Lavoro 25 Settembre 2019

Sanità privata, De Rango (Cimop): «Sciopero se non riconosciuta parità tra medici»

L’appello del segretario nazionale della Cimop al ministro Speranza: «È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. La politica mostri interessi anche per i fondi pubblici utilizzati dalla sanità privata»

I medici della sanità privata stanno per intraprendere la strada che li condurrà allo sciopero. Le associazioni datoriali, impegnate in queste ore al ministero della Salute per la trattativa del rinnovo del contratto dei professionisti sanitari della sanità privata, hanno chiesto ancora un po’ di tempo al sindacato Cimop, che quindi non ha ancora fissato una data nè iniziato l’iter formale da seguire. «Ma si va verso lo sciopero», sottolinea a Sanità Informazione il segretario nazionale Carmela De Rango. 

È sempre il rinnovo del contratto dei medici della sanità privata il pomo della discordia. Un contratto vecchio di 14 anni, superato da una serie di modifiche legislative, che prevede un trattamento economico pari alla metà di quanto riconosciuto ai medici della sanità pubblica. «La proposta che abbiamo ricevuto da Aiop e Aris è irricevibile – continua la De Rango – perché prevede un autofinanziamento e quindi, di fatto, un aumento di risorse solo se corrisponde un aumento di lavoro. Il ministro della Salute Speranza, che la scorsa settimana ha incontrato i sindacati della sanità privata, ci ha ignorati. È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. Invece anche l’attuale governo ci sta discriminando».

LEGGI ANCHE: SANITÀ PRIVATA, CIMOP PROCLAMA STATO DI AGITAZIONE. IL SEGRETARIO: «SPERANZA CONVOCHI ANCHE I MEDICI, PROPOSTA DI RINNOVO INACCETTABILE»

«Vorrei ricordare – prosegue il segretario – che le aziende sanitarie private utilizzano fondi pubblici, e che ci dovrebbe essere un interesse da parte della politica nel modo in cui questi fondi vengono utilizzati. Siamo molto arrabbiati e lo stato di agitazione non è un capriccio, ma un passo ponderato, sofferto e indispensabile per far valere i diritti dei medici della sanità privata».

E aggiunge: «Il mancato riconoscimento dei titoli di carriera tra medici che svolgono le stesse funzioni è una ulteriore differenza, ingiustificata e altamente dequalificante per la professione. Uniformare l’humus di una stessa professione, attuata dagli stessi professionisti, con le medesime mansioni, ma che hanno una differenza solo semantica, sarebbe un gesto di grande correttezza e onestà intellettuale per l’intero comparto sanitario. E, aggiungiamo, sarebbe un vero e proprio punto di partenza (nuovo e innovativo) per quel famoso patto tra medici, pazienti e Stato che è cemento per l’inter sfera dei diritti e dei doveri in ambito sanitario».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO CIMOP, DE RANGO CONFERMATA SEGRETARIO NAZIONALE: «CONTRATTO È PRIORITÀ. CHIESTO AUMENTO DEL 50%»

Articoli correlati
Sanità privata, la protesta di Cgil, Cisl e Uil: «Firma entro pochi giorni o sciopero generale»
Presidio di decine di lavoratori davanti alla Camera dei deputati: tra gli slogan «contratto subito» e «padroni predoni». Landini (Cgil): «Firmare il contratto vuol dire riconoscere il lavoro delle persone e mettere al centro la salute dei cittadini». Bombardieri (Uil): «Se non si rinnovano i contratti, lo scontro sarà inevitabile». Ai manifestanti la solidarietà del vicesegretario dem Andrea Orlando
Contratto Sanità privata, Cimop sciopera. De Rango: «Perché Speranza e Bonaccini tollerano questo affronto?»
Il segretario di Cimop accusa Aris e Aiop di scaricare il mancato rinnovo sugli accordi regionali: «Perché un medico delle aziende private accreditate deve essere retribuito il 50%?»
Contratti, Cgil, Cisl e Uil proclamano sciopero nazionale per mancata ratifica Sanità Privata
«Siamo oltre l’indignazione, oltre la vergogna. Aris e Aiop avrebbero dovuto convocarci per la firma del contratto della Sanità Privata ma ci hanno comunicato che non sarebbe avvenuto»
Sanità privata, UGL: «Non disperdere gli accordi della pre-intesa. Ora responsabilità»
In base alla pre-intesa siglata il 10 giugno il contratto doveva essere stipulato entro il 30 luglio. «Noi come sindacato saremo garanti dei diritti degli operatori coinvolti, che attendono questa firma da 14 lunghissimi anni. Per tale ragione ci riserviamo, qualora in tempi brevi non si arrivi all’auspicata soluzione, di intraprendere qualunque iniziativa a tutela dei lavoratori» spiega il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano
Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale
Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...