Lavoro 6 Febbraio 2019

Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»

Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po’ di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all’estero

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Il sistema chirurgia in Italia è a rischio». È Pierluigi Marini, presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (Acoi), a lanciare il monito. Tra i più preoccupati della carenza di specialisti e del calo di vocazione che negli anni ha allontanato sempre più giovani dal mondo della chirurgia, Marini punta i riflettori sul numero elevato di contenziosi medico-legali che coinvolgono i chirurghi: «È il primo motivo di tanto scetticismo e paura, che spinge molti chirurghi a non voler entrare in sala operatoria, preoccupati dalle cause». Uno scetticismo ben dimostrato dai numeri, come racconta il presidente Acoi: «Su quasi 17mila neolaureati in Medicina, solo 90 giovani, quest’anno, hanno scelto di fare il chirurgo, lasciando libere circa 250 borse di studio che probabilmente andranno perse. Inoltre, su una popolazione complessiva di circa 7.500 colleghi, abbiamo calcolato che circa 1500 chirurghi se ne andranno a breve».

LEGGI ANCHE: ALLARME CHIRURGHI, MARINI (ACOI): «SPECIALITÀ SCELTA SOLO DA 90 GIOVANI. SIAMO TRA I MIGLIORI AL MONDO, APPELLO ALLE ISTITUZIONI»

Insomma, i giovani medici non vogliono più fare i chirurghi e i più anziani scelgono di andare in pensione con quota 100; tanti, poi, lasciano il servizio pubblico preferendo il privato o, addirittura, se ne vanno all’estero. «Tutto questo – prosegue Marini – mette in discussione i livelli minimi assistenziali nelle nostre sale operatorie».

Dà la colpa anche alle campagne che istigano i pazienti a denunciare eventuali errori medici, Marini. Pubblicità che vanno inevitabilmente a rovinare il rapporto di fiducia, già ai ferri corti, tra camici bianchi e pazienti: «Lo spot pubblicitario andato in onda sulle maggiori televisioni pubbliche e private nel periodo natalizio è scandaloso: noi ci siamo sentiti attaccati dallo slogan vergognoso ‘denunciamo i medici’. Un atteggiamento di questo tipo mette in seria discussione quel legame, quel patto della salute, che ci deve essere tra medici e pazienti, senza il quale non si possono raggiungere i risultati sperati».

Marini evidenzia, poi, il fatto che il 95% dei contenziosi vadano a finire con un nulla di fatto: «I tribunali sono pieni, soffocati da cause di questo genere, che hanno solo un impatto morale gravissimo su di noi e sulle nostre famiglie. Per questo sostengo l’idea di istituire una camera di compensazione, perché è necessario riportare sulla giusta strada il rapporto tra noi ed i nostri pazienti, senza il quale rischieremo di mettere in discussione l’intero sistema».

 «D’altra parte – conclude Marini – sono le evidenze scientifiche a dirci che in chirurgia non può essere garantito il risultato. Bisogna allora riportare un po’ di serenità in questo settore se vogliamo che il sistema chirurgia in Italia non collassi».

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, DE PAOLIS (SIC): «IN ITALIA SEMPRE MENO CHIRURGHI, COLPA DEI CONTENZIOSI. BENE CAMERA DI COMEPNSAZIONE PER ARGINARLI»

Articoli correlati
Congresso SIC, Basile: «Attenzione alla chirurgia di astensione per paura delle denunce»
«Tutto ciò allontana i giovani dalla chirurgia. Quest’anno la chirurgia come specializzazione è stata scelta come prima scelta in tutta Italia, da pochissimi, credo in tutto una novantina di giovani laureati», ha rivelato con amarezza il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Francesco Brasile
Dal fascicolo sanitario elettronico alla revisione delle norme sui concorsi, Speranza detta il programma durante il question time
Alla Camera dei Deputati, tra i temi affrontati anche l'adozione definitiva del decreto sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) e l'aumento delle borse di formazione inserito nel Patto della Salute 2020 in discussione
Alleanza tra professioni in difesa del SSN: Regioni e FNOMCeO chiedono al Ministro una Conferenza nazionale
Sul tavolo dell'incontro tra Regioni e FNOMCeO, carenza di specialisti, imbuto formativo e aggressioni. Visione comune sull'esigenza di estendere a tutti i medici la possibilità di prescrivere farmaci di largo consumo destinati alla cura di malattie croniche
De Paolis (SIC): «Chirurgia italiana parli con voce unica. Avviato percorso tra le varie associazioni per rilancio professione»
In occasione del 121° Congresso della Società Italiana di Chirurgia, il presiedente Paolo De Paolis ha poi sottolineato il tema delle eccessive aspettative dei pazienti nei confronti del medico chirurgo: «Le possibilità del chirurgo sono moltissime, sono cresciute grazie alle nuove tecnologie ma ci troviamo sempre di fronte a un nemico terribile che è la malattia, il tumore»
Carenza medici, Speranza: «Sì a valutare assunzioni ambulatoriali». Edilizia sanitaria: «Fare protocollo su sicurezza»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha partecipato alla VI edizione delle 'Giornate del lavoro' della Cgil, ha commentato la proposta del sindacato Sumai di reperire personale tra gli specialisti ambulatoriali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...