Salute 7 Aprile 2022 17:10

Prevenzione tumori, quando l’unione (tra Asl e farmacie) fa la forza

Il nuovo accordo siglato tra Asl Napoli 1 Centro e Federfarma Napoli per rendere l’offerta di screening oncologici più capillare ed efficiente

Un grande passo avanti per la sanità in Campania nell’ambito della prevenzione e diagnosi precoce dei tumori è stato compiuto, grazie all’impegno congiunto della Asl Napoli 1 Centro e Federfarma Napoli. All’indomani dell’emergenza pandemica, complice un rinnovato bisogno di riprendere le attività di prevenzione ordinarie e di arginare le morse delle liste d’attesa, le due realtà hanno siglato nei giorni scorsi un accordo che apre un nuovo capitolo nell’attività di educazione e di informazione sanitaria sui tumori della mammella, della cervice uterina e del colon-retto, neoplasie che a causa della loro incidenza sono inserite nei Lea. L’iniziativa si colloca nell’ambito della campagna “Mi voglio bene”, messa in campo dalla Regione Campania per sostenere la prevenzione e offrire un’assistenza diagnostica tempestiva, specializzata e gratuita a donne e uomini residenti e domiciliati nelle cinque province campane. Un ruolo essenziale è quello affidato alle farmacie convenzionate appartenenti a Federfarma Napoli nel coadiuvare le attività dell’ASL Napoli 1 Centro nell’informazione e nell’arruolamento dei cittadini ai programmi di screening.

I contenuti dell’accordo e i vantaggi per l’utenza

In particolare, le farmacie di comunità convenzionate proporranno ai cittadini arruolabili l’adesione agli screening e prenoteranno direttamente attraverso il CUP gli appuntamenti per lo screening del tumore della mammella o del tumore e della cervice uterina. Le visite saranno calendarizzate nei Distretti sanitari di base dell’ASL Napoli 1 Centro, che ha già provveduto a potenziare l’offerta. Ancor più capillare l’offerta dedicata allo screening del tumore del colon retto, per il quale, al di là delle numerose iniziative già portate avanti dalla ASL Napoli 1 Centro, saranno direttamente le farmacie a consegnare gratuitamente i contenitori ai cittadini che, prelevato il campione, lo riporteranno in farmacia. A loro volta, le farmacie provvederanno a consegnare i campioni al laboratorio di riferimento dell’ASL che provvederà ad analizzarli.

Verdoliva (Asl Napoli 1 Centro): «Capillarità e tempestività per offrire più salute ai cittadini»

«Un protocollo d’intesa che ci aiuterà ad incrementare ancor più la nostra offerta per quel che riguarda gli screening oncologici – spiega il direttore generale Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva – attraverso la capillarità delle farmacie di comunità convenzionate e anche grazie al rapporto fiduciario che esiste tra quest’ultime con i cittadini. Con questa collaborazione auspichiamo di raggiungere il maggior numero di persone che rientrano nelle fasce di età previste dallo screening, finalizzando questo nostro ulteriore sforzo ad intercettare quei casi che normalmente non hanno alcun sintomo né segno clinico di malattia. Puntiamo insomma ad interventi terapeutici tempestivi che riducono la mortalità o i disturbi legati alla malattia e gli effetti dannosi dei trattamenti somministrati in una fase di malattia avanzata».

«Scegliere di aderire al circuito screening significa entrare in un percorso strutturato e gratuito -sottolinea il direttore sanitario aziendale dell’Asl Napoli 1 Centro Maria Corvino – che consente ai cittadini di essere sicuri e seguiti nel caso venga individuato un problema. Il circuito screening dell’ASL Napoli 1 Centro è infatti collegato al Gruppo di lavoro multidisciplinare della Rete Oncologica Campana, che consente di realizzare una presa in carico globale efficace ed efficiente e di azzerare i tempi di attesa».

Le età e le tempistiche per gli screening

«Per il tumore della cervice uterina il controllo riguarda le donne dai 25 ai 64 anni – chiarisce la dottoressa Tiziana Spinosa, responsabile per gli screening oncologici dell’ASL Napoli 1 Centro -. In particolare, dai 25 ai 30 anni si procede con un Pap Test ogni 3 anni; mentre dai 30 ai 64 anni serve l’Hpv test ogni 5 anni». Diverse le tempistiche di screening per il tumore della mammella e del colon retto. «Nel primo caso – spiega – i controlli riguardano le donne dai 45 ai 69 anni, si procede con una mammografia bilaterale ogni 2 anni. Per il colon retto l’esame del sangue occulto va fatto una volta ogni 2 anni tra i 50 e i 74 anni di età, indipendentemente che a farlo siano gli uomini o le donne».

Iorio (Federfarma Napoli): «Post pandemia acceleriamo su prevenzione e farmacia dei servizi»

«Con la fine della pandemia – commenta Riccardo Maria Iorio, Presidente di Federfarma Napoli – si può tornare finalmente a fare quella necessaria prevenzione che giocoforza è stata un po’ trascurata in questi ultimi due anni. L’impegno appena sottoscritto con l’ASL Napoli 1 Centro rappresenta un importante momento di riconoscimento della rilevanza che le attività della ‘farmacia dei servizi’ possono assumere nel concorrere al raggiungimento degli obiettivi di prevenzione e salute delle Aziende Sanitarie, nella fattispecie, consentendo ai cittadini, attraverso la farmacia sotto casa, di poter accedere agli esami necessari per lo screening per il cancro del colon retto, della cervice uterina o al seno, prenotando una mammografia. Anche durante la pandemia – prosegue Iorio – le farmacie hanno dato un grande contributo alla campagna vaccinale grazie al coordinamento sinergico della ASL Napoli 1 Centro. Nel garantire il massimo impegno per il successo di questa iniziativa, auspico siano sempre maggiori le occasioni di collaborazione con le ASL napoletane per iniziative che possano “snellire”, attraverso le farmacie, l’accesso a servizi ed iniziative di prevenzione per i cittadini, in linea con la farmacia dei servizi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...