Lavoro 24 Giugno 2019

Congresso CIMOP, De Rango confermata segretario nazionale: «Contratto è priorità. Chiesto aumento del 50%»

Il sindacato dei medici dell’ospedalità privata rinnova l’esecutivo nazionale. Carmela De Rango: «Necessario colmare gap con le retribuzioni dei medici del pubblico». La presidente AIOP Barbara Cittadini: «Convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni è segnale di interesse. Le Regioni devono svolgere un ruolo importante nelle trattative, altrimenti rischiamo la crisi di aziende e posti di lavoro»

Immagine articolo

Si è concluso nel week-end il congresso nazionale della CIMOP, il principale sindacato che rappresenta i medici dell’ospedalità privata. Al termine dei lavori, la dottoressa Carmela De Rango è stata riconfermata segretario nazionale, mentre Augusto Rivellini prende il posto di Fausto Campanozzi alla presidenza.

LEGGI ANCHE: NUOVO PATTO FEDERATIVO CIMO-FESMED E CIMOP, QUICI: «OSPEDALIERI PUBBLICI E PRIVATI INSIEME PER LA CENTRALITA’ DELLA PROFESSIONE»

«Le delegazioni regionali hanno rinnovato la fiducia nella mia persona e nell’operato che in questi tre anni ho portato avanti – commenta ai nostri microfoni la De Rango -. Questi tre giorni sono stati un momento importante di confronto. Abbiamo affrontato e risolto i nodi del triennio precedente e i congressisti hanno dettato le linee programmatiche per quello futuro, a partire dalla firma del contratto».

Non poteva che essere questo, infatti, il cardine intorno al quale ancorare la discussione: «Dopo 10 anni senza rinnovo e grazie alle trattative contrattuali che ho impostato – spiega il segretario nazionale – avremo un contratto estremamente diverso rispetto a quello che abbiamo oggi. Abbiamo praticamente già concluso la parte normativa con grande coraggio e flessibilità, accogliendo l’esigenza delle aziende di avere una particolare elasticità sugli inquadramenti e l’organizzazione del lavoro. Ci aspettiamo, tuttavia, che la nostra flessibilità sia ricompensata dal giusto riconoscimento economico».

«Rispetto ai colleghi del pubblico, che fanno esattamente il nostro stesso lavoro – prosegue la De Rango -, la nostra retribuzione è del 40-50% in meno. Il mio obiettivo quindi è colmare questo gap. Siamo stati convocati dalla Conferenza Stato-Regioni ed il presidente Sergio Venturi ci ha rassicurato che siederemo ad un tavolo insieme alla proprietà per trovare dei punti di contatto e sottoscrivere, finalmente, il contratto».

LEGGI ANCHE: RINNOVO CONTRATTO SANITA’ PRIVATA, AIOP: «SIAMO COINVOLTE REGIONI». CGIL: «CHI FA PROFITTI NON PUO’ CHIEDERE CHE A PAGARE SIANO ALTRI»

A rappresentare la proprietà al congresso CIMOP, c’erano sia il presidente dell’ARIS (Associazione Religiosa degli Istituti Socio-Sanitari) Virginio Bebber, che la presidente dell’AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) Barbara Cittadini che, a Sanità Informazione, conferma la convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni: «È la prima volta nella storia dell’AIOP e la registro come un interesse reale e proattivo del coordinamento degli assessori regionali alla sanità. Ho avuto modo di percepire una grande sensibilità, perché noi non stiamo chiedendo soldi per le strutture, ma per quegli uomini e quelle donne che tutti i giorni erogano, in nome e per conto del Servizio Sanitario Nazionale, servizi e prestazioni nelle strutture che rappresentano la componente di diritto privato del SSN».

Il nodo del contendere, come sempre, sono le risorse: «Noi lavoriamo quotidianamente per concludere il contratto, che rappresenta una mia priorità – commenta la Cittadini -. Ma poiché noi operiamo in un mercato regolamentato e non stabiliamo né i volumi di attività né le tariffe, abbiamo bisogno che il terzo interlocutore (le Regioni, ndr) maturi la consapevolezza di dover svolgere un ruolo in questa fase di trattative».

Di qui l’importanza dell’incontro con la Stato-Regioni e la rivisitazione delle tariffe: «Nelle 21 Regioni si registrano dei gap tariffari non indifferenti. In alcune Regioni, un rinnovo contrattuale alle tariffe vigenti – conclude la Presidente AIOP – rischierebbe di mettere in seria e grave crisi le aziende ed i posti di lavoro».

Articoli correlati
Sanità privata, i sindacati sospendono lo sciopero. Il 19 riprende la trattativa per il rinnovo del contratto
Al tavolo di confronto con il ministro della Salute Roberto Speranza, registrati l'impegno concreto assunto dalle Regioni e la presa di responsabilità da parte delle controparti. Cittadini (Aiop): «Totale disponibilità a condividere con responsabilità un percorso che ci vedrà fare la nostra parte in termini di impegno e sacrificio. Cercheremo di trovare insieme le risposte più adatte»
Sanità privata, Cimop proclama stato di agitazione. Il segretario: «Speranza convochi anche i medici, proposta di rinnovo inaccettabile»
La Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata chiede un incontro a Speranza che intanto ha convocato i rappresentanti dei sindacati non medici. «Ci è stato proposta un rinnovo in autofinanziamento, con 100 ore di lavoro in più all’anno: così abbiamo interrotto le trattative», sottolinea il segretario Carmela De Rango
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Sanità privata, Ferruzzi (Cisl Fp): «In media si guadagna 160 euro al mese in meno rispetto al pubblico»
Attesa per il tavolo con il Ministro Speranza sulla vertenza che riguarda il rinnovo del contratto per la sanità privata, bloccato ormai da oltre 13 anni. L’intervista a Marianna Ferruzzi, segretario nazionale Cisl Fp
Sanità privata, Speranza convoca il tavolo con i sindacati. Cgil, Cisl e Uil: «Apprezziamo impegno mantenuto»
Il rinnovo del contratto, atteso da oltre 13 anni, riguarda circa 300 mila tra infermieri, radiologi, operatori socio-sanitari, fisioterapisti e tutti i professionisti della salute impegnati nel privato
Aiop e Aris al ministro Speranza: «Lavorare insieme per preservare l’impianto universalistico, solidaristico e pluralista del SSN»
«Auguri di buon lavoro e disponibilità immediata a lavorare insieme tenendo conto dell’obiettivo comune: rinnovare il Servizio Sanitario Nazionale mantenendone il carattere universale, pluralista e solidale». Così Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) e Padre Virginio Bebber, Presidente Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari) hanno commentato la nomina al vertice della sanità italiana […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali