Lavoro 29 Marzo 2021 10:58

Obbligo vaccinale e scudo penale, le norme in arrivo per i sanitari

Con il nuovo decreto dovrebbero arrivare due novità per gli operatori sanitari: lo scudo penale per i vaccinatori e l’obbligo vaccinale per chi è a contatto con i pazienti. In discussione trasferimenti e sanzioni amministrative per chi rifiuta la somministrazione

Obbligo vaccinale e scudo penale, le norme in arrivo per i sanitari

“Scudo penale” per i vaccinatori e obbligo vaccinale per i sanitari. Il prossimo decreto, in arrivo probabilmente a giorni, dovrebbe contenere queste due novità per i professionisti della salute. Di entrambe si parla da qualche settimana e già il ministro della Salute Roberto Speranza aveva assicurato che il governo era al lavoro per provvedere. A scatenare l’esigenza due episodi legati alle reazioni avverse AstraZeneca e ai focolai scatenati da personale no-vax in ospedali e residenze per anziani.

Scudo penale, perché la richiesta

Nel primo caso, la necessità di uno “scudo penale” protettivo per i vaccinatori si è presentata con l’avvio dell’indagine sulla morte di Stefano Paternò, militare siciliano deceduto a poche ore dalla somministrazione del vaccino. Nel registro degli indagati, infatti, è stato iscritto anche il personale che ha effettuato l’iniezione, per quanto in via cautelativa. Pur se protettiva, la Legge 24 non impedisce di iscrivere il medico nel registro indagati per “atto dovuto”, costringendolo comunque a una spesa per la causa. Da qui la richiesta degli Ordini per uno scudo completo che escluderebbe comunque i casi di “colpa grave”. Su questo il problema dell’iscrizione al registro degli indagati resterebbe un nodo da sciogliere.

Obbligo vaccini, cosa succederà a chi si rifiuta?

Nel secondo caso, ha fatto scalpore nei giorni scorsi il caso di Brindisi, in cui quasi 400 operatori si sono dichiarati contrari alla vaccinazione. Numero ora ridotto a 200, in ogni caso ingente per la Asl di Lecce. La struttura ha già minacciato trasferimenti e addirittura licenziamenti, chiedendo anche un sostegno da parte del governo, che non si farà attendere. A causa della vicinanza con persone fragili o potenzialmente infette, medici e infermieri dovranno essere vaccinati contro Covid-19.

Tra i precedenti su cui si fa leva c’è una pronuncia scritta dall’attuale ministra della Giustizia, Marta Cartabia, da vicepresidente della Corte Costituzionale nel 2017. Si trattava della legittimità del “decreto Lorenzin” sull’obbligo vaccinale per l’iscrizione dei bambini a scuola. In questo caso, veniva dichiarato, l’imposizione di un trattamento sanitario non andava a cozzare con l’articolo 32 della Costituzione, in quanto non pericoloso per l’obbligato ma protettivo nei confronti suoi e degli altri. Prevista comunque un’equa indennità al danneggiato in caso di conseguenze impreviste.

La norma in studio in questi giorni dovrebbe prevedere, per i sanitari che rifiutino la vaccinazione, di essere trasferiti a mansioni di carattere amministrativo e non a contatto con pazienti. In caso di rifiuto anche di quest’ultima possibilità, potrebbero scattare sanzioni di tipo amministrativo delineate dall’Ordine dei medici.

Anelli (FNOMCeO): «Medici d’accordo con obbligo»

«Bene l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari, anche se i medici sono per la stragrande maggioranza vaccinati. Bene anche lo “scudo penale” per i professionisti che vaccinano, ma estenderlo al trattamento complessivo del Covid». È questa, in estrema sintesi, la posizione della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, in merito alle prime indiscrezioni trapelate sul nuovo Decreto Legge allo studio del Governo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Fine stato di emergenza, cosa non cambia per i professionisti sanitari
Cosa succederà ai lavoratori della salute con l'uscita dallo stato di emergenza, in vigore da due anni. Alcuni obblighi restano, situazioni lavorative escono dal riconoscimento "emergenziale"
Obbligo vaccinale, primo via libera alla Camera. Dalla validità del Green pass alla quarantena a scuola, tutte le novità del decreto
Il provvedimento ora atteso al Senato per il via libera definitivo. Spaccatura nella maggioranza, la Lega si è astenuta. Tra le novità l’estensione del Green pass rafforzato per accedere agli uffici postali, bancari e finanziari, alle attività commerciali. Test antigenici gratuiti nelle scuole fino al 28 febbraio
di Francesco Torre
Tamponi nelle parafarmacie, indennità, consenso informato. Così i partiti vogliono cambiare il decreto sull’obbligo vaccinale
Centinaia gli emendamenti presentati al DL 1 del 2022 che introduce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Coraggio Italia chiede di estendere l’obbligo agli over 18. Mentre il M5S chiede tamponi calmierati in base al reddito. Richiesta bipartisan per consentire anche a chi ha il Green pass base di fruire dei trasporti marittimi
di Francesco Torre
Terapia intensiva neonatale allo stremo a Napoli. Peperoni (SUMAI): «Ora obbligo vaccinale per donne incinte»
L'Ospedale Federico II è l’unico sul territorio destinato a partorienti e neonati Covid. «Sovraffollamento e rischio focolai, la Regione individui altri presìdi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...