Lavoro 25 Settembre 2019 12:30

Sanità privata, De Rango (Cimop): «Sciopero se non riconosciuta parità tra medici»

L’appello del segretario nazionale della Cimop al ministro Speranza: «È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. La politica mostri interessi anche per i fondi pubblici utilizzati dalla sanità privata»

I medici della sanità privata stanno per intraprendere la strada che li condurrà allo sciopero. Le associazioni datoriali, impegnate in queste ore al ministero della Salute per la trattativa del rinnovo del contratto dei professionisti sanitari della sanità privata, hanno chiesto ancora un po’ di tempo al sindacato Cimop, che quindi non ha ancora fissato una data nè iniziato l’iter formale da seguire. «Ma si va verso lo sciopero», sottolinea a Sanità Informazione il segretario nazionale Carmela De Rango. 

È sempre il rinnovo del contratto dei medici della sanità privata il pomo della discordia. Un contratto vecchio di 14 anni, superato da una serie di modifiche legislative, che prevede un trattamento economico pari alla metà di quanto riconosciuto ai medici della sanità pubblica. «La proposta che abbiamo ricevuto da Aiop e Aris è irricevibile – continua la De Rango – perché prevede un autofinanziamento e quindi, di fatto, un aumento di risorse solo se corrisponde un aumento di lavoro. Il ministro della Salute Speranza, che la scorsa settimana ha incontrato i sindacati della sanità privata, ci ha ignorati. È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. Invece anche l’attuale governo ci sta discriminando».

LEGGI ANCHE: SANITÀ PRIVATA, CIMOP PROCLAMA STATO DI AGITAZIONE. IL SEGRETARIO: «SPERANZA CONVOCHI ANCHE I MEDICI, PROPOSTA DI RINNOVO INACCETTABILE»

«Vorrei ricordare – prosegue il segretario – che le aziende sanitarie private utilizzano fondi pubblici, e che ci dovrebbe essere un interesse da parte della politica nel modo in cui questi fondi vengono utilizzati. Siamo molto arrabbiati e lo stato di agitazione non è un capriccio, ma un passo ponderato, sofferto e indispensabile per far valere i diritti dei medici della sanità privata».

E aggiunge: «Il mancato riconoscimento dei titoli di carriera tra medici che svolgono le stesse funzioni è una ulteriore differenza, ingiustificata e altamente dequalificante per la professione. Uniformare l’humus di una stessa professione, attuata dagli stessi professionisti, con le medesime mansioni, ma che hanno una differenza solo semantica, sarebbe un gesto di grande correttezza e onestà intellettuale per l’intero comparto sanitario. E, aggiungiamo, sarebbe un vero e proprio punto di partenza (nuovo e innovativo) per quel famoso patto tra medici, pazienti e Stato che è cemento per l’inter sfera dei diritti e dei doveri in ambito sanitario».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO CIMOP, DE RANGO CONFERMATA SEGRETARIO NAZIONALE: «CONTRATTO È PRIORITÀ. CHIESTO AUMENTO DEL 50%»

Articoli correlati
Ospedalità privata, l’appello dei medici al prossimo Governo: «Non dimenticatevi di noi»
Quici (CIMO-FESMED): «Intollerabili le discriminazioni tra medici del pubblico e medici del privato convenzionato». De Rango (CIMOP): «Introdurre contratto quadro per sanare ingiustizia»
PNRR e Case della comunità: la sanità privata non le vuole
Vietti (ACOP): «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto. Per rinforzare l’assistenza territoriale meglio investire sulle strutture sanitarie (private-convenzionate) già esistenti»
AIOP e le associazioni della sanità privata: «Sì ai nuovi Lea, no al Tariffario»
Aiop, Aris, Andiar, Ansoc, Federanisap, Federbiologi, FederLab, Sbv, Snr, Cic, Sicop ribadiscono la loro contrarietà al nuovo Tariffario dell’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, che prevede riduzioni fino all’80%
Sanità, AIOP e le altre associazioni della sanità privata: «Conferenza delle Regioni non approvi nuovo tariffario»
Nella nota firmata da AIOP, ARIS, ANDIAR, ANSOC, FEDERANISAP, FEDERBIOLOGI, FEDERLAB, SBV, SNR, CIC, SICOP si sottolinea che «il nuovo Tariffario di specialistica ambulatoriale aumenta le liste d’attesa e non consente di garantire prestazioni di qualità»
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari

Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla ...
Salute

Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto

Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi c...
Salute

Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita

Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.