Medicina complementare e alternativa 10 Ottobre 2017 12:23

Nutraceutica: che cos’è?

Carne e limone se sei anemico, tre noci al giorno o un bicchiere di vino rosso fanno bene al cuore, pesce azzurro se devi studiare o lavorare tanto. Rimedi della nonna? Non solo. Negli ultimi anni si sta facendo sempre più largo la “nutraceutica”, parola nata dall’unione di nutrizione e farmaceutica, che vuole proprio indicare […]

Nutraceutica: che cos’è?

Carne e limone se sei anemico, tre noci al giorno o un bicchiere di vino rosso fanno bene al cuore, pesce azzurro se devi studiare o lavorare tanto. Rimedi della nonna? Non solo. Negli ultimi anni si sta facendo sempre più largo la “nutraceutica”, parola nata dall’unione di nutrizione e farmaceutica, che vuole proprio indicare come gli alimenti possano essere utilizzati anche per prevenire o curare determinate patologie. E se oggi ribadire il noto monito di Feuerbach «siamo quello che mangiamo» è sempre più superfluo, per i medici sottolineare l’importanza della dieta per vivere in salute non è mai abbastanza.

Del tema, particolarmente attuale e dibattuto, se n’è occupato il Congresso dedicato a”Nutracuetica e occhio” tenutosi lo scorso 14 ottobre presso la Sala Eataly di Roma, organizzato dal Professor Gianluca Scuderi (Professore associato del Dipartimento di Neuroscienze, Salute Mentale e Organi Di Senso – Nesmos de La Sapienza Università di Roma) e patrocinato da La Sapienza e la SiNut (Società Italiana Nutraceutica), a cui hanno partecipato i maggiori esperti di questo settore tra cui farmacologi, biochimici, nutrizionisti ed oculisti.

Sono nutraceutici, tra gli altri, gli antiossidanti, le vitamine e i probiotici, e vengono utilizzati per prevenire malattie croniche, aumentare l’aspettativa di vita e ritardare il processo di invecchiamento. Qualche esempio? L’olio extravergine d’oliva ha proprietà antiossidanti; pomodori, limoni, arance e kiwi migliorano la produzione di collagene, il metabolismo, il sistema nervoso e immunitario, riducono stanchezza e affaticamento e accrescono l’assorbimento del ferro. Avena e orzo riducono il colesterolo e il glucosio; il grano riduce il gonfiore. Uva, zenzero, pomodori e mandorle aiutano il sonno mentre il pesce azzurro migliora la funzione cerebrale, la vista e la funzione cardiaca. Aringhe, manzo, maiale e salmone incrementano le prestazioni fisiche e uova, caviale e soia migliorano la funzione epatica e accelerano il metabolismo dei grassi.

Ma attenzione. Come riportato dal Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione in un articolo dedicato al punto di vista delle società scientifiche sul tema, bisogna ricordare che alcuni modelli alimentari sono correlati ad effetti positivi sullo stato di salute più dei singoli nutrienti e che più che l’azione di un singolo elemento, responsabile degli effetti positivi è l’interazione tra tutte le sostanze, nutrienti e non. Il modello della dieta mediterranea, in questo senso, continua ad essere il migliore da seguire, contenendo tutti i nutraceutici necessari a rispondere alle nostre esigenze nutrizionali. E se è necessario compensare carenze nutrizionali importanti, ci si affida agli integratori alimentari, che hanno registrato un vero e proprio boom negli ultimi anni ma che non devono mai sostituire una dieta corretta e uno stile di vita salutare. L’efficacia dei nutrienti assorbiti con i normali alimenti è però diversa da quella dei prodotti farmaceutici e in ogni caso è sempre consigliabile richiedere consiglio a medici o farmacisti e non assumere integratori in modo autonomo, fidandosi di pubblicità o passaparola, soprattutto se contemporaneamente si assumono veri e propri farmaci.

Articoli correlati
Long Covid, boom di pazienti alla ricerca di terapie costose e dubbie
Un'inchiesta condotta dal The British Medical Journal e da ITV News ha fatto luce su un fenomeno molto preoccupante: la migrazione di migliaia di pazienti con Long Covid verso paesi che offrono trattamenti costosi e molto probabilmente inutili
Staminali, elisir di lunga vita grazie ad un programma personalizzato
Con Fitness&Staminal messo a punto dal professor Eugenio Caradonna, presidente nazionale di SIMCRI, è possibile con un esame del sangue misurare il livello delle cellule staminali nel corpo e realizzare un percorso di medicina personalizzato con fitness, dieta e nutraceutica per vivere più sani e più a lungo
L’influenza si previene e cura anche a tavola. Muscaritoli (Sinuc): «Ecco le regole per rafforzare il sistema immunitario»
Cosa dobbiamo mangiare per mantenerci in salute tutto l’anno e prevenire le infezioni come il coronavirus? E qual è l’alimentazione corretta per una persona con sindrome influenzale? Facciamo chiarezza con il presidente della Società italiana di nutrizione clinica e metabolismo
Grassi saturi e ictus: colpevoli o innocenti? Volpe (Siprec): «Sono neutri. Il vero pericolo negli acidi grassi trans»
Il professore, studi alla mano, assolve gli acidi grassi saturi dall'accusa di essere associati a un aumentato rischio di malattie cardiache: «Non vanno demonizzati. Latte e formaggi hanno persino un lieve effetto protettivo sul cuore ma mai quanto i grassi “buoni” come l’olio evo e gli omega-3»
Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»
«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi