Formazione 17 Giugno 2019 12:22

Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»

In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»

Equiparare le borse di formazione dei medici di base a quelle universitarie degli specialisti. La richiesta arriva in concomitanza con l’affermazione di un diritto che viene finalmente riconosciuto: con una sentenza in Appello è stata infatti confermata la giusta remunerazione per gli ex specializzandi. Mentre all’Hotel Palatino di Roma si celebrava il riconoscimento di quello che è stato per molto tempo un diritto negato a tanti specialisti, per i medici di famiglia la strada è ancora in salita. A parlarne il dottor Massimo Sabatini del Consiglio Direttivo della FIMMG-Lazio.

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, A ROMA L’APPELLO DÀ RAGIONE AI CAMICI BIANCHI. L’AVVOCATO MARCO TORTORELLA: «300MILA MEDICI ABBANDONATI DALLO STATO, ORA GIUSTIZIA»

Le borse dei futuri medici di famiglia non sono ai livelli degli specializzandi, questo è un problema di cui si parla da tempo…
«Si, è un problema che i ragazzi che sono in corso di specializzazione sentono molto, perché loro sono in qualche modo penalizzati rispetto alle specializzazioni universitarie, prendendo una borsa di circa la metà. Per questo motivo vorrebbero essere equiparati agli altri».

Cosa si può fare in concreto? Anche perché chi fa il corso di formazione in medicina generale ovviamente si sente svantaggiato.
«Il problema è che le specializzazioni universitarie hanno un tipo di finanziamento che arriva dal Ministero dell’Istruzione, mentre le specializzazioni in medicina generale vengono finanziate dalla Regione, si tratta di un’organizzazione diversa. Quindi dovrebbero essere le Regioni a decidere di aumentare l’appannaggio delle borse, raddoppiarle per renderle uguali a quelle dell’università. Purtroppo, per ora non se ne parla ancora».

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO, I MEDICI DI FAMIGLIA SI RIBELLANO ALLE DISCRIMINAZIONI SUBITE DURANTE LA FORMAZIONE POST-LAUREA

Spesso si sente dire dai medici di medicina generale “non siamo medici di serie B”, allora questo potrebbe essere un modo per riaffermare questo concetto…
«Questo sì, però ripeto, è una questione politica di cui è difficile dare contezza per sapere quando e sé questa cosa si appianerà, presumibilmente ci vorrà ancora del tempo».

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco