Salute 10 Febbraio 2022 15:42

Staminali, elisir di lunga vita grazie ad un programma personalizzato

Con Fitness&Staminal messo a punto dal professor Eugenio Caradonna, presidente nazionale di SIMCRI, è possibile con un esame del sangue misurare il livello delle cellule staminali nel corpo e realizzare un percorso di medicina personalizzato con fitness, dieta e nutraceutica per vivere più sani e più a lungo

Si chiama Fitness & Staminal ed è un programma di benessere fondato sul controllo del livello delle cellule staminali nel nostro corpo che permette di vivere sani e più a lungo attraverso un piano di medicina personalizzata. A metterlo a punto è il professor Eugenio Caradonna, presidente nazionale di SIMCRI (Società italiana di medicina e chirurgia rigenerativa polispecialistica) e direttore scientifico dei centri Care Clinic dove il programma è disponibile.

«Le staminali sono il motore centrale del nostro benessere, sono deputate al controllo e alla rigenerazione di tutti i danni che si verificano giornalmente nel nostro organismo – spiega Caradonna –. Quando le staminali sono basse significa che lo stato rigenerativo dell’organismo è sottosoglia e in caso di patologie, da quelle infettive alle cardiovascolari o neurodegenerative, si corre il rischio di avere un decorso peggiore. È fondamentale, dunque, tenere alto il livello delle cellule staminali nell’organismo per il benessere dell’organismo».

Un prelievo di sangue permette di misurare le staminali

Con un prelievo di sangue è possibile misurare il livello delle cellule staminali presenti nell’organismo e valutare quindi la capacità rigenerativa delle stesse e correre ai ripari per combattere l’invecchiamento precoce e migliorare con percorsi di fitness e alimentazione il numero delle cellule staminali nel sangue e la loro funzionalità. «Nel momento in cui il paziente desidera approcciare a questo tipo di percorso viene fatto un fit-check attraverso un prelievo del sangue, dopodiché una serie di protocolli applicativi valutano lo stato rigenerativo delle staminali e una appropriata integrazione con fitness, dieta e nutraceutica»

Il ruolo della nutraceutica

Dopo aver fatto la valutazione dello stato delle staminali, si definisce il programma con la messa a punto di un cocktail nutraceutico atto a potenziare il ruolo delle stesse staminali per prevenire l’invecchiamento e l’insorgenza di malattie. «Con l’avanzare dell’età anche un organo integro inizia ad avere un deficit di funzionalità, allora la nutraceutica viene a supporto e riporta questo deficit di funzionalità a quello che è il normale equilibrio metabolico – sottolinea uno dei massimi esperti di nutraceutica, il professor Ettore Novellino ordinario di chimica farmaceutica presso l’università Cattolica di Roma -. A questo punto possiamo pensare di avere un organo strutturato e pienamente funzionante, infatti., mentre le staminali ricostituiscono gli organi da un punto di vista anatomico, la nutraceutica dà una mano affinché l’organo possa mantenere il suo stato di funzionalità ottimale». La prevenzione è il primo obiettivo che insegue il programma Fitness&Staminal.

«Prima si agisce e prima si ottengono i risultati anche perché il grosso successo nella medicina oggi è quello di non fare ammalare le persone e fare in modo che restino in salute il più a lungo possibile – puntualizza Novellino -. Ne va della qualità di vita della società e in un Paese come l’Italia dove il sistema sanitario nazionale si fa carico del mantenimento dello stato di salute, fare in modo che le persone si ammalino più tardi significa risparmiare denaro che può essere destinato per la cura delle patologie della quarta età».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Gb prima trasfusione di sangue artificiale su esseri umani
Il sangue è stato coltivato in laboratorio e trasfuso a due volontari sani in piccole quantità. L'obiettivo è di sopperire alla carenza di sangue ultra-raro
Primo trapianto di staminali su paziente per contrastare la degenerazione maculare
Per la prima volta è stato effettuato con successo un trapianto di tessuto, ricavato da cellule staminali prelevate da un paziente e successivamente trasformate in cellule retiniche, per contrastare la degenerazione maculare avanzata secca. Il rivoluzionario intervento è stato eseguito al Clinical Center dei National Institutes of Health (Usa)
Covid-19, la speranza arriva dalle staminali cordonali. Il nuovo studio
La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells Translational Medicine, è stata coordinata dallo scienziato italiano Camillo Ricordi: «Le cellule staminali mesenchimali possono rappresentare un valido strumento contro la pandemia»
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Covid-19, l’arma terapeutica potrebbe arrivare dalle cellule staminali del cordone
Studi clinici dimostrano l’efficacia delle cellule staminali prelevate da cordone ombelicale: infuse per endovena riducono l’infiammazione dovuta alla tempesta citochinica e consentono un miglioramento delle condizioni dei pazienti. Totta (Futura Stem Cells): «Legge italiana andrebbe rivista, terapia cellulare nuova frontiera»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa