Salute 11 Novembre 2019

Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»

«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

C’è un grande bisogno di introdurre innovazione in sanità e integrare soluzioni e interventi strutturali per garantire la sostenibilità del SSN. Ma la digitalizzazione delle cure è un processo che in Italia procede ancora molto lentamente.

Di ruolo dell’innovazione e accesso alle nuove tecnologie come leva di sviluppo dell’attuale SSN si è discusso in occasione dell’ottava edizione dell’Healthcare Summit, organizzato da 24 ORE Business School in collaborazione con Il Sole 24Ore e che si è svolta di recente presso la sede Roma Eventi Fontana di Trevi.

All’evento hanno partecipato rappresentanti del settore sanitario e farmaceutico e delle istituzioni, tra cui Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e dell’innovazione in sanità del Ministero della Salute, che ha tracciato a Sanità informazione i punti chiave su cui lavorare e misurarsi per un’assistenza al paziente 4.0.

Dottor Leonardi, il tema del Forum è l’innovazione e la sostenibilità. Lei ha sottolineato, nel suo intervento, quanto sia importante anche per il ministero della salute e per il SSN puntare sull’innovazione con queste parole: “Un sistema che non si innova è destinato a non fornire i servizi adeguati ai cittadini”

«Certo per due motivi: il primo perché non sarà più al passo con i tempi e in grado di fornire le nuove tecnologie e mezzi di cura ai pazienti. Il secondo perché comunque non rinnovandosi non riesce a fronteggiare i costi ed essere sostenibile. Per questo, è necessario trovare nuove formule per fornire i servizi ai cittadini in un bilancio tra i costi e l’efficacia dei trattamenti».

Lei ha citato alcuni progetti e cinque aree di intervento su cui il ministero sta lavorando. Quali sono quelle su cui lavorare di più, meglio e in cui si stanno facendo progressi?

«La prima è l’area dell’invecchiamento della popolazione che si porta dietro il tema della cronicità, anche se non sono due temi perfettamente sovrapponibili. Purtroppo, abbiamo anche dei malati cronici che non sono anziani. La cronicità è un tema a sé stante ma che si incrocia con quello dell’invecchiamento. Il secondo tema è quello della sanità elettronica, dell’innovazione tecnologica e dei nuovi dispositivi. Il terzo della medicina di precisione e dei big data e delle analisi genomiche e il quarto è quello dello sviluppo farmaceutico. L’Italia è il primo produttore europeo di farmaci e per noi è un asset strategico fondamentale di sviluppo nel nostro paese. L’ultimo, è il tema della nutraceutica con i nuovi studi sull’alimentazione che hanno grande importanza a livello curativo oltre che per il fabbisogno personale».

Articoli correlati
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Rimborsabilità farmaci anticoagulanti: Aifa semplifica procedura. SIMG: «Grande soddisfazione»
«La SIMG ha espresso da sempre una posizione contraria ai piani terapeutici per i farmaci di utilizzo territoriale. Auspichiamo che alla liberalizzazione prescrittiva dei DOACs segua anche l’abolizione del piano terapeutico per i farmaci antidiabetici e a quelli per la BPCO» evidenzia il Presidente Cricelli
Nuovi anticoagulanti orali, Aifa consente prescrizione da parte dei MMG. I medici: «Bene, ma ora estensione a farmaci per diabete e BPCO»
Scotti (FIMMG): «Finalmente un passo nella direzione giusta». Anelli (FNOMCeO): «È questa per noi la vera appropriatezza, che non può che tradursi in un beneficio anche in termini di sostenibilità del SSN»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli