Lavoro 1 Marzo 2019

Contratto medici, riprendono le trattative. Intersindacale convocata da Aran per il 13 marzo

Il nodo da superare rimane lo sblocco della Retribuzione Individuale di Anzianità

L’Aran ha convocato le organizzazioni sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria per il prossimo 13 marzo. Riprendono quindi le trattative per il rinnovo del CCNL 2016-2018 dopo l’abbandono del tavolo tecnico da parte dell’intersindacale lo scorso marzo e lo stop del confronto tecnico avvenuto a settembre.

Da allora i sindacati hanno dichiarato lo stato di agitazione, culminato nello sciopero di novembre e in sit-in in tutta Italia, che hanno portato al superamento del comma 687 della Legge di Bilancio e a numerose promesse da parte del ministro della Salute Giulia Grillo: l’impegno a far convocare i sindacati dall’Aran, appunto, la revisione del parametro di spesa per il personale delle aziende del SSN ed il recupero dei contratti di formazione non assegnati.

Ma il nodo centrale per il rinnovo del contratto rimane lo sblocco della Retribuzione Individuale di Anzianità (RIA) per alimentare i fondi accessori e pagare quindi gli straordinari, le notti e i festivi dei medici. Si riprenderà da qui, ma la strada non sembra in discesa.

LEGGI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SUL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA DIRIGENZA

 

 

 

Articoli correlati
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
«Destinare risorse e tutele aggiuntive al personale impiegato nell’emergenza». Regioni e sindacati firmano protocollo d’intesa
Il documento chiede di riconoscere la grande professionalità, la capacità di adattamento organizzativo e la dedizione al lavoro degli operatori, attraverso un pacchetto di interventi che incrementi in misura sensibile le risorse disponibili
CIMO-FESMED al Governo: «Riformare sanità partendo dai suoi professionisti. Medici dipendenti del SSN fuori dalla funzione pubblica»
«i professionisti della salute - spiega Quici - non possono continuare a rimanere ostaggio di precipitose iniziative regionali che non hanno una visione d’insieme del nostro SSN come nel caso della recente risoluzione del Consiglio Regionale della Lombardia, che vorrebbe vedere i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta rientrare nella dipendenza pubblica»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Sanità privata chiede ammortizzatori sociali. Cgil Cisl Uil: «Paradossale con pandemia in corso. Regione Lazio ci convochi»
«In queste ore stiamo ricevendo tante richieste di attivazione della cassa integrazione (fis) da parte delle strutture della sanità privata del Lazio. Non possiamo che esprimere il nostro più profondo sconcerto e la nostra rabbia, anche a fronte dell’enorme peso che la pandemia da coronavirus sta riversando sugli operatori sanitari del pubblico e del privato». […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco