Salute 12 Gennaio 2022 11:55

Terapia intensiva neonatale allo stremo a Napoli. Peperoni (SUMAI): «Ora obbligo vaccinale per donne incinte»

L’Ospedale Federico II è l’unico sul territorio destinato a partorienti e neonati Covid. «Sovraffollamento e rischio focolai, la Regione individui altri presìdi»

Terapia intensiva neonatale allo stremo a Napoli. Peperoni (SUMAI): «Ora obbligo vaccinale per donne incinte»

Nella Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Federico II di Napoli si lavora senza sosta per salvare la vita dei piccoli ricoverati. Ma la situazione sta diventando insostenibile: sono più di 80 i neonati che necessitano di cure intensive, di cui più di 30 nati da madri positive al Sars-CoV-2. Ad oggi, in tutta la provincia di Napoli e Salerno solo il Policlinico Federico II accoglie le partorienti positive al Covid. La gestione dei reparti TIN e Ginecologia e Ostetricia, con l’aumento vertiginoso dei contagi, rischia di piegarsi irrimediabilmente sotto il peso dell’emergenza. A lanciare l’allarme ai nostri microfoni è Gabriele Peperoni, vicepresidente nazionale SUMAI, il sindacato degli specialisti ambulatoriali.

La TIN in condizioni drammatiche

«Tutto il personale della TIN della Federico II è allo stremo – spiega –  il sovraffollamento è inevitabile, e non è possibile garantire la debita distanza tra i neonati in attesa degli esiti dei tamponi, con un forte rischio di contagio. A questo – prosegue – si somma la scarsità di personale, soprattutto infermieristico, perché in quarantena o a sua volta positivo. Insomma, la situazione è drammatica e lavorare in queste condizioni mette a rischio la vita dei pazienti ed espone il personale ad un alto margine di errore».

Peperoni pone l’accento su due fattori fondamentali per arginare l’onda d’urto: il vaccino obbligatorio per le gestanti nel secondo trimestre di gravidanza, e la distribuzione del carico ospedaliero per le donne e i neonati Covid anche in altre strutture.

Accelerare su obbligo vaccinale per donne incinte

«C’è purtroppo una forte resistenza delle donne gravide a sottoporsi al vaccino – spiega Peperoni – e questo mette a rischio l’incolumità delle loro vite ma anche dei loro bambini, dal momento che lo stato gravidico pone la donna in situazione di maggior fragilità, più sensibili all’insulto del virus. E’ assolutamente necessario -afferma – che il Governo provveda all’estensione dell’obbligo vaccinale per le gestanti oltre il terzo mese. La maggior parte delle partorienti positive che giungono in reparto non è coperta neppure con prima dose, cosa che ovviamente predispone a quadri clinici complessi».

Distribuire il carico ospedaliero su più presìdi

«Uno spiraglio si apre dall’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli – osserva Peperoni- che sarebbe in procinto di riattivare il reparto Covid di Ostetricia e Ginecologia. Il punto è che senza una TIN, il carico dei neonati prematuri e/o Covid positivi continuerà a gravare unicamente sul polo federiciano. E trasportare un neonato bisognoso di cure intensive presenta degli innegabili rischi. Il mio auspicio – conclude- è che la cabina di regia della Regione provveda con urgenza a individuare una rete di ulteriori presìdi che possano fornire assistenza ai neonati e alle donne positive in gravidanza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
Parlamento chiuso, ma occhi puntati sull’elezione del Capo dello Stato. In CdM ipotesi introduzione obbligo vaccinale
Settimana di chiusura per Camera e Senato, ma sottotraccia si lavora per un accordo per il prossimo presidente della Repubblica: Draghi in pole, tra i nomi in ballo anche Pera, Amato e Casini. Dal 10 gennaio Decreto contenimento Covid e Super Green Pass a Palazzo Madama
di Francesco Torre
Il Consiglio di Stato apre le porte all’obbligo della terza dose per i professionisti sanitari?
Secondo Federico Gelli l’obbligo di inoculazione della dose “booster” anche per gli operatori sanitari sarebbe, alla luce di questa sentenza, «doveroso». Ma è davvero così? Cosa dice la sentenza? Lo abbiamo chiesto all’avv. Andrea Marziale, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario
«Legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario», Consiglio di Stato boccia ricorso medici
Respinta l'istanza presentata da medici e farmacisti del Friuli-Venezia Giulia. Per i giudici l’obbligo vaccinale «non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini»
GIMBE: «3,8 milioni i lavoratori non vaccinati, rischio caos tamponi»
«Il fabbisogno settimanale stimato di tamponi antigenici rapidi è compreso tra 7,5 e 11,5 milioni. L’attuale sistema che punta su farmacie e centri autorizzati non potrà garantire, almeno nel breve termine, un’adeguata offerta di test a prezzi calmierati. Considerare obbligo vaccinale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre