Lavoro 5 Marzo 2019

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di 300mila lavoratori. Le interviste alla presidente Aiop Cittadini e al responsabile sanità di Fp Cgil Vannini

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

È scontro aperto tra sindacati e ospedalità privata. Dopo 12 anni senza rinnovo del contratto, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno interrotto le trattative con le controparti Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari). Come sempre accade in questi casi, il nodo del contendere sono le risorse. I sindacati hanno chiesto per gli oltre 300mila lavoratori della sanità privata un aumento medio di 85 euro lordi mensili, pari all’incremento ottenuto dai colleghi della sanità pubblica; risorse che però Aiop e Aris non sono disposte a garantire in assenza di una revisione dei tariffari da parte delle Regioni.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, RIPRENDONO LE TRATTATIVE. INTERSINDACALE CONVOCATA DA ARAN PER IL 13 MARZO

«Noi operiamo in base ai tariffari stabiliti dalle Regioni, che sono fermi da dieci anni – spiega a Sanità Informazione la presidente nazionale di Aiop Barbara Cittadini -. Il rinnovo del contratto per noi è una priorità ed è il primo tema della nostra agenda, ma il problema va affrontato in sede di Conferenza Stato-Regioni: gli assessori devono confrontarsi tra loro e individuare le risorse da destinare non alle strutture, ma ai lavoratori della sanità privata, che sono il vero patrimonio delle nostre aziende e che si dedicano alla tutela di un diritto costituzionalmente garantito. Riteniamo doveroso che l’impegno nei loro confronti venga rispettato e bisogna lavorare tutti insieme, facendo uno sforzo comune, per dare loro una risposta».

Ma a detta di Michele Vannini, responsabile sanità di Fp Cgil, i sindacati si sono trovati di fronte «alla totale indisponibilità, da parte di Aris e Aiop, a stanziare anche solo un euro per farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto. Per questo siamo arrivati alla rottura delle trattative e alla mobilitazione», ci spiega. «Noi non abbiamo mai negato che anche le Regioni debbano fare la loro parte – prosegue Vannini -, ma francamente ci sembra esagerato pensare che imprenditori e grandi gruppi del privato, che continuano a fare utili e profitti, non siano disponibili a mettere un euro per rinnovare il contratto dei loro dipendenti, e lo facciano pagare integralmente alle casse dello stato».

«Più volte – continua il responsabile sanità di Fp Cgil -, nell’anno e mezzo di trattativa, le controparti ci hanno evidenziato le loro intenzioni di chiedere alle Regioni di farsi carico della questione dei costi, ma non ci avevano mai detto che la loro disponibilità era pari a zero, e che la copertura da parte del pubblico doveva essere integrale. Quindi – prosegue Vannini – in base alla loro teoria, l’ospedalità privata dovrebbe continuare a fare impresa e a guadagnare in un mercato protetto, che garantisce rendite per un periodo di tempo molto lungo, ma poi quando si tratta di rinnovare il contratto dei loro dipendenti chiede che a pagare sia qualcun altro. È un approccio abbastanza disdicevole».

La presidente di Aiop controbatte sottolineando il fatto che «le strutture private non operano in un sistema di libero mercato, ma in un sistema in cui sono la componente di diritto privato del Servizio sanitario nazionale. E se firmassimo il contratto oggi – ci spiega – alcune realtà in Regioni in difficoltà rischierebbero l’equilibrio economico-finanziario funzionale alla sopravvivenza delle strutture stesse. Ci troveremmo quindi davanti ad un problema ben più grave del rinnovo del contratto: il fallimento di molte aziende. Comprendo la decisione dei sindacati di interrompere le trattative – conclude la Cittadini – ma bisogna coinvolgere le Regioni».

LEGGI ANCHE: SANITA’ REGIONI, LA PROPOSTA DI SILERI: «SERVE COMMISSARIAMENTO ‘CHIRURGICO’ SOLO SU ASPETTI CHE VANNO MALE». LUCA COLETTO: «IN PATTO SALUTE NUOVE MODALITA’»

I sindacati, di fatto, hanno richiesto un incontro al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, che dovrebbe essere calendarizzato per i prossimi giorni. E dopo l’intervento del neo-segretario generale della Cgil Maurizio Landini, che in un video-messaggio ha definito il rinnovo del contratto della sanità privata «un atto di civiltà», i sindacati confederali non escludono che, in assenza di cambiamenti, la mobilitazione, che dall’inizio dell’anno ha già visto scioperi, manifestazioni e presidi a livello regionale, incrementi la sua intensità. «Il livello di esasperazione dei lavoratori del settore è altissimo – conclude Vannini – perché si tratta di professionisti che lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7; che svolgono lavori gravosi e molto delicati; che sono sottoposti a turni massacranti. E che da 12 anni non vedono nemmeno 50 centesimi in più in busta paga. Le cose devono per forza cambiare».

 

Articoli correlati
Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»
La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni
Patto per la Salute, la ricetta dell’UGL Sanità: «Per rilancio Ssn sblocco del turnover ed equiparare Sanità Pubblica e Privata»
È in corso al Ministero della Salute la “Maratona Patto per la Salute”. Nel giorno dei sindacati, anche l’UGL Sanità ha portato le sue ricette presentate dal segretario nazionale Ugl Sanità, Gianluca Giuliano, e dal dirigente nazionale Ugl Sanità, Gianluca Gaeta. «Nella presentazione della ‘Maratona Patto per la Salute’ due slide hanno particolarmente colpito la […]
Sanità privata, stallo su rinnovo contratto. Cgil-Cisl-Uil: «Chiederemo incontro a Ministro Grillo. Pronti a iniziative di lotta»
Fumata nera nell’incontro tra le parti alla Conferenza delle regioni. «Riteniamo necessario che lo stato di agitazione sia esteso a livello nazionale con una fitta programmazione di iniziative di lotta con risvolti che potranno riguardare l'ordine pubblico» recita una nota sindacale
Congresso CIMOP, De Rango confermata segretario nazionale: «Contratto è priorità. Chiesto aumento del 50%»
Il sindacato dei medici dell’ospedalità privata rinnova l’esecutivo nazionale. Carmela De Rango: «Necessario colmare gap con le retribuzioni dei medici del pubblico». La presidente AIOP Barbara Cittadini: «Convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni è segnale di interesse. Le Regioni devono svolgere un ruolo importante nelle trattative, altrimenti rischiamo la crisi di aziende e posti di lavoro»
Il Decreto Calabria è legge: “stretta” sulle nomine di Asl e Ospedali, sbloccato il turn over
La legge contiene anche misure sulla formazione dei medici di medicina generale e una norma che interviene sulla carenza dei medicinali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone