Lavoro 1 Dicembre 2020 09:31

Ospedali saturi, in Campania è emergenza per la carenza di specialisti

Coppola (Anaao Giovani Campania): «Scontiamo atavici errori di programmazione. Il reclutamento in extremis? Si pesca nel vuoto»

Ospedali saturi, in Campania è emergenza per la carenza di specialisti

L’emergenza Covid incalza, gli ospedali sono saturi e il personale sanitario è allo stremo. Una litanìa che da 9 mesi (salvo una breve parentesi estiva) fa da sfondo al susseguirsi incessante di bollettini e curve. Soprattutto in alcune Regioni, la discrasia in relazione ai posti di degenza e di terapia intensiva disponibili, tra cui quelli riconvertiti o riconvertibili all’assistenza Covid, è stata la cartina al tornasole di errori di programmazione e tagli grossolani che affondano le radici decenni orsono.

In Campania la partita, forse politica ancor prima che sanitaria, si sta giocando proprio sull’equivoco dei posti riconvertibili. Stando ai bollettini emessi quotidianamente dalla Regione, i posti letto sia in degenza che in intensiva non sembrerebbero scarseggiare, né prossimi alla saturazione. E allora, come si spiegano le file interminabili di ambulanze e automobili fuori ai Pronto Soccorso di Napoli, con le bombole d’ossigeno portate nelle auto ai pazienti in difficoltà respiratoria in attesa di un posto letto? Ormai, a più di due mesi dall’inizio della seconda ondata, ‘il re è nudo’: i posti letto, se scarseggiano, si possono (più o meno facilmente) allestire. Quello che manca davvero è il personale sanitario. E nessun numero di posti letto potrà mai essere sufficiente se mancano gli specialisti per assistere chi a quei posti letto verrà assegnato.

Errori di programmazione

Una questione irrisolta che la Responsabile Anaao Giovani Campania, Maria Gabriella Coppola, ha illustrato ai nostri microfoni: «Soffriamo di una carenza cronica di medici specialisti – spiega – in particolar modo nell’area dell’emergenza urgenza, quindi Anestesia e Rianimazione, e Pronto Soccorso. Sono le specializzazioni che, dati alla mano, esercitano meno attrattiva ma di cui oggi, in piena pandemia, abbiamo un bisogno disperato. A questa scarsa attrattività si è aggiunto il fatto che, negli anni, sono state messe a bando poche borse di studio. Da qui la carenza drammatica di queste figure, che risentono di atavici errori di programmazione».

Le carenze

«Laddove c’è da tempo una difficoltà in queste aree di specialità a coprire i turni anche in situazioni ordinarie, nell’emergenza Covid questa criticità si ingigantisce. Soprattutto – aggiunge Coppola – perché non è solo la rete dell’emergenza urgenza a soffrire, ma anche specialità come Malattie Infettive o Pneumologia sono state negli anni fortemente ridimensionate. Se contiamo anche i pensionamenti, la carenza è ancora più lampante».

I motivi della crisi

«Turni massacranti, scarsa possibilità di fruizione delle ferie e, alla lunga, scarsa soddisfazione personale dal momento che, a fronte di tutte queste criticità, la possibilità di fare carriera nell’area dell’emergenza urgenza non è elevata»  osserva Coppola.

Proposte e correttivi

«Quando si fanno gli appelli per reclutare specialisti bisogna tenere conto del fatto che il più delle volte si cerca nel vuoto: gli specialisti non ci sono. È per questo che come Anaao – conclude la Responsabile Giovani Campania del sindacato – auspichiamo, per far fronte a questa fase particolarmente critica, l’inserimento degli specializzandi nelle aree più in sofferenza, con contratti a tempo indeterminato come previsto dalla recente normativa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti
Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»
di Tommaso Caldarelli
Recovery Plan, la sfida della Campania: «È la nostra occasione per riorganizzare la sanità del territorio»
Cappiello (Anaao): «Abbattere liste d’attesa e istituire i Pronto Soccorso nelle AOU tra le priorità»
Terapie intensive, ricoveri Covid oltre soglia 30% in 15 regioni. Lo studio Anaao-Assomed
L’analisi Anaao-Assomed, regione per regione, dei posti letto di Terapia intensiva al 2018, dei posti attivati nel 2020 e dei rapporti con il numero di abitanti, confrontati poi con il numero dei ricoveri Covid, ha messo in risalto regioni virtuose e regioni da “bocciare”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...