Salute 25 Marzo 2022 17:21

The Italian Health Day. RInnovAzione: ecco la chiave per costruire la sanità del futuro che gli italiani vogliono

L’ultimo Rapporto del Censis, fotografa la sanità del prossimo futuro vista, vissuta e desiderata dai cittadini. Valerii (Censis): «Il 94,3% vuole cure personalizzate»

The Italian Health Day. RInnovAzione: ecco la chiave per costruire la sanità del futuro che gli italiani vogliono

RInnovAzione: è questa la health keyword della sanità del futuro. Il neologismo, nato dalla fusione di ricerca, innovazione, azione e rinnovamento, è stato coniato in occasione della prima edizione di “The Italian Health Day”, sulla base dei risultati ottenuti attraverso l’ultimo Rapporto Censis, condotto in collaborazione con Janssen Italia, sulla sanità del prossimo futuro vista, vissuta e desiderata dai cittadini.

«Il Report riassume le sfide e le opportunità necessarie alla realizzazione di un nuovo e più efficiente servizio sanitario nazionale, delineando il ruolo dei principali protagonisti (cittadini, medici, innovatori e digitalhealth), tutti impegnati ad affrontare quattro sfide-chiave: invecchiamento, razionamento sanitario, prevenzione ed equità», spiega Massimiliano Valerii, direttore generale di Censis.

I risultati in sintesi

Gli italiani sembrano avere le idee molto chiare sulle caratteristiche della Sanità post-Covid e sui protagonisti che la animeranno: i cittadini sempre più informati, responsabili e partecipi, il medico come massimo garante della tutela della salute e gli innovatori (intesi come ricercatori e imprese). Innanzitutto, desiderano una sanità su misura. «Il 94,3% dei cittadini vuole cure personalizzate – spiega Valerii, citando alcuni dei risultati emersi dal Rapporto -. Otto cittadini su 10 sono pronti ad adottare comportamenti salutari, il 66,5% è già abituato ad effettuare visite e accertamenti di prevenzione. Più di 9 italiani su 10 hanno fiducia nei medici e quasi il 95% è convinto che vadano liberati dagli eccessivi carichi burocratico-amministrativi e supportati dalle nuove tecnologie, così da avere più tempo da dedicare ai propri pazienti».

Il ruolo dei MMG

A confermare il carico di lavoro che i medici, soprattutto quelli di medicina generale, trascorrono senza avere alcun contatto diretto medico-paziente è Daiana Taddeo, dell’Area Ricerca Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e Cure Primarie (SIMG): «I medici di famiglia spendono almeno un terzo delle proprie ore di lavoro assolvendo impegni burocratici – assicura Taddeo -. In una sanità del futuro che rispecchi quella desiderata dai cittadini e disegnata dal Rapporto Censis, il ruolo del medico di medicina generale dovrà essere incentrato su tre capisaldi: prevenzione, personalizzazione delle cure e aderenza terapeutica. Senza dimenticare che il medico deve essere garante non solo della qualità di vita dei suoi pazienti, ma anche della qualità di morte. Quando una malattia è incurabile il medico di medicina generale deve indirizzare il paziente verso le cure palliative, affinché le sue sofferenze possano essere alleviate e i suoi ultimi giorni trascorrere quanto più serenamente possibile».

Gli innovatori

Accanto al ruolo di medici, i cittadini ritengono centrale pure quello degli innovatori, ovvero di ricercatori e imprese, del farmaco in primis. «Il 90,9% degli italiani ha fiducia nei ricercatori scientifici, il 66,4% nelle imprese del farmaco e l’89,5% nei farmaci», aggiunge il direttore generale di Censis. Per massimizzare il valore in sanità sarà decisiva anche la gestione intelligente dei dati. E i cittadini sono pronti a fare la propria parte: oltre il 60% è favorevole all’utilizzo di fascicoli sanitari digitali allargati ed è convinto che i dati sulla propria salute sono gestiti dalle istituzioni nel rispetto della privacy. Il 70%, invece, è pronto anche a rendere disponibili i dati sulla propria salute per studi, ricerche, sperimentazioni».

Le imprese del farmaco

Massimo Scaccabarozzi, presidente di Janssen Italia e Head of External Affairs Johnson & Johnson Italia, si è mostrato soddisfatto dei risultati ottenuti e della fiducia che i cittadini hanno mostrato verso le imprese del farmaco: «Il Rapporto presentato oggi mostra chiaramente cosa gli italiani si aspettano dalla Sanità post-Covid e non possiamo che trovarci d’accordo con quanto hanno espresso, a partire dalla richiesta di una maggiore collaborazione pubblico-privato per portare sempre più rapidamente l’innovazione ai pazienti. Ci fa piacere, inoltre, constatare che gli italiani ripongano un’alta fiducia nei confronti delle imprese del farmaco e che il loro ruolo sia riconosciuto nell’ambito dell’innovazione, tanto nelle emergenze, quanto in situazioni ordinarie».

Cure di prossimità e PNRR

L’innovazione, assieme alla prossimità, è una delle principali sfide che il Sistema Sanitario Nazionale si troverà ad affrontare, da oggi e per i prossimi cinque anni, anche attraverso la realizzazione della Missione 6 del PNRR. Gli stessi obiettivi sono stati richiamati anche da Anna Lisa Mandorino, segretario generale di Cittadinanzattiva. Per Mandorino è essenziale progettare e realizzare «servizi sanitari che raggiungano i cittadini, che siano prossimi e capillari sul territorio, anche grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie». Ma, allo stesso tempo, anche il cittadino dovrà fare la sua parte: «Gli italiani dovranno essere protagonisti di una sanità pro-attiva, promuovendo in prima persona la tutela della sua salute, instaurando un dialogo costante con medici e professionisti sanitari di riferimento, evitando – conclude – che ci si rivolga a loro solo in una fase, ormai, acuta della malattia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Distribuzione intermedia farmaceutica premiata dallo studio Censis: 90mila consegne al giorno anche in lockdown
L'85,8% degli italiani non ha mai dovuto rinunciare a un farmaco importante durante le fasi più difficili della pandemia. Ma le imprese chiedono meno differenze regionali per mantenere il servizio ad alto livello
Covid, con distribuzione intermedia farmaceutica possibili fino a 17 milioni di vaccinazioni al mese in farmacia
Con 20 dosi al giorno per ciascuna delle 19mila farmacie presenti sul territorio, ipotizza il Censis, si vaccinerebbero quotidianamente 380mila persone, cioè più di 11 milioni al mese, in aggiunta ai vaccinati negli hub
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
Un italiano su tre ha rinviato le cure causa Covid. Il Rapporto Intesa Sanpaolo RBM Salute-Censis
Lo studio approfondisce le prospettive del SSN tra sostenibilità, equità e promozione della salute. L’emergenza sanitaria da Sars-Cov-2 ha accelerato le criticità già presenti provocando una profonda crisi economica che ha ulteriormente ampliato le disuguaglianze sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali