Lavoro 30 Maggio 2019

Nuovo patto federativo CIMO-Fesmed e CIMOP, Quici: «Ospedalieri pubblici e privati insieme per la centralità della professione»

Il primo accordo di sinergia del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza sindacale convergente di circa 17mila medici ospedalieri. Il segretario CIMOP De Rango: «L’unione rafforza rappresentanza e rappresentatività per i diritti di tutti i medici»

Immagine articolo

La Federazione CIMO-Fesmed pone le basi per continuare ad ampliarsi. La new entry è la CIMOP, la Confederazione Italiana dei Medici dell’Ospedalità Privata, che ha appena siglato un patto federativo con la Federazione. A firmarlo, il presidente CIMO-Fesmed Guido Quici ed il segretario nazionale CIMOP Carmela De Rango. Si tratta del primo accordo di sinergia tra sindacati del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza convergente di un bacino complessivo stimabile in circa 17mila medici ospedalieri della sanità pubblica e privata.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO-FESMED: «NON ARRETRIAMO SULLA TUTELA DEI DIRITTI»

«Il patto federativo rappresenta un avvicinamento delle due parti, perché condividiamo la tutela del lavoro dei medici – spiega il presidente Quici ai nostri microfoni -. Che lavorino in una struttura pubblica o privata, i problemi dei camici bianchi sono comuni. Penso alla sicurezza delle cure e degli operatori sanitari, alla responsabilità professionale, alla formazione, alla carenza di medici, al regionalismo differenziato o al rapporto con le altre professioni. Riteniamo allora che mettere insieme le varie anime della professione per dare più forza alla nostra categoria sia fondamentale. L’obiettivo è avere una nuova governance in termini di rappresentanza e rappresentatività che ci consenta di essere presenti a tutti i tavoli istituzionali per difendere la nostra professione».

«Il patto federativo – aggiunge il segretario CIMOP De Rango – indica la condivisione della centralità del medico rispetto ai pazienti e al Servizio sanitario nazionale. Di fatto, noi medici della sanità privata svolgiamo le stesse attività dei colleghi della sanità pubblica e crediamo che l’unione faccia la forza. Condividiamo la posizione della Federazione CIMO-Fesmed su tutte le principali tematiche che riguardano la questione medica e riteniamo che le disgregazioni non portino da nessuna parte. Stiamo vivendo una nuova stagione del sindacalismo, e il nostro obiettivo è aggregarci per essere più forti nella difesa e la centralità della professione».

«L’augurio – conclude il Presidente Quici – è che anche altre organizzazioni sindacali dell’area medica decidano di avvicinarsi alla Federazione in modo da poter dare un input molto più decisivo alle scelte e tutelare quindi non tanto gli interessi dei medici in quanto professionisti, ma la sicurezza delle cure».

LEGGI ANCHE: SANITA’ PRIVATA, CONTRATTO BLOCCATO PER 300MILA LAVORATORI. CGIL-CISL-UIL: «UNA VERGOGNA»

 

Articoli correlati
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Contratto, Quici (CIMO-FESMED): «A chi conviene un medico demotivato e mal pagato?»
«Storia di un contratto che le istituzioni non vogliono fare». Le riflessioni del presidente della Federazione CIMO-FESMED Guido Quici sul contratto della dirigenza medica e sanitaria
#DestinazioneSanità in Sicilia. Tra immobilismo e mobilità, stabilizzazioni e precarietà, eccellenze e stanchezza
GUARDA IL VIDEO | Prosegue il viaggio di Sanità Informazione, in collaborazione con il sindacato dei medici CIMO, nell’Italia dei camici bianchi. La terza puntata del reportage è dedicata alla Sicilia, che raccontiamo tramite le immagini che abbiamo raccolto sull’isola e le parole di medici, sindacalisti, istituzioni e direzioni ospedaliere
Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran
Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...