Politica 1 Febbraio 2019

Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»

I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Nonostante un Sistema sanitario tra i migliori al mondo, una formazione accademica in medicina tra le più virtuose e ricercatori con pedigree invidiabile, in Italia sono sempre meno i giovani che desiderano indossare il camice bianco soprattutto in sala chirurgica. «I chirurghi sono sempre meno e questo purtroppo è un dato di fatto», commenta Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia intervistato in occasione del convegno “Diventare chirurgo generale oggi: una scelta difficile” presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato.

Trent’anni di esperienza, oltre 5mila interventi, il presidente della SIC, attualmente direttore di Chirurgia generale d’urgenza all’Ospedale Molinette di Torino, spiega che il numero di chirurghi è in diminuzione «perché gravati, oggi più di ieri, da grandi rischi professionali con importanti risvolti dal punto di vista del contenzioso medico legale».

LEGGI ANCHE: CHIRURGHI ‘IN ESTINZIONE’, L’ONCOLOGO GIUSEPPE PETRELLA: «ARGINARE FUGA DI CERVELLI O SALUTE A RISCHIO. ADERISCO ALL’IDEA DEL TRIBUNALE DELLA SALUTE»

Una professione difficile che comporta rischi enormi: «Se poi l’ambito lavorativo diventa sempre più difficoltoso, allontana prima di tutto i giovani – osserva de Paolis -. Peccato, si tratta di un’esperienza straordinaria e professionale seppur difficile e complessa», aggiunge rammaricato.

«Sono decisamente troppi i contenziosi che oggi minano questa professione così meravigliosa». Ed è proprio per l’alta percentuale di contese legali che varie realtà nell’ambito sanitario stanno mobilitandosi per porre un freno alla tendenza, sempre più preoccupante, di tentare le vie legali per chiedere risarcimento anche quando non occorrerebbe: «Si tratta di strumenti utili, anzi necessari per combattere questa inclinazione», sottolinea il presidente.

A questo proposito ha destato l’attenzione dell’opinione pubblica, raccogliendo decine di migliaia di firme, la petizione online su change.org che sostiene l’idea di un Tribunale della Salute, una camera di compensazione che induca l’abbandono delle aule di giustizia per anteporre il confronto pacifico e risolutivo. «Questa iniziativa -commenta De Paolis -, cerca di ovviare al problema che necessita di una soluzione urgente».

Certamente «il riconoscimento delle capacità del chirurgo, al di sopra di qualsiasi questione, è l’aspetto più importante. Ci tengo a ribadire che il paziente deve avere piena fiducia nel professionista sanitario, questo è il primo passo da compiere. Certo è – conclude -, che queste iniziative possono aiutare a stabilire un clima pacifico, obiettivo che già la legge Gelli ha tentato di perseguire».

Articoli correlati
Coronavirus, Nursing Up: «Oltre 10mila firme sulla petizione online per aiutare gli infermieri in trincea»
Sono oltre 10mila le firme raccolte dalla petizione del sindacato Nursing Up, che ha lanciato un appello online il 16 marzo scorso sulla situazione organizzativa degli infermieri in trincea sull’orlo del collasso. «In queste ore continuiamo a ricevere da parte di infermieri impegnati nelle attività di contrasto al Coronavirus nelle aziende sanitarie delle regioni del […]
Cancro, gli oncologi: «Creare ospedali COVID19 a bassa incidenza per continuare a curarlo»
SICO-AIOM-AIRO sul trattamento delle neoplasie in regime di emergenza COVID-19: «Chiediamo una tempestiva riorganizzazione dei presidi al fine di poter continuare ad effettuare interventi di chirurgia oncologica»
Protesi alla spalla, 5mila interventi l’anno grazie alla rivoluzione 3D
A Roma il meeting biennale dei principali esperti italiani e internazionali patrocinato dalla Società Italiana Ortopedia e Traumatologia. «Intendiamo favorire il costante confronto e imprimere un’ulteriore accelerazione agli importanti progressi raggiunti negli ultimi anni» spiega il presidente Francesco Falez
Chirurgia 4.0, al S. Orsola di Bologna la realtà aumentata è entrata in sala operatoria
Per la prima volta al mondo il chirurgo ha indossato un visore di nuova generazione che lo ha guidato e supportato durante un intervento di chirurgia maxillo-facciale
Spina bifida, feto operato in utero. Il primato europeo della clinica Mangiagalli di Milano
Il chirurgo fetale Nicola Persico: «Tecnica endoscopica appresa in Brasile che prevede riparazione del difetto del canale vertebrale in sede con meno rischi per il feto e la madre»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...