Politica 1 Febbraio 2019 10:50

Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»

I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»

Nonostante un Sistema sanitario tra i migliori al mondo, una formazione accademica in medicina tra le più virtuose e ricercatori con pedigree invidiabile, in Italia sono sempre meno i giovani che desiderano indossare il camice bianco soprattutto in sala chirurgica. «I chirurghi sono sempre meno e questo purtroppo è un dato di fatto», commenta Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia intervistato in occasione del convegno “Diventare chirurgo generale oggi: una scelta difficile” presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato.

Trent’anni di esperienza, oltre 5mila interventi, il presidente della SIC, attualmente direttore di Chirurgia generale d’urgenza all’Ospedale Molinette di Torino, spiega che il numero di chirurghi è in diminuzione «perché gravati, oggi più di ieri, da grandi rischi professionali con importanti risvolti dal punto di vista del contenzioso medico legale».

LEGGI ANCHE: CHIRURGHI ‘IN ESTINZIONE’, L’ONCOLOGO GIUSEPPE PETRELLA: «ARGINARE FUGA DI CERVELLI O SALUTE A RISCHIO. ADERISCO ALL’IDEA DEL TRIBUNALE DELLA SALUTE»

Una professione difficile che comporta rischi enormi: «Se poi l’ambito lavorativo diventa sempre più difficoltoso, allontana prima di tutto i giovani – osserva de Paolis -. Peccato, si tratta di un’esperienza straordinaria e professionale seppur difficile e complessa», aggiunge rammaricato.

«Sono decisamente troppi i contenziosi che oggi minano questa professione così meravigliosa». Ed è proprio per l’alta percentuale di contese legali che varie realtà nell’ambito sanitario stanno mobilitandosi per porre un freno alla tendenza, sempre più preoccupante, di tentare le vie legali per chiedere risarcimento anche quando non occorrerebbe: «Si tratta di strumenti utili, anzi necessari per combattere questa inclinazione», sottolinea il presidente.

A questo proposito ha destato l’attenzione dell’opinione pubblica, raccogliendo decine di migliaia di firme, la petizione online su change.org che sostiene l’idea di un Tribunale della Salute, una camera di compensazione che induca l’abbandono delle aule di giustizia per anteporre il confronto pacifico e risolutivo. «Questa iniziativa -commenta De Paolis -, cerca di ovviare al problema che necessita di una soluzione urgente».

Certamente «il riconoscimento delle capacità del chirurgo, al di sopra di qualsiasi questione, è l’aspetto più importante. Ci tengo a ribadire che il paziente deve avere piena fiducia nel professionista sanitario, questo è il primo passo da compiere. Certo è – conclude -, che queste iniziative possono aiutare a stabilire un clima pacifico, obiettivo che già la legge Gelli ha tentato di perseguire».

Articoli correlati
Enpam Sicura: Milillo e Santini condannati a risarcire Enpam
Il Tribunale civile di Roma ha condannato Giacomo Milillo e Giulio Santini a risarcire a Enpam, l’Ente previdenziale di medici e odontoiatri, 1,7 milioni di euro
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»
Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »
di Peter D'Angelo
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...