Lavoro 22 Dicembre 2020 15:00

Che Natale sarà per i professionisti sanitari? Pensieri e stati d’animo di chi trascorrerà le feste in corsia

Medici, infermieri e operatori sanitari non si fermano neanche a Natale. Soprattutto quest’anno, per continuare la battaglia contro il Covid-19

Che Natale sarà per i professionisti sanitari? Pensieri e stati d’animo di chi trascorrerà le feste in corsia

Un Natale diverso per tutti e stravolto dalla pandemia di coronavirus che ormai da un anno attanaglia il mondo. Ma come lo trascorreranno medici e professionisti sanitari? La maggior parte sarà in ospedale a lavorare, dove non è possibile interrompere l’attività nemmeno durante le feste. Soprattutto quest’anno, quando c’è una pandemia da combattere.

Stefano Paglia, medico di pronto soccorso di Lodi 

«Indipendentemente dal Covid il nostro reparto è sempre molto solerte durante le festività. Non facciamo ferie e i turni sono regolari. Io quest’anno lavorerò fino alla vigilia, mentre il 25 e il 26 dicembre sarò a casa con la famiglia, tamponi permettendo… naturalmente! Infatti, se qualche collega dovesse risultare positivo al tampone, pur essendo asintomatico, verranno rivisti i turni e potrei essere al lavoro».

Mario Guarino, medico di pronto soccorso di Napoli

«Smeralda è siciliana. Minuta nel suo carré rosso e l’accento forte. Innamorata della medicina d’urgenza in tutte le sue declinazioni, sceglie Napoli come sede della scuola di specializzazione. Anche se ancora specializzanda, l’arrivo della pandemia le offre la possibilità di un contratto al CTO. Il pronto soccorso e la medicina d’urgenza in cui si è formata per lei è casa, ormai. Un mostro odiato da tutti, a lei ha consentito l’avverarsi di un sogno. E Natale lontano dai suoi non è triste. Trascorrerà la notte di Natale in pronto soccorso sentendosi importante, necessaria e coccolata dalla nuova famiglia. Le incertezze del nuovo anno, la troveranno più forte con la netta percezione di avercela fatta. Finito il giro del reparto guarda i malati, si gira e, in un improbabile napoletano-messinese, sussurra “Adda passa’ ‘a nuttata!».

Silvia Vaccari, ostetrica

«Per più di dieci anni mi sono sempre offerta di essere in servizio il giorno di Natale o la notte della vigilia. L’ho sempre fatto perché ritengo che le festività vadano condivise, in quanto sono un momento in cui stare insieme, unite con le donne e le famiglie. Quest’anno ancora di più, a causa della solitudine che l’ha fatta da padrona anche in un evento gioioso, pieno di speranze, che dà avvio al futuro come il parto. Lo faccio perché non voglio far sentire sole le donne, le ostetriche e tutti coloro che si affacciano alla vita. Ogni nato sarà per me, per noi ostetriche, un pensiero positivo per quello che verrà, una luce che ci illuminerà nel tempo, e noi ostetriche vogliamo esserci».

Donato Fasano, infermiere di Bologna

«Quando ho deciso di intraprendere la professione di infermiere, ero consapevole che non avrei potuto più godermi il sabato, la domenica e le feste principali tra cui il Natale. Crescendo professionalmente ti rendi conto che tutti i giorni si equivalgono, ma la magia del Natale in ospedale non ha eguali. Gli interventi in urgenza devono essere eseguiti: i pazienti vengono preparati e così anche lo strumentario chirurgico deve essere pronto. Anche se abbiamo la famiglia a casa, se ne crea un’altra in ospedale con i colleghi che sono in turno e con i quali condividiamo lo stesso obiettivo, il benessere del paziente. La riuscita dell’intervento chirurgico è dettata dalle azioni dei diversi professionisti che si adoperano e ti ricordi che è Natale quando esci e l’intera città è illuminata. Per me fare l’infermiere è un onore è non c’è Natale, Capodanno, Pasqua che tenga, soprattutto in questo momento storico attanagliato dal Covid, dove l’attenzione è maggiore e i DPI indossati pesano come macigni. L’amore per la professione mi fa superare quelle che sono le gioie della condivisione delle feste con le persone a cui vuoi bene. Se così non fosse avrei fatto altro».

Salvatore Musumeci, infermiere di Firenze

«Essere un infermiere vuol dire anche questo, perdere la possibilità di poter festeggiare le festività natalizie con i propri cari e familiari. Ho deciso di intraprendere questo percorso e sono consapevole anche del fatto di doverle trascorrere in reparto a lavorare con i pazienti. Ma noi non ci abbattiamo e il nostro spirito natalizio non viene a mancare. Tanto che quei giorni si passeranno a festeggiare con i pazienti e colleghi, tra le terapie e le flebo, tra un sondino o un catetere da inserire al volo. Perché essere infermieri vuol dire anche questo».

