Lavoro 30 Maggio 2019 11:54

Nuovo patto federativo CIMO-Fesmed e CIMOP, Quici: «Ospedalieri pubblici e privati insieme per la centralità della professione»

Il primo accordo di sinergia del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza sindacale convergente di circa 17mila medici ospedalieri. Il segretario CIMOP De Rango: «L’unione rafforza rappresentanza e rappresentatività per i diritti di tutti i medici»

Nuovo patto federativo CIMO-Fesmed e CIMOP, Quici: «Ospedalieri pubblici e privati insieme per la centralità della professione»

La Federazione CIMO-Fesmed pone le basi per continuare ad ampliarsi. La new entry è la CIMOP, la Confederazione Italiana dei Medici dell’Ospedalità Privata, che ha appena siglato un patto federativo con la Federazione. A firmarlo, il presidente CIMO-Fesmed Guido Quici ed il segretario nazionale CIMOP Carmela De Rango. Si tratta del primo accordo di sinergia tra sindacati del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza convergente di un bacino complessivo stimabile in circa 17mila medici ospedalieri della sanità pubblica e privata.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO-FESMED: «NON ARRETRIAMO SULLA TUTELA DEI DIRITTI»

«Il patto federativo rappresenta un avvicinamento delle due parti, perché condividiamo la tutela del lavoro dei medici – spiega il presidente Quici ai nostri microfoni -. Che lavorino in una struttura pubblica o privata, i problemi dei camici bianchi sono comuni. Penso alla sicurezza delle cure e degli operatori sanitari, alla responsabilità professionale, alla formazione, alla carenza di medici, al regionalismo differenziato o al rapporto con le altre professioni. Riteniamo allora che mettere insieme le varie anime della professione per dare più forza alla nostra categoria sia fondamentale. L’obiettivo è avere una nuova governance in termini di rappresentanza e rappresentatività che ci consenta di essere presenti a tutti i tavoli istituzionali per difendere la nostra professione».

«Il patto federativo – aggiunge il segretario CIMOP De Rango – indica la condivisione della centralità del medico rispetto ai pazienti e al Servizio sanitario nazionale. Di fatto, noi medici della sanità privata svolgiamo le stesse attività dei colleghi della sanità pubblica e crediamo che l’unione faccia la forza. Condividiamo la posizione della Federazione CIMO-Fesmed su tutte le principali tematiche che riguardano la questione medica e riteniamo che le disgregazioni non portino da nessuna parte. Stiamo vivendo una nuova stagione del sindacalismo, e il nostro obiettivo è aggregarci per essere più forti nella difesa e la centralità della professione».

«L’augurio – conclude il Presidente Quici – è che anche altre organizzazioni sindacali dell’area medica decidano di avvicinarsi alla Federazione in modo da poter dare un input molto più decisivo alle scelte e tutelare quindi non tanto gli interessi dei medici in quanto professionisti, ma la sicurezza delle cure».

LEGGI ANCHE: SANITA’ PRIVATA, CONTRATTO BLOCCATO PER 300MILA LAVORATORI. CGIL-CISL-UIL: «UNA VERGOGNA»

 

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Task shifting da medici a personale sanitario? I sindacati: «Rischio contenziosi»
ANAAO-ASSOMED e CIMO-FESMED scrivono alla Corte dei Conti. I due sindacati della dirigenza medica intendono chiedere un interpello all’ARAN
Ospedalità privata, l’appello dei medici al prossimo Governo: «Non dimenticatevi di noi»
Quici (CIMO-FESMED): «Intollerabili le discriminazioni tra medici del pubblico e medici del privato convenzionato». De Rango (CIMOP): «Introdurre contratto quadro per sanare ingiustizia»
In Veneto 100 euro l’ora per gli straordinari in Pronto soccorso. CIMO-FESMED: «Estendere accordo in tutta Italia»
Un accordo, quello raggiunto tra la Regione e le organizzazioni sindacali, che prova a rendere nuovamente attrattiva l’area di Emergenza-Urgenza
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...