Salute 13 Dicembre 2019

Stati Generali del medico, la proposta di Anelli: «Basta mobilità sanitaria, sia il professionista a spostarsi». Oliveti (Enpam) lancia i “Leeaa”

“Il Medico e il lavoro” il titolo dell’ultimo incontro del 2019 che ha visto protagonisti i rappresentanti del mondo sindacale

Un confronto schietto, diretto, a tratti anche vivace, tra la pluralità di voci che compongono il mondo della rappresentanza medica nel mondo del lavoro. L’ultimo appuntamento del 2019 degli Stati Generali della professione medica, il ciclo di incontri organizzato dalla FNOMCeO – Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, aveva per titolo “Il Medico e il lavoro”. E infatti sul palco dell’Hotel Nh Giustiniano di Roma hanno sfilato i protagonisti del mondo sindacale medico: da Silvestro Scotti, Segretario Fimmg, ad Antonio Magi, Segretario Sumai e Presidente OMCeO Roma, dal filosofo Ivan Cavicchi, autore de “Le 100 tesi per discutere il medico del futuro” al presidente Anaao Assomed Costantino Troise e poi i rappresentanti di tanti sindacati e organizzazioni mediche.

LEGGI ANCHE: “OFFRE L’ITALIA”, LA CAMPAGNA SOCIAL DI FNOMCEO CONTRO LA FUGA DEI MEDICI ALL’ESTERO

Ad aprire l’assise il Presidente dell’Enpam, la cassa previdenziale dei medici, Alberto Oliveti che ha lanciato una sua proposta di riforma dei LEA: «La sanità pubblica dovrebbe assicurare dei Livelli essenziali di assistenza (LEA) “esigibili” in tutto il territorio nazionale e che siano “appropriati”. Dovremmo passare dai Lea ai Leeaa, aggiungendo una E che sta per esigibili e una A per appropriati».

Secondo Oliveti «prevedere dei Lea che non siano esigibili su tutto il territorio nazionale è come infrangere di fatto il principio di eguaglianza. Allo stesso tempo dovremmo riflettere su quali siano le prestazioni appropriate da assicurare a tutti. Non si può parlare di lavoro medico senza analizzare gli ostacoli che rendono il diritto alla salute non esigibile».

Soddisfatto il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli che ha voluto con forza questa serie di riflessioni sulla professione medica: «Hanno partecipato quasi tutte le sigle sindacali e come sempre quando le tematiche riguardano l’organizzazione e il lavoro vengono fuori spunti e proposte ma anche disagio, proteste. Lo avevamo preventivato. La sintesi che si può fare è che viene fuori una discussione molto dinamica. La professione non chiede solo il rispetto delle competenze e delle proprie abilità ma rappresenta disagi e problematiche relative proprio al rispetto dei principi della nostra professione».

Anelli lancia poi una proposta per superare il problema della mobilità sanitaria che costringe tante famiglie a spostarsi dalla propria regione verso un altro territorio per poter usufruire dell’assistenza sanitaria: «A 19 anni dalla modifica del capo V della Costituzione ci sono diseguaglianze notevoli tra una regione e l’altra che mettono i professionisti in grave difficoltà. È giunto il momento di fare una riflessione se i pazienti per accedere alle prestazioni debbano necessariamente spostarsi da una regione all’altra o se non sia invece lo Stato a dover garantire il sistema lì dove vivono e dove ci sono quei cittadini che non possono spostarsi attraverso modelli organizzativi sovraregionali. Credo che oggi un modello a rete che metta insieme le competenze e che consenta di far condividere ai professionisti modalità di assistenza, di cura e di intervento possano garantire l’equità facendo spostare i professionisti e non i cittadini».

Giovanni Leoni, vicepresidente FNOMCeO, ha invece posto l’attenzione sui medici che lavorano nell’emergenza-urgenza: «L’ultimo contratto della dirigenza ha delle grosse problematiche per quanto riguarda le retribuzioni di coloro che lavorano in urgenza perché purtroppo le ore straordinarie e le pronte disponibilità non sono state toccate. Questo purtroppo tocca una percentuale di medici che lavorano in condizione di stress ed è un riconoscimento mancato. Non sono tanti in percentuale però è emblematico che una categoria come quella degli urgentisti sia stata dimenticata. È solo un tassello del passaggio della retribuzione del medico italiano a livello europeo. Forse un sogno impossibile ma un tipo di professione di questo tipo che ha una evoluzione tecnologica e profili di responsabilità professionale deve avere una capacità retributiva adeguata ed essere competitivo nei confronti dei livelli europei».

Nel dibattito sono emersi diversi temi e idee per ridiscutere i modelli organizzativi della professione: Sergio Barbieri, Vice Presidente nazionale Cimo, ha fatto un ragionamento sulle forme contrattuali e si è chiesto se l’autonomia del medico non venga limitata da un contratto di dipendenza. «Serve un contratto – ha sottolineato – che in qualche modo organizzi l’assistenza come un tutt’uno. Non ha senso che noi ospedalieri siamo sotto il ministero della funziona pubblica».

«Questo mestiere oggi ha perso la qualità del lavoro che lo caratterizza. Oggi è un lavoro al massimo ribasso che viene considerato troppo costoso. La rivoluzione passa dal recupero dell’autorità sul nostro lavoro» ha scandito Costantino Troise, Presidente Anaao.

Antonio Magi, Segretario Sumai, ha invitato all’unità con le altre professioni sanitarie: «Se noi entriamo in contrapposizione con gli infermieri o con i tecnici siamo perdenti. Ma neanche va bene, come accade in Veneto, che una delibera dia le competenze del medico alle altre professioni».

Giacomo Fassina di FederSpecializzandi ha invece messo in luce le problematiche della sua categoria: «4 specializzandi su 7 lavorano più di 40 ore alla settimana, la clinica impedisce di frequentare le lezioni».

Nel corso dell’evento è stata anche inaugurata una borsa di studio per giovani laureati in Medicina fino a 40 anni intitolata alla memoria della professoressa Giulia Monteleone, moglie del presidente della FNOMCeO Filippo Anelli recentemente scomparsa, che sarà sul tema dei “sarcomi”.

Articoli correlati
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Magi (Sumai): «Rafforzare medicina territoriale investendo sulla specialistica ambulatoriale»
In questo momento di particolare crisi purtroppo si sono manifestate quelle che erano e sono le deficienze del Servizio sanitario nazionale dettate da alcune politiche sbagliate del passato ma anche da una crisi economica che ha portato a piani di rientro e a un blocco delle assunzioni. È stato privilegiato l’aspetto economico rispetto a quello […]
di Antonio Magi, Segretario Generale Sumai
Scotti (FIMMG): «Migliorare la medicina territoriale con piccole limature senza snaturarne il DNA»
Il contributo di Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana medici di medicina generale
di Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini
Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d'attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco