Lavoro 1 Dicembre 2020 09:31

Ospedali saturi, in Campania è emergenza per la carenza di specialisti

Coppola (Anaao Giovani Campania): «Scontiamo atavici errori di programmazione. Il reclutamento in extremis? Si pesca nel vuoto»

Ospedali saturi, in Campania è emergenza per la carenza di specialisti

L’emergenza Covid incalza, gli ospedali sono saturi e il personale sanitario è allo stremo. Una litanìa che da 9 mesi (salvo una breve parentesi estiva) fa da sfondo al susseguirsi incessante di bollettini e curve. Soprattutto in alcune Regioni, la discrasia in relazione ai posti di degenza e di terapia intensiva disponibili, tra cui quelli riconvertiti o riconvertibili all’assistenza Covid, è stata la cartina al tornasole di errori di programmazione e tagli grossolani che affondano le radici decenni orsono.

In Campania la partita, forse politica ancor prima che sanitaria, si sta giocando proprio sull’equivoco dei posti riconvertibili. Stando ai bollettini emessi quotidianamente dalla Regione, i posti letto sia in degenza che in intensiva non sembrerebbero scarseggiare, né prossimi alla saturazione. E allora, come si spiegano le file interminabili di ambulanze e automobili fuori ai Pronto Soccorso di Napoli, con le bombole d’ossigeno portate nelle auto ai pazienti in difficoltà respiratoria in attesa di un posto letto? Ormai, a più di due mesi dall’inizio della seconda ondata, ‘il re è nudo’: i posti letto, se scarseggiano, si possono (più o meno facilmente) allestire. Quello che manca davvero è il personale sanitario. E nessun numero di posti letto potrà mai essere sufficiente se mancano gli specialisti per assistere chi a quei posti letto verrà assegnato.

Errori di programmazione

Una questione irrisolta che la Responsabile Anaao Giovani Campania, Maria Gabriella Coppola, ha illustrato ai nostri microfoni: «Soffriamo di una carenza cronica di medici specialisti – spiega – in particolar modo nell’area dell’emergenza urgenza, quindi Anestesia e Rianimazione, e Pronto Soccorso. Sono le specializzazioni che, dati alla mano, esercitano meno attrattiva ma di cui oggi, in piena pandemia, abbiamo un bisogno disperato. A questa scarsa attrattività si è aggiunto il fatto che, negli anni, sono state messe a bando poche borse di studio. Da qui la carenza drammatica di queste figure, che risentono di atavici errori di programmazione».

Le carenze

«Laddove c’è da tempo una difficoltà in queste aree di specialità a coprire i turni anche in situazioni ordinarie, nell’emergenza Covid questa criticità si ingigantisce. Soprattutto – aggiunge Coppola – perché non è solo la rete dell’emergenza urgenza a soffrire, ma anche specialità come Malattie Infettive o Pneumologia sono state negli anni fortemente ridimensionate. Se contiamo anche i pensionamenti, la carenza è ancora più lampante».

I motivi della crisi

«Turni massacranti, scarsa possibilità di fruizione delle ferie e, alla lunga, scarsa soddisfazione personale dal momento che, a fronte di tutte queste criticità, la possibilità di fare carriera nell’area dell’emergenza urgenza non è elevata»  osserva Coppola.

Proposte e correttivi

«Quando si fanno gli appelli per reclutare specialisti bisogna tenere conto del fatto che il più delle volte si cerca nel vuoto: gli specialisti non ci sono. È per questo che come Anaao – conclude la Responsabile Giovani Campania del sindacato – auspichiamo, per far fronte a questa fase particolarmente critica, l’inserimento degli specializzandi nelle aree più in sofferenza, con contratti a tempo indeterminato come previsto dalla recente normativa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pierino Di Silverio, ritratto e obbiettivi del nuovo segretario Anaao-Assomed
Ora alla guida del sindacato Anaao, Pierino Di Silverio delinea la situazione del SSN e i prossimi punti per riportare i professionisti ad amare il proprio lavoro. Una categoria speciale, la defiscalizzazione, nuovi orari di lavoro, riorganizzazione del sistema emergenziale e un sistema di cause sempre più verso il no fault. Poi si rivolge alla politica: «Scenderemo in piazza!»
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Allarme burnout, in Lombardia più di 7 medici su 10 con stress cronico
Una ricerca realizzata da Università degli Studi Milano-Bicocca per ANAAO-ASSOMED Lombardia porta in luce come il 71,6% dei medici sospetti di aver sofferto di burnout
Prevenzione tumori, quando l’unione (tra Asl e farmacie) fa la forza
Il nuovo accordo siglato tra Asl Napoli 1 Centro e Federfarma Napoli per rendere l’offerta di screening oncologici più capillare ed efficiente
Anaao-Assomed: «Femminilizzazione della professione medica è un valore per il SSN»
L’Anaao Assomed vuole, pertanto, esprimere un primo pensiero di vicinanza alle donne che curano, affermando i valori della vita e della pace, e a quelle, vittime di una follia senza giustificazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...