è sbagliato. Se si dovesse diminuire in efficienza la cittadinanza andrebbe ancor di più a rivolgersi fuori dalle farmacie: verso canali meno controllati e controllabili come quelli del web e dell’ecommerce.

Lo studio Censis si conclude con una sfida alle Istituzioni. Se, come è stato ripetuto dal ministro della Salute Roberto Speranza, la sanità territoriale deve essere la base del nuovo approccio italiano, si mostra indispensabile che un settore come la DIF venga considerato e valutato per le performance che garantisce. Far funzionare la sanità significa «rendere migliore la vita dei cittadini», che come in questo caso quando accade ne rendono sempre merito.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Distribuzione intermedia farmaceutica, i tagli sulle remunerazioni pesano. Morra (ADF): «Soluzione non più rinviabile»
Uno studio Sapienza si è posto il problema di determinare gli effetti del D.L. 78/2010 e della riduzione progressiva del prezzo medio per confezione dei farmaci di classe A sulla redditività del settore della distribuzione farmaceutica. Il commento del presidente ADF Alessandro Morra
Covid, con distribuzione intermedia farmaceutica possibili fino a 17 milioni di vaccinazioni al mese in farmacia
Con 20 dosi al giorno per ciascuna delle 19mila farmacie presenti sul territorio, ipotizza il Censis, si vaccinerebbero quotidianamente 380mila persone, cioè più di 11 milioni al mese, in aggiunta ai vaccinati negli hub
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
Un italiano su tre ha rinviato le cure causa Covid. Il Rapporto Intesa Sanpaolo RBM Salute-Censis
Lo studio approfondisce le prospettive del SSN tra sostenibilità, equità e promozione della salute. L’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2 ha accelerato le criticità già presenti provocando una profonda crisi economica che ha ulteriormente ampliato le disuguaglianze sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano