Professioni Sanitarie 7 Luglio 2020 11:20

Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»

La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»

di Isabella Faggiano

«Il numero di ostetriche nei consultori andrebbe implementato di oltre 20mila unità. E non solo. La figura dell’ostetrica sarebbe necessaria all’interno di tutti i servizi territoriali: nelle farmacie, per dare consigli e sostegno a donne in allattamento, a signore in menopausa ed a giovani ragazze, nelle carceri, nei centri oncologici e di diagnosi ecografica di settore». A fotografare la realtà italiana è Silvia Vaccari, vice presidente FNOPO. La Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, infatti, ha mappato il Belpaese per valutare quante ostetriche fossero impegnate nei servizi territoriali. «Risultato? Per niente incoraggiante: l’assistenza ostetrica è piuttosto carente. Solo 5 regioni hanno raggiunto lo standard atteso in relazione alla presenza delle ostetriche nei consultori familiari. Per questo – commenta la vicepresidente della Federazione di categoria – continuiamo a mirare alla diffusione dell’ostetrica di famiglia, punto di riferimento, insieme ad altre figure professionali sanitarie, per donne e famiglie».

I RICONOSCIMENTI ATTESI

Ancora non pienamente riconosciuti alcuni ruoli e competenze che alle ostetriche spetterebbero di diritto: «La nostra professionalità è fondamentale nell’assistenza delle gravidanze fisiologiche, così come ribadito anche nelle “Linee di indirizzo per la definizione e l’organizzazione dell’assistenza in autonomia da parte delle ostetriche alle gravidanze a basso rischio ostetrico (BRO), redatte dal ministero della Salute. Inoltre, le ostetriche andrebbero dotate del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza, evitando che la donna sia sempre costretta a migrare verso altri professionisti».

LEGGI ANCHE: CALDO, LE DIECI REGOLE PER TUTELARE LA SALUTE DEGLI ANZIANI

L’UNIVERSITÀ E LA CARRIERA

Per migliorare ulteriormente le competenze della categoria professionale la FNOPO ha da tempo avanzato la richiesta di modificare il percorso di formazione: «Vorremmo implementare il corso di laurea da tre a cinque anni. Nel post-formazione, poi – continua Vaccari – vorremmo poter offrire carriere stimolanti alle nostre ostetriche, così da richiamare in Italia anche le professioniste migrate all’estero in cerca di specializzazioni, lavoro e compensi migliori».

LE LEGGI CI SONO, BASTEREBBE APPLICARLE

E tutto potrebbe essere realizzato senza la necessità di nuove leggi create ad hoc: «Le leggi finora approvate – spiega la vice presidente FNOPO – sono sufficienti a realizzare tutte le nostre richieste, sarebbe solo necessario applicarle appieno. Servirebbe la giusta sensibilità organizzativa per collocare le ostetriche laddove è giusto che svolgano il proprio lavoro. In altre parole – conclude l’ostetrica -, riorganizzando i servizi territoriali ed attribuendo ad ogni professionista il suo luogo di competenza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Punti nascita, la voce di ginecologi e ostetriche: «Ridurli non peggiora l’assistenza»
A Sanità Informazione, la presidente AOGOI, Elsa Viora, e la presidente della FNOPO, Silvia Vaccari, commentano le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sulla possibile rimodulazione dei punti nascita in Italia
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM