Mondo 8 Luglio 2021 11:46

EMA, Kyriakides (Commissione europea): «Rafforzare l’Agenzia per affrontare le prossime crisi sanitarie»

La commissaria europea alla Salute ha parlato al Parlamento europeo: «Rendere permanenti le misure temporanee ed eccezionali adottate dall’EMA per la pandemia»

EMA, Kyriakides (Commissione europea): «Rafforzare l’Agenzia per affrontare le prossime crisi sanitarie»

«Gentile Presidente, Onorevoli deputati. Siamo nel diciannovesimo mese della pandemia di Covid-19 e l’Agenzia europea per i medicinali è stata assolutamente centrale nel nostro sforzo collettivo per affrontarla. Fin dai primi giorni della pandemia, abbiamo imparato cosa dobbiamo rafforzare, come e perché. La necessità di un mandato più forte per l’EMA è diventata subito evidente per monitorare costantemente la carenza di farmaci, per segnalare il rischio di carenza di dispositivi medici durante le crisi e per catalizzare lo sviluppo e l’approvazione più rapida dei farmaci con consulenze scientifiche veloci e revisioni continue». Ha esordito così la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, alla riunione plenaria del Parlamento europeo sulla proroga del mandato dell’Agenzia europea per i medicinali.

«Imparare dall’attuale pandemia ed essere meglio preparati per le crisi future»

«Dobbiamo ascoltare queste lezioni – ha aggiunto, riferendosi a quanto vissuto con la pandemia – e dobbiamo agire rapidamente e insieme, come Unione. Voglio ringraziare il Parlamento e accolgo con favore i vostri sforzi per raggiungere un accordo sulla proposta dell’EMA. Questa proposta fa parte di un pacchetto di tre iniziative che mirano a costruire una forte Unione europea della sanità. Insieme alla proposta di rafforzare l’ECDC – continua la commissaria – e il nostro quadro sulle minacce sanitarie transfrontaliere, questo pacchetto è la nostra risposta collettiva: imparare dall’attuale pandemia ed essere meglio preparati per le crisi future».

«Rendere permanenti le misure temporanee ed eccezionali adottate per la pandemia»

«Durante la pandemia – ha spiegato Kyriakides –, il lavoro dell’EMA è stato notevolmente intensificato, ma basato su misure temporanee ed eccezionali per consentire una risposta commisurata alla sfida». Quel che ora va fatto, secondo la commissaria, è «mettere queste disposizioni su una base permanente. Stabilizzare le strutture ad hoc che abbiamo creato catalizzerà lo sviluppo e l’approvazione più rapida di farmaci per curare o prevenire una malattia che causa una crisi di salute pubblica. È per questi motivi che i negoziati devono avanzare rapidamente fino alla conclusione».

I progressi compiuti finora in Parlamento e in Consiglio sulla proposta dell’EMA sono per la commissaria Kyriakides «un gradito passo nella giusta direzione e desidero ringraziarvi per il vostro attivo contributo e impegno» e dunque accoglie «con favore il fatto che gli emendamenti presentati in Parlamento mantengano il livello di ambizione della proposta originale e non segnino uno scostamento significativo dai suoi obiettivi politici».

Alcuni degli emendamenti presentati dal Parlamento dovrebbero comunque essere riesaminati. In particolare sul rinvio di un anno della data di richiesta dei dispositivi medici e sulla creazione di una banca dati europea sull’offerta di medicinali: «Se rimandiamo l’applicazione delle norme sui dispositivi medici – ha detto ancora –, rischiamo anche di rinviare il livello rafforzato di tutela per i cittadini. E una banca dati sulle forniture di medicinali va ben oltre l’ambito della proposta e comporterebbe duplicazioni e costi aggiuntivi sostanziali. Dobbiamo invece massimizzare le sinergie con i sistemi nazionali esistenti, in modo che i nostri sforzi siano quanto più efficienti ed efficaci possibile».

«Un’EMA più forte è un elemento centrale della forte Unione europea della sanità che stiamo costruendo»

La commissaria Kyriakides ha infine ricordato come «un’EMA più forte è un elemento centrale della forte Unione europea della sanità che stiamo costruendo. Il suo mandato deve essere rafforzato, poiché guardiamo all’uscita da questa pandemia come un’Unione più forte, più saggia, più resiliente e meglio preparata. Siamo chiamati a dimostrare di poterci muovere con rapidità e decisione per affrontare le sfide che ci attendono e per rafforzare le strutture e i sistemi che tutelano la nostra salute. Lo abbiamo già fatto insieme su EU4Health e sui Certificati Digitali Covid. Il Consiglio ha già compiuto notevoli progressi e ha adottato il suo orientamento generale il 15 giugno. Ora, mentre avviamo i negoziati interistituzionali sotto la Presidenza slovena, vi assicuro che la Commissione farà la sua parte per raggiungere un accordo rapido ed efficace».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
Da Ema via libera ai vaccini «aggiornati» per Omicron
Il comitato per i medicinali umani dell'Agenzia europea del farmaco ha raccomandato di autorizzare due vaccini aggiornati per fornire una protezione più ampia contro Covid-19. Si tratta delle due versioni di Pfizer/BioNTech e Moderna adattati contro la variante Omicron 1
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
EMA: allo studio effetti avversi dei vaccini e nuove varianti del Covid per definire la campagna d’autunno
Alla presentazione dell’accordo quadro tra Istituto Ortopedico Galeazzi e Fondazione Fadoi per la Ricerca, Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici dell’Agenzia Europea dei Medicinali, dà le linee di indirizzo sulla quarta dose e anticipa quelli che saranno i virus da affrontare in futuro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi