Lavoro 24 Giugno 2019

Congresso CIMOP, De Rango confermata segretario nazionale: «Contratto è priorità. Chiesto aumento del 50%»

Il sindacato dei medici dell’ospedalità privata rinnova l’esecutivo nazionale. Carmela De Rango: «Necessario colmare gap con le retribuzioni dei medici del pubblico». La presidente AIOP Barbara Cittadini: «Convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni è segnale di interesse. Le Regioni devono svolgere un ruolo importante nelle trattative, altrimenti rischiamo la crisi di aziende e posti di lavoro»

Immagine articolo

Si è concluso nel week-end il congresso nazionale della CIMOP, il principale sindacato che rappresenta i medici dell’ospedalità privata. Al termine dei lavori, la dottoressa Carmela De Rango è stata riconfermata segretario nazionale, mentre Augusto Rivellini prende il posto di Fausto Campanozzi alla presidenza.

LEGGI ANCHE: NUOVO PATTO FEDERATIVO CIMO-FESMED E CIMOP, QUICI: «OSPEDALIERI PUBBLICI E PRIVATI INSIEME PER LA CENTRALITA’ DELLA PROFESSIONE»

«Le delegazioni regionali hanno rinnovato la fiducia nella mia persona e nell’operato che in questi tre anni ho portato avanti – commenta ai nostri microfoni la De Rango -. Questi tre giorni sono stati un momento importante di confronto. Abbiamo affrontato e risolto i nodi del triennio precedente e i congressisti hanno dettato le linee programmatiche per quello futuro, a partire dalla firma del contratto».

Non poteva che essere questo, infatti, il cardine intorno al quale ancorare la discussione: «Dopo 10 anni senza rinnovo e grazie alle trattative contrattuali che ho impostato – spiega il segretario nazionale – avremo un contratto estremamente diverso rispetto a quello che abbiamo oggi. Abbiamo praticamente già concluso la parte normativa con grande coraggio e flessibilità, accogliendo l’esigenza delle aziende di avere una particolare elasticità sugli inquadramenti e l’organizzazione del lavoro. Ci aspettiamo, tuttavia, che la nostra flessibilità sia ricompensata dal giusto riconoscimento economico».

«Rispetto ai colleghi del pubblico, che fanno esattamente il nostro stesso lavoro – prosegue la De Rango -, la nostra retribuzione è del 40-50% in meno. Il mio obiettivo quindi è colmare questo gap. Siamo stati convocati dalla Conferenza Stato-Regioni ed il presidente Sergio Venturi ci ha rassicurato che siederemo ad un tavolo insieme alla proprietà per trovare dei punti di contatto e sottoscrivere, finalmente, il contratto».

LEGGI ANCHE: RINNOVO CONTRATTO SANITA’ PRIVATA, AIOP: «SIAMO COINVOLTE REGIONI». CGIL: «CHI FA PROFITTI NON PUO’ CHIEDERE CHE A PAGARE SIANO ALTRI»

A rappresentare la proprietà al congresso CIMOP, c’erano sia il presidente dell’ARIS (Associazione Religiosa degli Istituti Socio-Sanitari) Virginio Bebber, che la presidente dell’AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) Barbara Cittadini che, a Sanità Informazione, conferma la convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni: «È la prima volta nella storia dell’AIOP e la registro come un interesse reale e proattivo del coordinamento degli assessori regionali alla sanità. Ho avuto modo di percepire una grande sensibilità, perché noi non stiamo chiedendo soldi per le strutture, ma per quegli uomini e quelle donne che tutti i giorni erogano, in nome e per conto del Servizio Sanitario Nazionale, servizi e prestazioni nelle strutture che rappresentano la componente di diritto privato del SSN».

Il nodo del contendere, come sempre, sono le risorse: «Noi lavoriamo quotidianamente per concludere il contratto, che rappresenta una mia priorità – commenta la Cittadini -. Ma poiché noi operiamo in un mercato regolamentato e non stabiliamo né i volumi di attività né le tariffe, abbiamo bisogno che il terzo interlocutore (le Regioni, ndr) maturi la consapevolezza di dover svolgere un ruolo in questa fase di trattative».

Di qui l’importanza dell’incontro con la Stato-Regioni e la rivisitazione delle tariffe: «Nelle 21 Regioni si registrano dei gap tariffari non indifferenti. In alcune Regioni, un rinnovo contrattuale alle tariffe vigenti – conclude la Presidente AIOP – rischierebbe di mettere in seria e grave crisi le aziende ed i posti di lavoro».

Articoli correlati
Contratto sanità privata, Cittadini (AIOP): «Bene apertura delle Regioni, evitare inciampi. Garanzie su modifiche a Dl Balduzzi»
La Presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata sottolinea: «Stiamo lavorando sinergicamente a questo progetto, mi auguro per le lavoratrici e i lavoratori del SSN che sia la volta giusta». Regioni si faranno carico del 50% dei costi a partire dal 2020
«Riaprire tavolo negoziale per correggere il contratto dei medici». La richiesta di Cimo-Fesmed ad ARAN
La Federazione presieduta da Guido Quici denuncia modifiche unilaterali di ARAN alla preintesa. Inoltre chiederà il supporto delle associazioni nazionali per i disabili per ottenere la modifica dell’articolo della preintesa che ha cancellato le tutele per i medici portatori di handicap
Sicilia, i dati di Meridiano Sanità: più fumatori e obesi della media italiana. Musumeci: «Tra 20 anni record anziani, agire ora»
Il 19 ottobre si è chiuso a  Palermo il Forum Internazionale che ha riunito istituzioni, rappresentanti di Paesi esteri, esperti del mondo della ricerca ed esponenti della business community
Contratto dirigenza, il Patto per la Professione Medica elenca le correzioni necessarie prima della firma definitiva
«Porre rimedio il prima possibile agli errori e ai danni nascosti nel preaccordo sul CCNL dei medici dirigenti dello scorso 24 luglio, errori frutto della forzata e frettolosa conclusione della trattativa e della volontà di portare a casa un testo che penalizza i medici». È questa la richiesta alle istituzioni di CIMO, FESMED, ANPO-ASCOTI-FIALS Medici, […]
Sanità privata, De Rango (Cimop): «Sciopero se non riconosciuta parità tra medici»
L'appello del segretario nazionale della Cimop al ministro Speranza: «È vero che siamo una nicchia ed un sindacato autonomo lontano dagli interessi dei partiti, ma anche noi abbiamo il diritto di essere ascoltati. La politica mostri interessi anche per i fondi pubblici utilizzati dalla sanità privata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...