Mondo 15 Luglio 2020 17:13

Covid-19, torna lo spettro del lockdown: la mappa dei Paesi che hanno adottato nuove misure restrittive

Nel mondo la pandemia continua a galoppare e sono tante le nazioni che hanno deciso di tornare a limitare le libertà dei propri abitanti nel tentativo di impedire il contagio

Covid-19, torna lo spettro del lockdown: la mappa dei Paesi che hanno adottato nuove misure restrittive

Mentre l’Unione europea si prepara ad una possibile nuova ondata di Covid-19 e diverse regioni e città italiane (da ultima, Bologna) minacciano nuove misure restrittive contro feste, locali in cui non si rispetta il distanziamento e assembramenti vari, nel resto del mondo la pandemia galoppa e sono tanti i Paesi che hanno deciso di tornare a lockdown più o meno ampi e a misure restrittive per limitarne il più possibile la portata.

Succede ad esempio (per quanto riguarda i confini europei) in Spagna, dove in otto comuni della Catalogna settentrionale (più di 200mila abitanti) si può uscire di casa solo per motivi di forza maggiore, sono vietati gli incontri con più di dieci partecipanti e la ristorazione è aperta solo alle consegne a domicilio. O ancora in Ungheria, che ha chiuso le frontiere a chi proviene da Paesi in cui la pandemia è a livelli preoccupanti e chi torna dalle zone “rosse”, ovvero quelle ad altissimo rischio, deve sottoporsi al test e ad una quarantena obbligatoria di due settimane.

Andando oltre oceano, invece, in Australia, nello Stato di Victoria, 5 milioni di abitanti resteranno chiusi in casa (fatta eccezione per motivi essenziali come spesa, lavoro e cure mediche) per almeno sei settimane. Nuove restrizioni anche nelle Filippine, a poco più di un mese dalla fine del primo lockdown. Succede a Navotas, dove sono circa 250mila i residenti che dovranno restare chiusi in casa. E, sempre in Asia, anche ad Hong Kong tornano le misure di distanziamento e diverse attività resteranno chiuse al pubblico, mentre in Sri Lanka, ad appena sette giorni dalla riapertura, le scuole sono state di nuovo chiuse, ed è stato sospeso il rimpatrio dei cittadini bloccati all’estero. In India, invece, dopo aver registrato più di centomila casi in quattro giorni, lo stato del Bihar ha ripristinato il lockdown totale dal 16 al 31 luglio: secondo quanto annunciato dal vicegovernatore Sushil Kumar Modi, il blocco, già parzialmente imposto in alcuni distretti, verrà esteso a tutto il territorio.

Nuove iniziative anche in Africa: circa un milione di residenti di Tangeri, in Marocco, sono di nuovo chiusi in casa e non possono uscire se non per casi di “estrema necessità”. Chiusi anche bar, negozi e spazi pubblici, mentre i trasporti sono sospesi. Anche i confini sono chiusi ad eccezione degli abitanti bloccati all’estero e degli stranieri che si trovano nel territorio marocchino. Anche in Sudafrica, infine, lo Stato di emergenza nazionale è stato prorogato fino al 15 di agosto, con coprifuoco dalle 21 alle 4 del mattino e l’obbligo di indossare le mascherine.

Come poi non parlare del Paese più colpito al mondo dal coronavirus: gli Stati Uniti. Con quasi 3 milioni e mezzo di casi confermati ad oggi, torna lo spettro del lockdown. I singoli Stati dovranno rivedere i piani per le aperture. Una situazione così fuori controllo che il Messico prorogherà fino al 21 agosto (e per la terza volta) le restrizioni ai confini con gli Usa.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco