Giovani 7 Gennaio 2021 15:30

Specializzandi vaccinatori, dopo le proteste si pensa di eliminare l’obbligo o di prevedere un rimborso spese

«Inaccettabili» per le associazioni dei giovani medici le condizioni previste per gli specializzandi che somministreranno i vaccini anti-Covid. Plauso all’aumento delle borse di specializzazione in legge di Bilancio, ma «insufficiente a risolvere l’imbuto formativo»

di Tommaso Caldarelli
Specializzandi vaccinatori, dopo le proteste si pensa di eliminare l’obbligo o di prevedere un rimborso spese

Una buona luce e una grossa ombra nella legge di Bilancio 2021 per le associazioni che radunano i giovani medici: la prima è la conferma della dotazione delle borse di specializzazione per l’anno entrante; la seconda è la previsione, definita inaccettabile, dell’impiego dei medici che frequentano le scuole di specializzazione per le vaccinazioni anti SARS–CoV–2, soprattutto perché da un lato obbligati a prender parte alle campagne vaccinali, dall’altro perché “retribuiti” solo tramite Crediti Formativi Universitari. Insomma, gli specializzandi vaccinatori non starebbero lavorando, ma soltanto adempiendo ad un obbligo formativo nel partecipare al processo di immunizzazione della popolazione italiana.

Specializzandi e vaccinazioni, Di Silverio (Anaao): «Obbligo sa di sfruttamento, è inaccettabile»

Tutte le associazioni dei medici in specializzazione, prevedibilmente, bocciano senza appello questo tipo di impostazione e sono in queste ore in dialogo con le strutture del governo per ottenere delle modifiche; altrimenti, spiegano a Sanità Informazione raggiunti al telefono, la mobilitazione sarà inevitabile.

«Quando gli specializzandi sono serviti durante i lockdown sono stati contrattualizzati con accordi sia pur inaccettabili; ora che servono ancora, ma meno, tornano studenti e intanto si regalano 25 milioni di euro a delle società interinali. Si tratta di incongruità che ovviamente noi non possiamo accettare», spiega Pierino Di Silverio, Coordinatore giovani per Anaao. «Noi vogliamo metterci a disposizione della comunità, vogliamo partecipare alla campagna vaccinale, ma è una questione di principio. Non possiamo accettare che ci sia un meccanismo di cooptazione, un obbligo che sa di sfruttamento», continua.

Liuzzi (ALS): «Fateci partecipare al bando Arcuri»

«I medici che erogano una regolare prestazione medica devono essere contrattualizzati con adeguata retribuzione. Stiamo parlando di lavoro, e allora chiediamo che si apra il bando Arcuri con accessibilità anche agli specializzandi, o che vengano creati dei contratti ad hoc», fa eco Giammaria Liuzzi, parte del direttivo dell’Associazione ALS.

Viola (Federspecializzandi): «Si pensa sia giusto farci lavorare gratis»

«Nel bando Arcuri i medici vaccinatori saranno pagati 60 euro all’ora come da CCNL, o addirittura 80 in caso di particolare urgenza; questo trattamento dimostra quale sia la considerazione dei giovani medici. Fondamentalmente si pensa che sia giusto che noi lavoriamo gratis», continua Federica Viola, vicepresidente vicario di Federspecializzandi: «Siamo sempre davanti allo stesso discorso, dobbiamo tornare a ripetere che nelle scuole di specializzazione ci sono medici a tutti gli effetti e sentire che questi laureati possono essere sfruttati perché tanto stanno ancora studiando», continua.

Sul punto, ci confermano gli intervistati, continuano gli incontri e le proteste in sede ministeriale: pare che l’obbligo possa diventare facoltà, con scelta dunque del medico in formazione, o che possa essere previsto un rimborso spese.

Le 4200 borse in più per il concorso 2021

Migliore ovviamente il giudizio sulle 4200 borse di specializzazione in più per il concorso da bandire nel 2021: «Va ovviamente bene – continua Viola – ma non si risolve del tutto la questione dell’imbuto formativo. Il numero dei contratti di specializzazione si mantiene stabilmente più basso di quello dei medici laureati».

Non solo, continua Di Silverio: «Quest’anno si sono laureati, oltre ai 10mila stabili in Medicina, i 9mila che fecero ricorso al Tar. Aggiungiamo i consueti partecipanti dovuti all’imbuto formativo ed ecco che i conti non tornano. Ci aspettiamo che finalmente vengano sviluppati dei fabbisogni medici organici molto più studiati; ci aspettiamo che si sappia che servano x anestesisti, y infettivologi, z pneumologi. Solo una corretta programmazione chiude la vicenda dell’imbuto formativo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Università, ok della Camera all’abrogazione del divieto di iscrizione a due corsi
La norma ha avuto il via libera all’unanimità da Montecitorio, ora è attesa a Palazzo Madama. Per gli specializzandi novità su master e dottorati
di Francesco Torre
Doppia laurea, Tuzi (M5S): «Svolta straordinaria per specializzandi in medicina»
Con la riforma al voto a Montecitorio gli specializzandi, per la prima volta, potranno seguire contemporaneamente altri corsi di formazione, master o conseguire un dottorato di ricerca
Vaccini, Ianaro (M5S): «Prima di terza dose a giovani e sani completare immunizzazione nel resto del mondo»
«Ignorare la metà del mondo rimasta indietro nella campagna vaccinale non solo è eticamente inaccettabile ma anche antiscientifico e antieconomico» aggiunge la farmacologa e deputata pentastellata che da tempo sostiene la sospensione temporanea dei brevetti del vaccino Covid 19
Imbuto formativo, PNRR e nuovi contratti. Viola (Federspecializzandi): «Ecco come devono evolvere le scuole di specializzazione»
Intervista alla presidente di Federspecializzandi: «Necessario adattarsi ai tempi che viviamo e comprendere cose che non sono state ancora capite»
Incarichi e carriera: l’impatto del CCNL sulle aspirazioni dei giovani medici del SSN
«Il solito lento e macchinoso ingranaggio burocratico non facilita l’assegnazione delle posizioni. Scarso l’investimento sui giovani e la loro valorizzazione. È necessario un cambio di passo». I risultati del sondaggio di Anaao Giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?