Elena Sforzi, infermiera di Prato

«Per queste feste natalizie la frase che più spesso ho sentito riecheggiare è stata “Quest’anno non mi sembra neanche Natale, non ho voglia di festeggiarlo”. E per un certo momento l’ho pensato anch’io. Io sono un’infermiera di neonatologia del Nuovo ospedale Santo Stefano di Prato e sono una mamma. Il Covid, l’anno difficile, le ferie revocate, la stanchezza… per un attimo anch’io ho pensato che Natale non fosse da festeggiare. Ho pensato di non avere lo spirito giusto. Ma mi sbagliavo. Quest’anno la notte di Natale sarò al lavoro. Assisterò bambini che necessitano di cure, accoglierò lo sfogo di mamme impaurite. Ma soprattutto farò da ponte fra quelle mamme e quei bambini che il Covid momentaneamente ha separato. La seconda ondata è stata pesante anche per noi, noi che non avevamo mai indossato una tuta, ci siamo ritrovati a spiegare l’allattamento al seno con la visiera calata sugli occhi, a fare videochiamate a mamme positive che per settimane non hanno potuto abbracciare i loro bambini, a gioire con quelle donne che finalmente erano negative e potevano trascorrere tutta la notte abbracciate ai loro figli. E magicamente mi rendo conto che lo spirito del Natale, nonostante la stanchezza, la delusione, è più vivo che mai. Le sensazioni in questo Natale sono tante e a volte contrastanti. Ma, forse più che mai, c’è la voglia di far star bene gli altri, c’è voglia di speranza che le cose possano andare davvero bene. C’è la voglia di chiudere la pagina di quest’anno funesto e ricominciare con un nuovo capitolo».

Myriam Letizia Li Vigni, infermiera di Firenze

 «Sono un’infermiera neolaureata, lavoro nel Covid center di Careggi a Firenze e in occasione dell’avvento del Natale abbiamo allestito e addobbato ogni suo angolo con luci di speranza. Siamo consapevoli di essere in un reparto di passaggio, di transizione, dove ognuno di noi ci sta mettendo tutto il cuore con sacrificio e totale devozione per un tempo indefinito. Creiamo forme con le luci natalizie, la musica classica e accendiamo le pareti con disegni di bambini dei colleghi che si sono dovuti allontanare dalle famiglie. È importante rendere questo ambiente familiare sia ai pazienti che per noi che vi passiamo la maggior parte del nostro tempo. Questo, il nostro reparto, ce lo ricorderemo in particolar modo sotto le festività natalizie e quando tutto questo finirà e ognuno tornerà nella propria casa, saremo sempre legati da questa splendida avventura che ci ha fatti incontrare e ci sta insegnando tanto a livello professionale e umano. Veniamo da vari setting operativi e chi come me dall’università, e anche se lavoriamo da poco tempo insieme è come se ci conoscessimo da sempre. A Natale essere felici è un diritto e noi nel nostro piccolo cerchiamo di fare la differenza».

Christian Parone, terapista occupazionale di Ancona

«Il lavoro in Unità Spinale continua, anche nei periodi di festa. Sarò in servizio durante il periodo natalizio, come di consueto, ma quest’anno, data la particolare condizione, sarà ancora più importante. I miei pazienti, che durante la giornata sono impegnati in faticose attività riabilitative, purtroppo riceveranno le visite dei loro cari in maniera limitatissima, rispettando i massimi criteri di sicurezza. La presenza di noi operatori sarà fondamentale, anche per compensare la lontananza dagli affetti in un periodo di particolare sofferenza per loro. Ho la fortuna di risiedere con la famiglia e di essere costantemente sottoposto a controlli a lavoro, quindi, terminato il turno di servizio passerò le feste nel mio nucleo ristretto. Quest’anno, in attesa del vaccino e che la condizione migliori, niente serate con gli amici e momenti di convivialità in luoghi pubblici. Vivere le feste in maniera più riservata, sarà una buona occasione di riflessione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
Fine stato di emergenza, cosa non cambia per i professionisti sanitari
Cosa succederà ai lavoratori della salute con l'uscita dallo stato di emergenza, in vigore da due anni. Alcuni obblighi restano, situazioni lavorative escono dal riconoscimento "emergenziale"
Eolie, gli abitanti lottano contro il depotenziamento dell’ospedale: «Serve l’elicottero anche per un gesso»
Da tre anni il comitato “L’Ospedale di Lipari non si tocca” combatte una battaglia per non far chiudere l’ospedale e ripristinare il Punto nascite. La chiusura della camera iperbarica l’ultimo episodio di depotenziamento. Nel 2020 la tragica morte della giovane Lorenzo Famularo, con la protesta degli abitanti
di Francesco Torre
Regione Lombardia investe 10 milioni di euro nel “ponte digitale” tra ospedale e territorio
Il 2022 sarà l’anno decisivo per la realizzazione di una piattaforma centralizzata in grado di mettere in rete le strutture ospedaliere, le case di comunità e creare percorsi di telemedicina a cui avranno accesso i cittadini
“Tutta un’altra SMA”: il regalo di Natale solidale per garantire le stesse opportunità di cura a tutti
La campagna di Famiglie SMA per sostenere la ricerca e i progetti a favore delle famiglie che convivono con l’atrofia muscolare spinale, malattia rara che ogni anno in Italia colpisce circa 40-50 nuovi nati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...