Salute 11 Novembre 2019

Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»

«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

C’è un grande bisogno di introdurre innovazione in sanità e integrare soluzioni e interventi strutturali per garantire la sostenibilità del SSN. Ma la digitalizzazione delle cure è un processo che in Italia procede ancora molto lentamente.

Di ruolo dell’innovazione e accesso alle nuove tecnologie come leva di sviluppo dell’attuale SSN si è discusso in occasione dell’ottava edizione dell’Healthcare Summit, organizzato da 24 ORE Business School in collaborazione con Il Sole 24Ore e che si è svolta di recente presso la sede Roma Eventi Fontana di Trevi.

All’evento hanno partecipato rappresentanti del settore sanitario e farmaceutico e delle istituzioni, tra cui Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e dell’innovazione in sanità del Ministero della Salute, che ha tracciato a Sanità informazione i punti chiave su cui lavorare e misurarsi per un’assistenza al paziente 4.0.

Dottor Leonardi, il tema del Forum è l’innovazione e la sostenibilità. Lei ha sottolineato, nel suo intervento, quanto sia importante anche per il ministero della salute e per il SSN puntare sull’innovazione con queste parole: “Un sistema che non si innova è destinato a non fornire i servizi adeguati ai cittadini”

«Certo per due motivi: il primo perché non sarà più al passo con i tempi e in grado di fornire le nuove tecnologie e mezzi di cura ai pazienti. Il secondo perché comunque non rinnovandosi non riesce a fronteggiare i costi ed essere sostenibile. Per questo, è necessario trovare nuove formule per fornire i servizi ai cittadini in un bilancio tra i costi e l’efficacia dei trattamenti».

Lei ha citato alcuni progetti e cinque aree di intervento su cui il ministero sta lavorando. Quali sono quelle su cui lavorare di più, meglio e in cui si stanno facendo progressi?

«La prima è l’area dell’invecchiamento della popolazione che si porta dietro il tema della cronicità, anche se non sono due temi perfettamente sovrapponibili. Purtroppo, abbiamo anche dei malati cronici che non sono anziani. La cronicità è un tema a sé stante ma che si incrocia con quello dell’invecchiamento. Il secondo tema è quello della sanità elettronica, dell’innovazione tecnologica e dei nuovi dispositivi. Il terzo della medicina di precisione e dei big data e delle analisi genomiche e il quarto è quello dello sviluppo farmaceutico. L’Italia è il primo produttore europeo di farmaci e per noi è un asset strategico fondamentale di sviluppo nel nostro paese. L’ultimo, è il tema della nutraceutica con i nuovi studi sull’alimentazione che hanno grande importanza a livello curativo oltre che per il fabbisogno personale».

Articoli correlati
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
#UnGiornoCon | l’audioprotesista: il rapporto con il paziente inizia con l’applicazione del presidio
Qual è la giornata tipo di un audioprotesista? Lo abbiamo chiesto al dottor Emanuele Lucci, audioprotesista da più di trent’anni e direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti "Tecniche audioprotesiche" all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti
Ambulatorio infermieristico per la gestione delle cronicità, l’esperimento dell’Asl di Bari
«Rafforzata l’attenzione sul territorio» ha spiegato Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari ai microfoni di Sanità Informazione. Protagonisti infermieri e medici di medicina generale: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio»
«Con le equipe mobili abbiamo tenuto aperti i reparti. Ora sfida è la cronicità». Parla l’assessore alla Sanità della Sardegna Mario Nieddu
Tra i fronti aperti della sanità sarda la cronica carenza di personale e le poche borse di specializzazione a disposizione. anche quello delle auto medicalizzate: «Con il corso Met per i medici dell’emergenza territoriale contiamo di ridare un po’ di organici alle ambulanze medicalizzate in modo da supplire alle carenze di questo servizio» spiega Nieddu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano