Lavoro 5 Marzo 2019

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di 300mila lavoratori. Le interviste alla presidente Aiop Cittadini e al responsabile sanità di Fp Cgil Vannini

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

È scontro aperto tra sindacati e ospedalità privata. Dopo 12 anni senza rinnovo del contratto, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno interrotto le trattative con le controparti Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari). Come sempre accade in questi casi, il nodo del contendere sono le risorse. I sindacati hanno chiesto per gli oltre 300mila lavoratori della sanità privata un aumento medio di 85 euro lordi mensili, pari all’incremento ottenuto dai colleghi della sanità pubblica; risorse che però Aiop e Aris non sono disposte a garantire in assenza di una revisione dei tariffari da parte delle Regioni.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, RIPRENDONO LE TRATTATIVE. INTERSINDACALE CONVOCATA DA ARAN PER IL 13 MARZO

«Noi operiamo in base ai tariffari stabiliti dalle Regioni, che sono fermi da dieci anni – spiega a Sanità Informazione la presidente nazionale di Aiop Barbara Cittadini -. Il rinnovo del contratto per noi è una priorità ed è il primo tema della nostra agenda, ma il problema va affrontato in sede di Conferenza Stato-Regioni: gli assessori devono confrontarsi tra loro e individuare le risorse da destinare non alle strutture, ma ai lavoratori della sanità privata, che sono il vero patrimonio delle nostre aziende e che si dedicano alla tutela di un diritto costituzionalmente garantito. Riteniamo doveroso che l’impegno nei loro confronti venga rispettato e bisogna lavorare tutti insieme, facendo uno sforzo comune, per dare loro una risposta».

Ma a detta di Michele Vannini, responsabile sanità di Fp Cgil, i sindacati si sono trovati di fronte «alla totale indisponibilità, da parte di Aris e Aiop, a stanziare anche solo un euro per farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto. Per questo siamo arrivati alla rottura delle trattative e alla mobilitazione», ci spiega. «Noi non abbiamo mai negato che anche le Regioni debbano fare la loro parte – prosegue Vannini -, ma francamente ci sembra esagerato pensare che imprenditori e grandi gruppi del privato, che continuano a fare utili e profitti, non siano disponibili a mettere un euro per rinnovare il contratto dei loro dipendenti, e lo facciano pagare integralmente alle casse dello stato».

«Più volte – continua il responsabile sanità di Fp Cgil -, nell’anno e mezzo di trattativa, le controparti ci hanno evidenziato le loro intenzioni di chiedere alle Regioni di farsi carico della questione dei costi, ma non ci avevano mai detto che la loro disponibilità era pari a zero, e che la copertura da parte del pubblico doveva essere integrale. Quindi – prosegue Vannini – in base alla loro teoria, l’ospedalità privata dovrebbe continuare a fare impresa e a guadagnare in un mercato protetto, che garantisce rendite per un periodo di tempo molto lungo, ma poi quando si tratta di rinnovare il contratto dei loro dipendenti chiede che a pagare sia qualcun altro. È un approccio abbastanza disdicevole».

La presidente di Aiop controbatte sottolineando il fatto che «le strutture private non operano in un sistema di libero mercato, ma in un sistema in cui sono la componente di diritto privato del Servizio sanitario nazionale. E se firmassimo il contratto oggi – ci spiega – alcune realtà in Regioni in difficoltà rischierebbero l’equilibrio economico-finanziario funzionale alla sopravvivenza delle strutture stesse. Ci troveremmo quindi davanti ad un problema ben più grave del rinnovo del contratto: il fallimento di molte aziende. Comprendo la decisione dei sindacati di interrompere le trattative – conclude la Cittadini – ma bisogna coinvolgere le Regioni».

LEGGI ANCHE: SANITA’ REGIONI, LA PROPOSTA DI SILERI: «SERVE COMMISSARIAMENTO ‘CHIRURGICO’ SOLO SU ASPETTI CHE VANNO MALE». LUCA COLETTO: «IN PATTO SALUTE NUOVE MODALITA’»

I sindacati, di fatto, hanno richiesto un incontro al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, che dovrebbe essere calendarizzato per i prossimi giorni. E dopo l’intervento del neo-segretario generale della Cgil Maurizio Landini, che in un video-messaggio ha definito il rinnovo del contratto della sanità privata «un atto di civiltà», i sindacati confederali non escludono che, in assenza di cambiamenti, la mobilitazione, che dall’inizio dell’anno ha già visto scioperi, manifestazioni e presidi a livello regionale, incrementi la sua intensità. «Il livello di esasperazione dei lavoratori del settore è altissimo – conclude Vannini – perché si tratta di professionisti che lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7; che svolgono lavori gravosi e molto delicati; che sono sottoposti a turni massacranti. E che da 12 anni non vedono nemmeno 50 centesimi in più in busta paga. Le cose devono per forza cambiare».

 

Articoli correlati
Innovazione digitale in sanità: White Wall è la start-up vincitrice dell’Open Innovation contest lanciato da Aiop Giovani
Nell’ambito della 55ª Assemblea Generale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata (Aiop) che si è svolta a Cernobbio, si è tenuta anche la prima edizione di “StartAiop. Alla ricerca di soluzioni innovative per la sanità”, il programma di Open Innovation lanciato da Aiop Giovani e rivolto alle start-up che hanno sviluppato idee all’avanguardia applicabili al settore sanitario. […]
Aiop, a Cernobbio la 55° assemblea: «Ospedalità privata, strumento di miglioramento continuo per il SSN»
Presentato il “Rapporto sulla qualità degli outcome clinici nell’ospedalità privata” alla 55a Assemblea Nazionale di Aiop a Cernobbio
Contratto medici, Sorrentino (Fp CGIL): «L’8 giugno saremo in piazza a Roma»
Sotto lo slogan #futuroèpubblico, CGIL, CISL e UIL scenderanno in piazza per chiedere assunzioni straordinarie e il rinnovo del contratto. Intanto anche la sanità privata soffre per un contratto bloccato da 12 anni
Sanità privata, contratto bloccato per 300mila lavoratori. Cgil-Cisl-Uil: «Una vergogna»
A Roma l'attivo unitario per la sanità privata promosso da CGIL, CISL e UIL ha visto la presenza dei segretari Landini, Furlan, Barbagallo
Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»
Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...