Politica 21 Febbraio 2019 18:53

Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»

Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l’intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l’intensità del commissariamento di cui la regione necessita»

Il tema del commissariamento delle regioni in sanità continua a far discutere. I recenti interventi del governo, dalle scelte in Calabria che hanno provocato l’ira del governatore Mario Oliverio fino alla polemica con il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, hanno contribuito a inasprire le posizioni, già tese per la norma approvata recentemente che vieta il doppio ruolo di presidente-commissario.

LEGGI ANCHE: SANITA’ LAZIO, CONTINUA IL DUELLO TRA MINISTRO E REGIONE: GRILLO: «NON CI SONO CONDIZIONI PER USCITA». LA REPLICA DELL’ASSESSORE D’AMATO: «ABBIAMO CARTE IN REGOLA

Prova a mediare il Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri che lancia la proposta dei commissariamenti “chirurgici”, cioè solo su singoli aspetti. «Le cose devono cambiare – spiega Sileri – Non ha senso commissariare l’intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Lo dico da chirurgo, il commissariamento deve essere chirurgico, ossia riferito alle cose che non vanno bene e non deve essere generico».

Sileri, parlando a margine del convegno in Senato su “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”, ha poi chiarito: «Serve il dialogo, un accordo su qualità e meritocrazia. Le cose non si cambiano facendo nuove nomine. Con le Regioni si possono trovare soluzioni diverse e condivise. I problemi possono essere affrontati nell’ambito dei rapporti Stato-Regioni».

Sul tema è intervenuto oggi anche il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto che ha parlato anche lui di diversi livelli di “intensità di commissariamento”: «Il nuovo Patto della Salute – ha spiegato Coletto – deve essere anche un’occasione per rivedere le modalità di affiancamento alle Regioni ancora in piano di rientro, aprendo a Commissariamenti mirati alla soluzione di singole criticità, quando le condizioni lo consentono. Per fare questo dobbiamo partire da una “verifica straordinaria”, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo questa verifica saremo in grado di stabilire l’intensità del commissariamento di cui la regione necessita».

In serata arriva anche il commento dell’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che in una nota definisce «positive» le dichiarazioni di Sileri e Coletto: «Abbiamo bisogno di effettuare una verifica a distanza di oltre un decennio che muove dalla consapevolezza che per i piani di rientro e i commissariamenti non si possano utilizzare gli stessi strumenti di dieci anni fa. Bisogna prevedere il passaggio necessario a pochi e sintetici indicatori di processo su cui misurare i servizi sanitari regionali. L’insieme delle Regioni hanno condiviso questa impostazione nel documento inviato al Ministro della Salute come contributo per il nuovo Patto per la Salute», conclude.

Articoli correlati
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
«Tutti i professionisti sanitari siano coinvolti nelle Case di Comunità». Dal Congresso di Rimini l’appello della FNO TSRM PSTRP
Teresa Calandra, presidente della Federazione che rappresenta 19 professioni sanitarie, spiega: «In questo modo si farà meno fatica poi a trovare le eventuali figure professionali che non sono state inserite nei piani regionali»
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano