Salute 14 Giugno 2019

Conferenza per la Salute Mentale, per i pazienti «più psicoterapia e meno farmaci»

L’iniziativa, inaugurata a dicembre 2018, dopo numerose tappe regionali è approdata nella Capitale: il 14 e il15 giugno l’assemblea conclusiva all’università Sapienza. L’assessore D’Amato: «Il nuovo Patto per la Salute è l’occasione per rimettere al centro dell’agenda politica la tutela della salute mentale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Più psicoterapia e meno farmaci», è questa la richiesta di Rosanna, una delle tante madri di pazienti psichiatrici presenti alla Conferenza nazionale per la Salute Mentale. Un’iniziativa promossa da oltre cento Associazioni che, inaugurata a dicembre 2018, ha fatto tappa in diverse regioni d’Italia, fino all’assemblea conclusiva del 14 e 15 giugno 2019, all’Università Sapienza di Roma.

Accanto a Rosanna c’è Luisa, anche lei madre di due giovani pazienti. Entrambe le donne, rappresentanti di “Volontari in Onda”, un’associazione composta in prevalenza da familiari di pazienti psichiatrici, vivono quotidianamente le criticità del Sistema di gestione pubblica della salute mentale.

Ma Luisa è entrata in contatto con il Sistema sanitario nazionale solo alcuni anni dopo aver ricevuto la diagnosi: «All’inizio ho curato mio figlio privatamente – racconta -. Ha interrotto gli studi universitari solo per un anno, poi è riuscito a completarli diventando medico e prendendo due diverse specializzazioni. La situazione è degenerata quando si è affacciato al mondo del lavoro, momento in cui è stato necessario anche un ricovero. Poi, si è ammalato anche il mio secondo figlio e le cose si sono complicate: le spese non erano più sostenibili ed abbiamo cominciato ad usufruire del servizio pubblico, al Csm (Centro di salute mentale) di Ostia. Qui ho trovato un grosso aiuto in tempi ragionevoli. Ma da volontaria impegnata nel settore della salute mentale so perfettamente che non tutte le esperienze sono positive come la mia».

Per questo, la Conferenza nazionale rappresenta un’importante occasione per far emergere le difficoltà del settore: dalla necessità di un aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea), al bisogno di un Nuovo Piano Nazionale, per affermare il diritto alla tutela della salute mentale sanciti dalle leggi di Riforma 180 e 833 del 1978, respingendo qualsiasi tentativo di restaurare la logica manicomiale.

LEGGI: CONSIGLIO DI STATO, PSICOLOGI POTRANNO ACCEDERE ALLA DIREZIONE DELLE STRUTTURE DI SALUTE MENTALE

Urgenze ribadite anche dalle Istituzioni presenti: «Dobbiamo rimettere al centro dell’agenda politica la tutela della salute mentale – commenta Alessio D’Amato, Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria della Regione Lazio – e abbiamo un’opportunità di confronto importante tra Regioni e Governo: il nuovo Patto per la Salute. In questa occasione chiederemo certezza di risorse complessive e una nuova politica occupazionale per potenziare il territorio, due leve fondamentali per affrontare il tema del disagio mentale».

Sulla stessa linea d’onda anche Antonello D’Elia, psichiatra e presidente dell’associazione Psichiatria Democratica: «La Conferenza nazionale per la salute mentale è un’iniziativa importante – dice – perché è riuscita a riunire intelligenze, utenti, familiari, operatori. Persone che, insieme, hanno offerto una testimonianza viva della necessità di reinvestire forze, energie e denaro nella gestione pubblica della salute mentale, un vero e proprio patrimonio da tutelare».

Un diritto da difendere soprattutto per tutti quei pazienti che del servizio pubblico non possono fare a meno: «Chiediamo – dice mamma Rosanna – che i nostri figli possano contare sul supporto di un’equipe specialistica che offra più psicoterapia e meno farmaci. Il paziente trattato solo con la terapia farmacologica, spesso, arriva ad un punto in cui non è più in grado di accettare la sua condizione, tanto da rifiutare le cure. E l’epilogo in una situazione del genere, purtroppo, è sempre lo stesso: il trattamento sanitario obbligatorio (Tso). Il paziente viene ricoverato in una crisi profonda e, con il Tso – conclude -, gli si impone di riprendere la terapia farmacologica. Condannandolo, così, ad un circolo vizioso».

Articoli correlati
Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»
La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni
Maratona Patto per la Salute, Di Silverio (Anaao): «Serve formazione integrata con gli e-learning hospital»
«In tutta Europa il medico è considerato un medico, in Italia è considerato un super studente che ad oggi tappa di fatto i buchi dell’università quando occorre ma non ha la possibilità di imparare dal punto di vista soprattutto pratico ciò che deve imparare per conseguire il titolo di specialista», ha dichiarato il responsabile di Anaao Giovani
Patto per la Salute, igienisti dentali chiedono di entrare nel SSN: «Siamo decisivi per la prevenzione di malattie importanti»
Alla Maratona Patto per la Salute anche gli igienisti dentali. La Presidente UNID Lazio Piscicelli: «La letteratura scientifica non ha dubbi ed è concorde sull’importante ruolo che la nostra figura professionale riveste nella prevenzione, perché noi Igienisti Dentali siamo i principali  operatori della prevenzione odontoiatrica»
Maratona Patto per la Salute, le proposte di Federfarma
Nuova remunerazione, nuova convenzione e definizione del ruolo della farmacia nella gestione del paziente cronico, in sinergia con gli altri operatori sanitari del territorio, a partire dai medici di medicina generale, sono elementi essenziali affinché la farmacia possa contribuire alla sostenibilità del sistema e al miglioramento del livello di assistenza garantito ai cittadini. In quest’ottica […]
di Federfarma
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...