Salute 13 Luglio 2022 15:41

Long Covid, boom di pazienti alla ricerca di terapie costose e dubbie

Un’inchiesta condotta dal The British Medical Journal e da ITV News ha fatto luce su un fenomeno molto preoccupante: la migrazione di migliaia di pazienti con Long Covid verso paesi che offrono trattamenti costosi e molto probabilmente inutili

Long Covid, boom di pazienti alla ricerca di terapie costose e dubbie

Migliaia di persone in tutto il mondo alle prese con i sintomi debilitanti del Long Covid fanno le valige e partono per andare alla ricerca di trattamenti costosi e dubbi, cioè non provati scientificamente. Le offerte sul mercato sono tante e non tutte in buona fede. Si va dal «lavaggio del sangue», la cosiddetta aferesi, ovvero un trattamento di filtraggio del sangue normalmente utilizzato per i pazienti con disturbi lipidici che non hanno risposto ai farmaci, alla terapia anticoagulante. A lanciare l’allarme è stata un’inchiesta condotta dal The British Medical Journal e da ITV News.

Un fenomeno preoccupante scaturito dall’emergenza Long Covid

L’indagine rivela che moltissimi pazienti si recano in cliniche private a Cipro, in Germania e in Svizzera per accedere all’aferesi con il solo scopo di contrastare gli effetti gravi del Long Covid. Ad oggi il «lavaggio de sangue» è un trattamento senza alcuna evidenza scientifica con costi spesso esorbitanti, sui 50mila euro. La sua popolarità viene considerata dagli scienziati un fenomeno preoccupante. ITV News ha visitato una clinica privata a Cipro e ha parlato con il suo co-fondatore Marcus Klotz e diversi pazienti. Il rapporto completo dell’editore scientifico di ITV News, Deborah Cohen, andrà in onda oggi su ITV Evening News  e ITV News at Ten.

Fino al 20% dei pazienti continua a soffrire dopo 2 mesi dall’infezione

Questa migrazione problematica nasce dal fatto che ancora non esiste una soluzione efficace o un percorso terapeutico concordato a livello internazionale per la sindrome da Long Covid. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stimato che tra il 10% e il 20% dei pazienti soffre di sintomi per almeno due mesi dopo un’infezione acuta da Covid-19. Secondo gli ultimi dati ufficiali, al primo maggio c’erano quasi due milioni di persone nel Regno Unito che dichiaravano di soffrirne, con sintomi che vanno dall’affaticamento, alla debolezza muscolare, alle difficoltà respiratorie e del sonno, problemi di memoria, ansia o depressione, dolori al petto e perdita dell’olfatto o del gusto.

Contro il Long Covid non c’è alcun trattamento ufficiale condiviso

Attualmente, non esiste un percorso terapeutico concordato a livello internazionale per la condizione. L’aferesi prevede l’inserimento di aghi in ciascun braccio e il passaggio del sangue su un filtro, separando i globuli rossi dal plasma. Il plasma viene filtrato prima di essere ricombinato con i globuli rossi e restituito al corpo attraverso una vena diversa. L’indagine giornalistica racconta storie di persone che hanno provato il trattamento.

La storia della psichiatra con Long Covid in una clinica a Cipro

Gitte Boumeester, una psichiatra tirocinante ad Almelo, nei Paesi Bassi,  dopo aver contratto il virus, ha sviluppato gravi sintomi. È stata costretta a lasciare il lavoro nel novembre 2021, dopo due tentativi di rientro falliti. Boumeester ha appreso del trattamento di «lavaggio del sangue» da un gruppo di Facebook per pazienti Covid. Dopo aver visitato il Long Covid Center di Cipro per ricevere il trattamento, al costo di circa 50mila euro, è tornata a casa senza essere migliorata. Ha ricevuto sei cicli di aferesi, oltre a nove cicli di ossigenoterapia iperbarica e una flebo di vitamine per via endovenosa presso la clinica privata di Poseidonia, accanto al Centro.

Alla paziente è stato prescritto anche un farmaco «bocciato» dall’Oms

A Boumeester è stato chiesto di firmare un modulo di consenso al Long Covid Center prima di sottoporsi ad aferesi, che avvocati e medici hanno descritto come inadeguato. Le è stato anche consigliato di acquistare l’idrossiclorochina come pacchetto di trattamento precoce nel caso fosse stata reinfettata da Covid-19, nonostante una revisione pubblicata su Cochrane pubblicata nel marzo 2021 abbia concluso che è «improbabile» che il farmaco abbia un beneficio nella prevenzione di Covid-19.

Le cliniche respingono le accuse e assicurano la massima correttezza

Marcus Klotz, co-fondatore del Long Covid Center, ha dichiarato a The British Medical Journal: «Noi come clinica non facciamo pubblicità né promuoviamo. Accettiamo pazienti che hanno problemi di microcircolazione e vogliono essere trattati con l’aferesi. Se un paziente ha bisogno di una prescrizione, viene valutata individualmente dal nostro medico o il paziente viene indirizzato ad altri medici specializzati ove necessario». Un portavoce della clinica Poseidonia ha affermato che tutti i trattamenti offerti sono «sempre basati su valutazioni mediche e cliniche da parte dei nostri medici e nutrizionisti clinici, diagnosi tramite esami del sangue con follow-up di laboratorio come da buona pratica medica».

Scienziati chiedono prove dell’efficacia dell’aferesi contro il Long Covid

Nel febbraio dello scorso anno, la dottoressa Beate Jaeger, un medico di medicina interna, ha iniziato a curare pazienti Covid con aferesi nella sua clinica di Mulheim, in Germania, dopo aver letto i rapporti secondo cui il Covid causa problemi con la coagulazione del sangue. Ha riferito al British Medical Journal di aver curato migliaia di persone nella sua clinica e molte con successo. Mentre alcuni medici e ricercatori ritengono che l’aferesi e i farmaci anticoagulanti possano essere trattamenti promettenti per il Long Covid, altri temono che i pazienti disperati stiano spendendo somme ingenti per trattamenti invasivi e non provati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Rossi (OMCeOMI): «Necessari ristori per medici vittime del virus»
A distanza di oltre due anni dall’inizio della pandemia Carlo Roberto Rossi presidente dell’Ordine dei Medici di Milano chiede che venga riconosciuto un risarcimento ai famigliari dei medici deceduti a causa del Covid e a coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del long Covid
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
Protocollo italiano contro il Long Covid sbarca all’estero
Il protocollo italiano, messo a punto dalla neuroscienziata Arianna Di Stadio, per recupare il gusto e l'olfatto persi a causa del Long Covid viene esportato all'estero. Precisamente negli Stati Uniti, in Spagna e in Germania
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale