Professioni Sanitarie 7 Luglio 2020 11:20

Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»

La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»

di Isabella Faggiano

«Il numero di ostetriche nei consultori andrebbe implementato di oltre 20mila unità. E non solo. La figura dell’ostetrica sarebbe necessaria all’interno di tutti i servizi territoriali: nelle farmacie, per dare consigli e sostegno a donne in allattamento, a signore in menopausa ed a giovani ragazze, nelle carceri, nei centri oncologici e di diagnosi ecografica di settore». A fotografare la realtà italiana è Silvia Vaccari, vice presidente FNOPO. La Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, infatti, ha mappato il Belpaese per valutare quante ostetriche fossero impegnate nei servizi territoriali. «Risultato? Per niente incoraggiante: l’assistenza ostetrica è piuttosto carente. Solo 5 regioni hanno raggiunto lo standard atteso in relazione alla presenza delle ostetriche nei consultori familiari. Per questo – commenta la vicepresidente della Federazione di categoria – continuiamo a mirare alla diffusione dell’ostetrica di famiglia, punto di riferimento, insieme ad altre figure professionali sanitarie, per donne e famiglie».

I RICONOSCIMENTI ATTESI

Ancora non pienamente riconosciuti alcuni ruoli e competenze che alle ostetriche spetterebbero di diritto: «La nostra professionalità è fondamentale nell’assistenza delle gravidanze fisiologiche, così come ribadito anche nelle “Linee di indirizzo per la definizione e l’organizzazione dell’assistenza in autonomia da parte delle ostetriche alle gravidanze a basso rischio ostetrico (BRO), redatte dal ministero della Salute. Inoltre, le ostetriche andrebbero dotate del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza, evitando che la donna sia sempre costretta a migrare verso altri professionisti».

LEGGI ANCHE: CALDO, LE DIECI REGOLE PER TUTELARE LA SALUTE DEGLI ANZIANI

L’UNIVERSITÀ E LA CARRIERA

Per migliorare ulteriormente le competenze della categoria professionale la FNOPO ha da tempo avanzato la richiesta di modificare il percorso di formazione: «Vorremmo implementare il corso di laurea da tre a cinque anni. Nel post-formazione, poi – continua Vaccari – vorremmo poter offrire carriere stimolanti alle nostre ostetriche, così da richiamare in Italia anche le professioniste migrate all’estero in cerca di specializzazioni, lavoro e compensi migliori».

LE LEGGI CI SONO, BASTEREBBE APPLICARLE

E tutto potrebbe essere realizzato senza la necessità di nuove leggi create ad hoc: «Le leggi finora approvate – spiega la vice presidente FNOPO – sono sufficienti a realizzare tutte le nostre richieste, sarebbe solo necessario applicarle appieno. Servirebbe la giusta sensibilità organizzativa per collocare le ostetriche laddove è giusto che svolgano il proprio lavoro. In altre parole – conclude l’ostetrica -, riorganizzando i servizi territoriali ed attribuendo ad ogni professionista il suo luogo di competenza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale