Salute 22 Gennaio 2020

Obbligo vaccinale, Nas: «Ad oggi 217 contestazioni a dirigenti e genitori». A Belluno 30 indagati

Presentato il libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto”, realizzato dall’associazione Valore Uomo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Ricciardi: «Bene obbligo ma copertura non ancora sufficiente ovunque». Mazzucchiello: «La favoletta è per i bambini ma sono i genitori che devono leggerla». Il Miur diffonderà il volume nelle scuole

Immagine articolo

Trenta persone, fra dirigenti scolastici del servizio pubblico e legali rappresentanti di scuole private dell’infanzia, sono state iscritte nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Belluno. Questo il risultato delle indagini svolte dal NAS di Treviso connesse alla verifica delle veridicità delle attestazioni presentate dai genitori dei minori ai fini della prova dell’assolvimento degli obblighi vaccinali degli iscritti alle scuole primarie e dell’infanzia della Provincia di Belluno. I militari del nucleo trevigiano hanno infatti accertato che i responsabili delle scuole avevano omesso di allontanare gli alunni – tra i 3 ed i 6 anni – non vaccinati e quindi carenti del requisito di accesso alla scuola che, per ragioni di igiene e sanità, doveva essere compiuto senza ritardo, consentendo la frequenza dei bambini dal mese di settembre 2018 a quello di giugno 2019. Gli indagati dovranno ora rispondere del reato di omissione di atti d’ufficio.

Secondo Adelmo Lusi, comandante dei NAS, il nucleo dei Carabinieri per la tutela della Salute, dai dati in suo possesso l’obbligo vaccinale è comunque stato un successo: «I Nas hanno visionato fino ad oggi, dall’entrata in vigore della legge sull’obbligo vaccinale, 56mila documentazioni tra autocertificazioni e certificazioni. Questa analisi ha portato all’individuazione di 217 persone tra genitori e dirigenti degli istituti scolastici “che non hanno compiuto il loro dovere”».

Proprio in questi giorni ha avuto luogo la presentazione del libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto”, una iniziativa editoriale portata avanti dall’Associazione Valore Uomo per promuovere presso genitori e figli, sotto forma di favola, l’importanza delle vaccinazioni. L’iniziativa ha visto la collaborazione di personalità di primissimo piano del mondo scientifico italiano: da Giovanni Rezza, Direttore Malattie Dipartimento Infettive ISS a Walter Ricciardi, Professore Igiene generale e applicata Università Cattolica, da Giovanni Scambia, Ordinario di Ginecologia e Ostetricia all’Università Cattolica del Sacro Cuore e Direttore Scientifico della Fondazione del Policlinico Agostino Gemelli a Alberto Villani, Presidente della Società Italiana di Pediatria. L’obiettivo del volume è quello di spiegare alle nuove generazioni l’efficacia e l’utilità dell’immunoprofilassi attraverso un’avventura in cui i vaccini prendono le sembianze di supereroi dai poteri speciali. Un testo rivolto ai bambini ma che in realtà parla in primis ai genitori.

Il libro contiene anche preziose informazioni sull’impatto nella popolazione delle malattie coperte da vaccini (sia quelli obbligatori che quelli non obbligatori). «Questo libro, pensato per i bambini a partire dalla costruzione delle immagini, è innanzitutto una speranza. Nasce dal desiderio di accendere la loro curiosità a voler comprendere quello che c’è dietro l’atto della vaccinazione» si legge nella prefazione firmata da Giuseppe Mazzucchiello e da Walter Ricciardi, che ai nostri microfoni fa il punto della situazione sul tema: «Siamo a un punto molto molto migliore rispetto a tre anni fa perché la legge ha messo in sicurezza i bambini. Con l’obbligo si sono anche costrette le famiglie a parlare con gli operatori, cosa che prima non succedeva perché prima non ci arrivavano proprio ai servizi vaccinali. In questo modo la stragrande maggioranza dei genitori, che non sono delle persone cattive ma sono soltanto delle persone preoccupate per la salute dei propri figli, se informati adeguatamente reagiscono positivamente. Oggi di fatto l’esitazione vaccinale si è notevolmente ridotta. Rimangono quei pochissimi che a volte sono molto rumorosi ma di fatto l’obiettivo principale è stato raggiunto». Secondo Ricciardi la copertura raggiunta, seppur in crescita, non è ancora raggiunta: «Ancora non è proprio sufficiente i termini di sicurezza dappertutto, è sicuramente migliorata ma ci sono parti del paese che non sono in sicurezza. La prima è la provincia autonoma di Bolzano che ha ancora dei tassi di copertura da terzo mondo. È una provincia che ha bisogno di particolare attenzione e di informazione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
Giornata Mondiale Ipofosfatemia legata all’X (XLH): Omar pubblica libro con testimonianze di chi vive la patologia
La XLH rappresenta la più diffusa forma di rachitismo di origine genetica: una patologia cronica, altamente invalidante, che provoca malformazioni e gravi problematiche osteo-articolari
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Controlli Nas, 20% delle strutture di accoglienza anziani e disabili sono risultate non conformi
Nel report "Estate tranquilla" i Nas denunciano 208 strutture di accoglienza anziani e disabili in tutto il territorio nazionale considerate inadatte. Sono 131 i gestori e dipendenti denunciati, a cui si aggiungono alcuni familiari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare