Lavoro 7 Novembre 2019

Contratto sanità privata, Cittadini (AIOP): «Bene apertura delle Regioni, evitare inciampi. Garanzie su modifiche a Dl Balduzzi»

La Presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata sottolinea: «Stiamo lavorando sinergicamente a questo progetto, mi auguro per le lavoratrici e i lavoratori del SSN che sia la volta giusta». Regioni si faranno carico del 50% dei costi a partire dal 2020

La trattativa per il rinnovo del contratto della sanità privata, fermo da 12 anni, sembra avviarsi a un punto di svolta. Decisiva l’apertura del presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini che, in una lettera indirizzata al Ministro Speranza e ai presidenti di AIOP (Associazione italiana ospedalità privata) e ARIS (Associazione religiosa istituti socio-sanitari), ha manifestato la disponibilità delle regioni a farsi carico a partire dal 2020 del 50% dei costi del rinnovo contrattuale attraverso aumento budget delle prestazioni.

Una disponibilità da parte delle Regioni arrivata dopo la conferma dell’incremento del Fondo sanitario nazionale per l’anno 2020 di 2 miliardi di euro e che si basa però «sul presupposto fondamentale che il Governo acceda ad una modifica normativa per consentire la rivisitazione del vincolo fissato dal Dl numero 95 (Dl Balduzzi) del 2012 sugli acquisti di prestazioni sanitarie da soggetti privati accreditati per tutte le Regioni». Una disponibilità che la Lombardia ha colto al balzo, annunciando l’intenzione di andare verso l’accordo per il rinnovo del contratto che in regione interessa 26.825 lavoratori e consentirà ai dipendenti di ottenere in busta paga 150 euro netti in più al mese mentre il valore dell’incremento complessivo annuo è di circa 80 milioni di euro.

Anche sul fronte dei medici della sanità privata sembra arrivare una schiarita: il prossimo 14 novembre il segretario nazionale Cimop, Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata, Carmela De Rango incontrerà i vertici di ARIS e AIOP. I medici dell’ospedalità privata sono da mesi in stato di agitazione. Ne abbiamo parlato con la presidente nazionale di AIOP Barbara Cittadini.

La manovra finanziaria 2020 ha iniziato il suo iter parlamentare: sono previsti stanziamenti per la sanità. Cosa ne pensa?

«In questi giorni abbiamo in corso una trattativa con il Ministero alla quale teniamo molto perchè riguarda le risorse umane che lavorano nelle nostre aziende. Bisogna rinnovare il loro contratto che è scaduto da 12 anni e questa per noi è una priorità. Devo dire che abbiamo registrato la grandissima sensibilità del ministro Speranza e la straordinaria determinazione in tal senso del presidente Bonaccini e della conferenza Stato-Regioni e questo ci fa ben sperare. Sappiamo che i soldi sono stati stanziati, abbiamo avuto rassicurazioni che sarà modificato il DL 95 che blocca l’incremento delle risorse alla componente di diritto privato del SSN e la Conferenza Stato-Regioni ha determinato anche la compartecipazione del loro sacrificio in termini economici al rinnovo del nostro contratto. Noi siamo disponibili in tal senso e stiamo lavorando. Bisogna chiarire alcuni aspetti che evitino inciampi nelle regioni in termini di meccanismi operativi. Stiamo lavorando sinergicamente a questo progetto, mi auguro per le lavoratrici e i lavoratori del SSN che sia la volta giusta».

Parliamo di innovazione tecnologica e accesso alle cure. La sanità privata segue molto l’innovazione tecnologica, spesso in maniera più rapida e semplice…

«La componente di diritto privato del SSN segue con attenzione tutte quelle che sono le innovazioni tecnologiche e sanitarie che la scienza e la ricerca mettono a disposizione perché il nostro obiettivo è quello di dare una risposta assistenziale in termini di servizi e prestazioni efficienti e efficaci appropriati alla domanda di salute di tutti coloro che vivono in Italia».

Articoli correlati
Aiop redige 1° bilancio sociale aggregato. Cittadini: «Siamo valore aggiunto per i territori»
Il primo bilancio sociale aggregato delle strutture ospedaliere associate Aiop evidenzia il contributo che l’ospedalità di diritto privato apporta al SSN: il 28,4% delle giornate di degenza e il 26,5% delle prestazioni, a fronte di un’incidenza soltanto del 13,5% sulla spesa ospedaliera pubblica
Sicilia, i dati di Meridiano Sanità: più fumatori e obesi della media italiana. Musumeci: «Tra 20 anni record anziani, agire ora»
Il 19 ottobre si è chiuso a  Palermo il Forum Internazionale che ha riunito istituzioni, rappresentanti di Paesi esteri, esperti del mondo della ricerca ed esponenti della business community
Sanità privata, De Rango (Cimop): «Sciopero se non riconosciuta parità tra medici»
L'appello del segretario nazionale della Cimop al ministro Speranza: «È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. La politica mostri interessi anche per i fondi pubblici utilizzati dalla sanità privata»
Sanità privata, i sindacati sospendono lo sciopero. Il 19 riprende la trattativa per il rinnovo del contratto
Al tavolo di confronto con il ministro della Salute Roberto Speranza, registrati l'impegno concreto assunto dalle Regioni e la presa di responsabilità da parte delle controparti. Cittadini (Aiop): «Totale disponibilità a condividere con responsabilità un percorso che ci vedrà fare la nostra parte in termini di impegno e sacrificio. Cercheremo di trovare insieme le risposte più adatte»
Sanità privata, Ferruzzi (Cisl Fp): «In media si guadagna 160 euro al mese in meno rispetto al pubblico»
Attesa per il tavolo con il Ministro Speranza sulla vertenza che riguarda il rinnovo del contratto per la sanità privata, bloccato ormai da oltre 13 anni. L’intervista a Marianna Ferruzzi, segretario nazionale Cisl Fp
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...