Lavoro 29 Gennaio 2021 12:06

Il precariato medico proclama lo stato di agitazione. Mazzeo (Chi si cura di te?): «Siamo pronti allo sciopero»

Camici grigi e medici in formazione richiedono l’attivazione di un tavolo interministeriale urgente per discutere i temi inerenti alla formazione medica. Ecco tutte le richieste

Il precariato medico proclama lo stato di agitazione. Mazzeo (Chi si cura di te?): «Siamo pronti allo sciopero»

Hanno offerto la loro disponibilità ad affrontare l’emergenza con un contributo fondamentale, ma il loro lavoro è stato «ripetutamente denigrato e svilito». «L’inqualificabile gestione del concorso delle scuole di specializzazione e la vergognosa proposta di sfruttare i medici in formazione per la campagna vaccinale» sono la punta di un iceberg fatto di «precariato, ricattabilità e mancanza di diritti».

A dichiarare lo stato di agitazione e la dura presa di posizione è l’associazione ‘Chi si cura di te?’, il coordinamento degli specializzandi, camici grigi (medici non inseriti in alcun percorso formativo post-laurea e non in grado di assumere incarichi stabili) sia in rapporto convenzionato che libero-professionale e medici in formazione specialistica e generale che promuove i diritti dei giovani professionisti della salute.

Le motivazioni dello stato di agitazione

Sanità informazione ha raggiunto telefonicamente Salvatore Mazzeo, coordinatore dell’esecutivo nazionale di “Chi si cura di te”: «Lo stato di agitazione, il primo indetto dal precariato medico in Italia, formalizzato lo scorso 21 dicembre – spiega – fa seguito a manifestazioni e mobilitazioni di piazza, alla gestione del concorso di specializzazione in Medicina e alla recente decisione di utilizzare specializzandi e specializzande per la campagna vaccinale senza nessuna interlocuzione precedente».

Tutte le richieste presentate ai Ministeri

Sono tante le istanze riguardanti la formazione e il precariato medico presentate nella comunicazione al Ministero della salute, al Ministero dell’Università e della Ricerca e alla Presidenza del Consiglio dei ministri; questioni urgenti, da affrontare nell’immediato vista la situazione di emergenza e vecchi problemi ancora irrisolti.

«Dalla risoluzione dell’imbuto formativo già dal 2021 alla necessità di una programmazione basata sui fabbisogni di salute della popolazione» passando per la richiesta di «una riforma del contratto di formazione medica nazionale che si incardini nel Contratto Collettivo Nazionale della formazione medica che garantisca diritti, tutele e la rappresentanza sindacale» fino ad arrivare alla «stabilizzazione dei camici grigi e dei colleghi che sostengono la medicina territoriale con contratti di tipo precario».

«Specializzandi vaccinati solo dopo i dipendenti»

«Uno dei punti a sostegno dello stato di agitazione è il fatto che non solo gli specializzandi siano stati chiamati a svolgere attività vaccinale – prosegue Mazzeo – ma siano stati inizialmente esclusi dalla campagna vaccinale, in alcune sedi, perché in base all’inquadramento contrattuale (non dipendenti) considerati a minor rischio e quindi vaccinati dopo. Lo stesso discorso vale per il riconoscimento economico stanziato per gli operatori sanitari in alcune regioni «da cui gli specializzandi sono stati esclusi perché non sono lavoratori dipendenti».

«Pronti allo sciopero dei camici grigi e dei medici in formazione»

«Per ora non abbiamo avuto nessuna risposta dai ministeri – specifica Mazzeo –. Aspettiamo che si aprano i tavoli per la conciliazione. Se ciò non avverrà o non otterremo un esito favorevole, passeremo a forme di mobilitazione più forti, con lo sciopero dei camici grigi e dei medici in formazione» conclude.

La Cgil sostiene lo stato di agitazione

Stabilire i precari, procedere ad assunzioni stabili e riformare la formazione di tutte le scuole di specializzazione, anche attraverso l’equiparazione dei corsi di medicina generale «sono le nostre priorità». Per questo, la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn ha deciso di appoggiare lo stato di agitazione del coordinamento di ‘Chi si cura di te?’.

Secondo il sindacato, rispetto a quanto registrato nella gestione dell’emergenza pandemica «è necessario invertire assolutamente la tendenza, ovvero quella di continuare a implementare il personale della sanità ricorrendo a contratti a termini o di somministrazione, come si registra in merito alla gestione del piano vaccinale».

Nella fase pandemica «gli specializzandi sono stati essenziali, e spesso in forma volontaria, ma non possiamo accettare che questo avvenga senza sicurezze, senza tutele e senza retribuzioni. Per queste ragioni sosteniamo lo stato di agitazione: bisogna ripartire dai giovani per garantire il ricambio generazionale necessario e la tutela del servizio sanitario pubblico e universale» conclude la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi