Salute 10 Maggio 2019

Consiglio di Stato, psicologi potranno accedere alla direzione delle strutture di salute mentale

Lazzari (CNOP): «La sentenza difende il principio della multiprofessionalità già ribadito nei nuovi Lea». Tuttavia, l’emergenza è un’altra: «l’Italia investe troppo poco per la cura della salute mentale e la presenza di psicologi all’interno di queste strutture è inadeguata»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Non è una guerra tra professioni. Permettere che anche gli psicologi possano accedere alla direzione di struttura operativa complessa di salute mentale, in cui vengono effettuati sia servizi medici che psicologici, difende il principio della multiprofessionalità». È così che David Lazzari, responsabile del servizio di psicologia dell’azienda ospedaliera di Terni, membro dell’esecutivo del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi(CNOP), commenta la sentenza emanata dal Consiglio di Stato nei giorni scorsi. Posizione che ha ribaltato la precedente posizione del Tar. Il Tribunale amministrativo regionale, infatti, aveva sentenziato la legittimità dell’esclusione degli psicologi dal bando, riservato solo ai camici bianchi, per l’accesso alla dirigenza di strutture di salute mentale in cui i servizi erogati sono sia di natura medica, che psicologica.

LEGGI: MEDICI, INFERMIERI E PSICOLOGI SPIEGANO IL BIOTESTAMENTO IN UN DOCUMENTO: «OPPORTUNITÀ CHE TUTTI DEVONO POTER COGLIERE»

Il Consiglio di Stato con il suo verdetto ha sancito l’illegittimità delle “discriminazioni tra dirigenti medici e dirigenti psicologi, in quanto entrambi appartenenti al ruolo del personale sanitario del SSN”. Una decisione che per Lazzari «difende il principio della multi professionalità ribadito, due anni fa, dai nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza), ovvero l’insieme di quelle prestazioni che il Sistema Sanitario Nazionale si impegna ad erogare ai cittadini. Nel campo della salute mentale, sia per adulti che per minori – continua il membro dell’esecutivo del CNOP – i nuovi Lea prevedono un approccio multiprofessionale, sia nella fase della valutazione del paziente che dell’intervento. Questo può essere di tipo farmacologico, psicologico o psicoterapico, a seconda dei casi, in molti dei quali integrato. Tutti interventi che i nuovi Livelli essenziali di assistenza hanno posto su uno stesso piano».

Questa sentenza, dunque, non farebbe altro che adeguare anche la scelta dei dirigenti di struttura operativa complessa di salute mentale al lavoro multidisciplinare già previsto in questi luoghi. «Dal momento in cui lo psicologo è una figura dirigenziale alla stessa stregua di quello dello psichiatra – sottolinea Lazzari – è ovvio che deve poter accedere anche ai posti di dirigenza di secondo livello di strutture complesse, così come concesso ai medici».

E dopo tutto non sarebbe neanche una novità. «In altri servizi – aggiunge l’esperto – la dirigenza è accessibile alle varie figure professionali che vi lavorano, psicologi compresi. Le competenze dello psicologo, infatti, non si limitano alla sfera della salute mentale: si occupano di quella materno-infantile, lavorano nei consultori, in centri per la dipendenza, si dedicano alla prevenzione del disagio psicologico, alla cura di malati cronici. Di conseguenza, in quei servizi dove è prevista la collaborazione di più figure professionali, come ad esempio un consultorio familiare, il responsabile potrà essere un ginecologo, come anche uno psicologo, o un professionista di altro tipo».

Ma la sentenza del Consiglio di Stato, pur rappresentano una vittoria, per l’Ordine professionale non è un traguardo, piuttosto un nuovo punto di partenza. «In questi stessi servizi dove ora gli psicologi possono aspirare ad una dirigenza di secondo livello – dice Lazzari – c’è un altro problema da affrontare: la carenza drammatica in organico di queste figure professionali. Esistono servizi di salute mentale dove non c’è neanche uno psicologo. Complessivamente, l’Italia investe troppo poco per la cura della salute mentale. Ed è questa la vera emergenza da affrontare, magari – conclude – proprio puntando su quel principio, già affermato nei nuovi Lea, di collaborazione multiprofessionale».

Articoli correlati
Numero chiuso, parla il giurista Francesco Paolo Tronca: «Tutelare il merito, basta con i quiz a crocetta»
L’ex Consigliere di Stato e professore di Diritto Pubblico parla del meccanismo di ingresso nel mondo universitario all’indomani dell'ordinanza del supremo tribunale amministrativo che ha riammesso 250 studenti: «La politica dovrebbe intervenire per venire incontro alle crescenti domande di una società che chiede una sempre maggiore assistenza sanitaria»
Salute mentale, fatti e cifre contro lo stigma. Nel 2017 oltre 851mila persone in cura
“Non c’è salute senza salute mentale” afferma l’Organizzazione mondiale della sanità. La salute mentale è infatti parte integrante della salute e del benessere e ad essa è dedicata la Giornata mondiale che si celebra ogni anno il 10 ottobre. L’obiettivo è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e favorire l’accesso alle cure, aiutando a […]
Campania, De Luca: «Stop commissariamento entro novembre, carte in regola su conti e LEA»
Il presidente della Regione Campania ha aperto il suo intervento al VII convegno nazionale Anmdo - Card tenutosi a Napoli sul tema dell’appropriatezza nel Ssn. Tra i temi anche il regionalismo differenziato
Superamento test numero chiuso? Speranza: «Va affrontato, tra le questioni fondamentali»
Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine del 76esimo Congresso della Fimmg che si sta svolgendo in Sardegna. Di ieri, la notizia della sentenza del Consiglio di Stato che ha riammesso circa 250 studenti esclusi per mancanza di posti
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Numero chiuso, ordinanza del Consiglio di Stato: riammessi centinaia di studenti a Medicina
Le motivazioni: posti indicati dagli Atenei inferiori a capacità ricettiva e fabbisogno Ssn. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «A questo punto giusto mettere in dubbio l’esattezza dei posti assegnati anche per l’anno accademico 2019/2020. Test inadeguato, non si possono scegliere i medici del futuro con “quiz cabala” commissionati a una società privata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...