Lavoro 4 Febbraio 2019

Contenziosi legali, Gallo (Corte d’Appello Roma): «Serve squadra di mediatori che trovi compromesso per evitare tribunale»

«Nel contenzioso tra medici e cittadini la collaborazione degli avvocati è preziosa. Essi stessi devono farsi mediatori tra il proprio assistito e la controparte. Alleggerire numero di azioni è interesse dell’utente e, allo stesso tempo, interesse generale». Queste le parole di Fabio Massimo Gallo, presidente vicario della Corte d’Appello di Roma, a margine del convegno ‘Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive’ organizzato dall’Unione Italiana Forense con la partnership di Sanità Informazione

Contenziosi legali, Gallo (Corte d’Appello Roma): «Serve squadra di mediatori che trovi compromesso per evitare tribunale»

Circa 15 miliardi di euro l’anno. A questa cifra ammonta la spesa che lo Stato deve sostenere per i contenziosi medico-legali che, come se non bastasse, sono in costante crescita. «Sedi di mediazione sono auspicabili perché è interesse dell’utente, ma anche interesse generale, alleggerire il numero di contenziosi», dichiara Fabio Massimo Gallo, presidente vicario della Corte d’Appello di Roma in occasione del convegno ‘Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive’ organizzato presso la Corte d’Appello dall’Unione Italiana Forense con OMCeO Roma e la partnership media della nostra testata.

Con la creazione di una camera di compensazione per un confronto fuori dalle aule giuridiche «le parti avrebbero la possibilità di individuare, da sole e con certezza, il punto di equilibrio dei propri interessi – prosegue il presidente -, e non dovrebbero affrontare le spese e il tempo di un contenzioso».

«Per far funzionare questi organismi di mediazione occorre la buona volontà delle parti che deve essere incrementata mediante adatte opere di sensibilizzazione a livello pubblico e a livello di mass media», è il monito di Gallo, che sottolinea l’importanza di avviare la formazione efficace di una classe di mediatori che possa mettere in atto questa soluzione di compromesso fuori dalle stanze del tribunale. Inoltre «occorre anche la collaborazione preziosa degli avvocati che devono farsi essi stessi mediatori tra il proprio assistito e la controparte» spiega.

Da considerare che il numero di contenziosi è cresciuto anche perché «si è diffusa in modo preoccupante – prosegue il presidente – una certa sfiducia nei confronti di chiunque svolga professioni ad elevato contenuto culturale ed elevato risvolto sociale».

«Quindi – conclude -, quello che è un bene dal punto di vista della maggiore consapevolezza dei cittadini, rischia di diventare un elemento negativo se fa venir meno quel necessario rapporto di fiducia nei confronti di figure importanti come il medico, la cui prima arma deve essere la fiducia di cui gode da parte del proprio assistito».

LEGGI ANCHE: MEDICINA DIFENSIVA, RAMPELLI (UIF): «MEDICO SOTTOPOSTO A ‘TIRO AL PICCIONE’. OCCORRE MODIFICARE QUESTO HABITAT MENTALE»

Articoli correlati
Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»
Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po' di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all'estero
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Arbitrato della Salute, La Torre (Collegio chirurghi): «Legge Gelli non sta funzionando, positiva idea di una camera di compensazione»
Il presidente del CIC sottolinea come i contenziosi medici-pazienti siano, insieme al blocco del turn over e alla difficoltà nella formazione, uno dei motivi per cui molti medici non scelgono questa specializzazione
Il doppio filtro della Legge Gelli 24/2017
Avvocato Daniela Nazzaro
di Avvocato Daniela Nazzaro
Spot risarcimenti, Rostan (LeU): «Peggiora rapporto medico-paziente». Appello al Ministro Grillo su aggressioni: «Serve equiparazione medico-pubblico ufficiale»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali di Montecitorio lancia l’idea di «un patto territoriale fra i medici di base e le aziende ospedaliere per ridurre il ricorso ai Pronto soccorso e di conseguenza gli atti di violenza». E sul ddl anti-violenza rilancia: «Pronti a ritirare nostre firme se può servire a dar seguito alla legge: occorre restituire dignità al lavoro dei medici e degli operatori sanitari consentendo la procedibilità d’ufficio»
Infiltrazioni mafiose, creato comitato ad hoc in ambito sanitario. Morra (Antimafia): «Salute settore che scatena appetito criminale, serve trasparenza»
Il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali sottolinea il particolare caso della Calabria: «Qui da circa 10 anni SSN è guidato da un commissario ma abbiamo registrato un abbassamento dei LEA e un innalzamento del deficit, si capisce c’è qualcosa di strano». Sul contenzioso medico paziente: «Bene iniziative volte a ridurlo ma serve migliorare qualità offerta sanitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli