Formazione 17 Giugno 2019

Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»

In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Equiparare le borse di formazione dei medici di base a quelle universitarie degli specialisti. La richiesta arriva in concomitanza con l’affermazione di un diritto che viene finalmente riconosciuto: con una sentenza in Appello è stata infatti confermata la giusta remunerazione per gli ex specializzandi. Mentre all’Hotel Palatino di Roma si celebrava il riconoscimento di quello che è stato per molto tempo un diritto negato a tanti specialisti, per i medici di famiglia la strada è ancora in salita. A parlarne il dottor Massimo Sabatini del Consiglio Direttivo della FIMMG-Lazio.

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, A ROMA L’APPELLO DÀ RAGIONE AI CAMICI BIANCHI. L’AVVOCATO MARCO TORTORELLA: «300MILA MEDICI ABBANDONATI DALLO STATO, ORA GIUSTIZIA»

Le borse dei futuri medici di famiglia non sono ai livelli degli specializzandi, questo è un problema di cui si parla da tempo…
«Si, è un problema che i ragazzi che sono in corso di specializzazione sentono molto, perché loro sono in qualche modo penalizzati rispetto alle specializzazioni universitarie, prendendo una borsa di circa la metà. Per questo motivo vorrebbero essere equiparati agli altri».

Cosa si può fare in concreto? Anche perché chi fa il corso di formazione in medicina generale ovviamente si sente svantaggiato.
«Il problema è che le specializzazioni universitarie hanno un tipo di finanziamento che arriva dal Ministero dell’Istruzione, mentre le specializzazioni in medicina generale vengono finanziate dalla Regione, si tratta di un’organizzazione diversa. Quindi dovrebbero essere le Regioni a decidere di aumentare l’appannaggio delle borse, raddoppiarle per renderle uguali a quelle dell’università. Purtroppo, per ora non se ne parla ancora».

LEGGI ANCHE: #6STATODISCRIMINATO, I MEDICI DI FAMIGLIA SI RIBELLANO ALLE DISCRIMINAZIONI SUBITE DURANTE LA FORMAZIONE POST-LAUREA

Spesso si sente dire dai medici di medicina generale “non siamo medici di serie B”, allora questo potrebbe essere un modo per riaffermare questo concetto…
«Questo sì, però ripeto, è una questione politica di cui è difficile dare contezza per sapere quando e sé questa cosa si appianerà, presumibilmente ci vorrà ancora del tempo».

Articoli correlati
ACN Medicina Generale, SMI interrompe trattativa. Il segretario Onotri: «No ad accordo a zero risorse»
Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) ha interrotto le trattative in SISAC sul rinnovo del contratto nazionale dei medici di medicina generale. Il sindacato, in una nota, annuncia che ritornerà al tavolo delle trattative «solo dopo la verifica dell’atto di indirizzo da parte del Governo». «Chiediamo chiarezza su quale sia l’entità dei fondi da destinare […]
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Carenza Specialisti, Magi (Omceo Roma): «Le scelte del Governo rischiano di aumentare l’imbuto formativo e ridurre la formazione post lauream»
«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le […]
ACN medicina fiscale, Petrone (Segretario settore Inps-Fimmg): «Puntiamo alla fidelizzazione del medico con l’Inps»
Importanti novità riguardanti i medici fiscali sono emerse dall’incontro tra i vertici dell’Istituto e i sindacati per la stipula del primo ACN per la medicina fiscale convenzionata Inps. «Siamo soddisfatti, l'Inps ha accettato tutte le richieste di tutela che chiederemo anche per quel dovrà essere in tempi brevissimi l’ACN per i Medici Convenzionati Esterni» così Alfredo Petrone
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda
A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...