Lavoro 22 Maggio 2017 13:05

Riforma Madia, novità in chiaroscuro per i medici: salva la retribuzione individuale di anzianità?

Approvata in Consiglio dei Ministri la riforma al testo unico del Pubblico Impiego. Voci contrastanti dai sindacati che erano scesi in piazza. Cosmed: «Scongiurato il sequestro di risorse contrattuali vigenti». Ma le altre sigle: «Non basta modifica dell’ultim’ora»

Riforma Madia, novità in chiaroscuro per i medici: salva la retribuzione individuale di anzianità?

La scorsa settimana il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto che riforma il Testo unico del pubblico impiego. Ora il provvedimento inizierà in Aula il suo iter per l’approvazione definitiva. Premialità, azioni disciplinari, trasparenza di gestione e tante altre le novità introdotte dal Testo. Tra queste, meritano un capitolo a parte, le misure relative ai fondi aziendali accessori (previsti dall’articolo 23, Comma 1 e 2) che hanno generato non pochi malumori sfociati poi nella protesta dei medici scesi in piazza nei giorni scorsi.

Tuttavia, secondo alcune sigle, il nuovo Testo, con le ultime modifiche, farebbe sperare in una possibile tutela della retribuzione individuale di anzianità, la cosiddetta RIA, che apre uno spiraglio decisivo per i camici bianchi: si parla di un possibile sblocco di un fondo che vale circa 113 milioni di euro (come riferito da Quotidiano Sanità).

Eppure i camici bianchi rimangono ancora scettici e dichiarano di essere pronti a barricate e sit-in per opporsi all’ennesimo «scippo alle retribuzioni – come lo definisce il Segretario Nazionale Anaao Assomed, Costantino Troise sul Sole 24 Ore Sanità -. Nel caso non venisse modificato il Comma 2 dell’articolo 23 del testo di riforma, siamo pronti ad ulteriori azioni di protesta» ci tiene a precisare.

«Il Comma 2 dell’art. 23, dopo anni di decurtazione continua – spiega in una nota l’intersindacale – che ha sottratto al tavolo contrattuale risorse per 650 milioni di euro, di fatto taglia i fondi aziendali accessori. Questi fondi sono necessari per la valorizzazione del merito, per la costruzione delle carriere e per la remunerazione delle attività disagiate».

Leggermente più positivo il commento della COSMED (Confederazione Medici e Dirigenti): «Nulla è consolidato, ma è altrettanto vero che nulla è perduto dopo questo primo tempo. Gli sforzi per far luce sulle conseguenze dello scippo, le manifestazioni, le numerose audizioni parlamentari, gli emendamenti e l’attività mediatica hanno prodotto dei risultati politicamente evidenti. Di fatto è stato possibile ritornare a trattare con la parte politica dopo che per anni il dialogo si era fermato».

Inoltre le modifiche al Testo unico prevedono l’istituzione di un’area contrattuale per la dirigenza del ruolo sanitario, un anno di proroga per le scadenze per l’assunzione di nuovo personale del SSN alla luce dell’entrata in vigore del nuovo orario di lavoro europeo e infine, nuove finestre di assunzione per i precari. Previsto infatti un piano che regolarizzi, tra il 2018 e il 2020, la stabilità occupazionale che le associazioni di categoria reclamano. Eppure stabilizzazione del precariato e nuove assunzioni, erano già state promesse dalle Leggi di Bilancio tempo fa, ma allo stato attuale è evidente che le promesse ancora non sono state mantenute. La ragione, secondo i sindacati scesi in piazza, è da ricercare nei «contrasti tra i vari ministeri e le Regioni sulle modalità di calcolo del fabbisogno».

Dure critiche anche dal fronte Aaroi Emac che per voce del Presidente Nazionale Alessandro Vergallo dichiara: «Non abbiamo alcuna intenzione di accontentarci a fronte di quella che consideriamo un’apertura di facciata. Non c’è stata una reale volontà di ascoltare le nostre ragioni, siamo convinti che le minime modifiche al testo originario di Riforma del Pubblico Impiego siano solo un tentativo di fermare la protesta».

A fare eco ad Aaroi Emac anche Cimo, il Sindacato dei Medici sostiene fermamente che «per questa strada si segano le gambe del tavolo contrattuale e si avvelenano i pozzi, rischiando di affogare in culla un contratto nello stesso momento in cui si dichiara di volerlo aprire».

Molto critica anche la Fvm, la Federazione Veterinari e Medici, che raggruppa il sindacato medico Smi e quello veterinario Sivemp. La Federazione esprime la convinzione che la riforma abbia «de-finanziato i contratti, aumentato il precariato, ridotto l’erogazione dei Lea, aumentato i carichi di lavoro di chi è rimasto in servizio, impedito a migliaia di giovani medici, veterinari e sanitari di entrare nel mondo del lavoro pubblico, nella sanità pubblica. Una sanità che vede le sue funzioni sempre più spesso esternalizzate – ha specificato la Fvm che propone – un testo unico del pubblico impiego che ripristini condizioni di retribuzione adeguate per i dipendenti pubblici cui è affidata la mission fondamentale che ancora pochi giorni fa il Presidente del Consiglio pro-tempore Gentiloni riconosceva al Ssn».

Infine, il nuovo testo unico rivoluziona letteralmente le visite fiscali: dai primi di settembre arriva il polo unico Inps e gli accertamenti medico-legali sulle assenze dal lavoro per malattia dei dipendenti pubblici passano in via esclusiva dall’Istituto.

LEGGI ANCHE

CASSI (CIMO): «ORA SI RIAVVII TAVOLO SU ARTICOLO 22»

Articoli correlati
I dubbi dell’Anaao sul PNRR: «Nuove assunzioni o piano non reggerà»
Il Presidente dell’Anaao Assomed Costantino Troise: «Nel 2019, 3mila medici in fuga da SSN. Ora garantire la mobilità e trattare i camici bianchi da adulti. Non basterà ottenere risparmi dai codici bianchi e dai ricoveri per finanziare le assunzioni»
GIMBE, nel 25imo dalla fondazione il punto su passato, presente e futuro del nostro Ssn
Il presidente Cartabellotta: «I fondi del Recovery non vengano usati per costosi lifting del sistema ma per riforme coraggiose che promuovano l’uguaglianza nell’assistenza»
Stati Generali del medico, la proposta di Anelli: «Basta mobilità sanitaria, sia il professionista a spostarsi». Oliveti (Enpam) lancia i “Leeaa”
“Il Medico e il lavoro” il titolo dell’ultimo incontro del 2019 che ha visto protagonisti i rappresentanti del mondo sindacale
Conferenza per la Salute Mentale, per i pazienti «più psicoterapia e meno farmaci»
L’iniziativa, inaugurata a dicembre 2018, dopo numerose tappe regionali è approdata nella Capitale: il 14 e il15 giugno l’assemblea conclusiva all’università Sapienza. L’assessore D’Amato: «Il nuovo Patto per la Salute è l’occasione per rimettere al centro dell’agenda politica la tutela della salute mentale»
di Isabella Faggiano
Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»
Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...