Salute 28 Marzo 2022 14:33

Nuovo trattamento distrugge i calcoli renali con le onde sonore, addio dolore e bisturi

Un nuovo trattamento chiamato litotrissia a onde esplosive distrugge i calcoli renali

Nuovo trattamento distrugge i calcoli renali con le onde sonore, addio dolore e bisturi

Solo chi ci è passato lo sa: i calcoli renali sono dolorosi, anzi dolorosissimi. Per questo l’annuncio di un nuovo trattamento in grado di distruggerli rapidamente è stato accolto con entusiasmo dalla comunità scientifica internazionale. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Washington, a Seattle, ha scoperto che un trattamento a base di onde sonore, conosciuto come litotrissia a onde esplosive (BWL) è in grado di rompere i calcoli renali in pezzi abbastanza piccoli che possono poi essere facilmente espulsi con l’urina.

Impulsi sonori frammentano i calcoli renali in pezzi più piccoli

Bastano 10 minuti e il problema è risolto: i frammenti passano attraverso il tratto urinario per essere espulsi senza provare quel terribile dolore. Nello studio, descritto Journal of Urology, sono stati coinvolti 19 partecipanti, ognuno dei quali soffriva di calcoli renali. La procedura BWL utilizza impulsi sonori per attaccare il calcolo renale e romperlo in frammenti più piccoli. Non è una procedura molto invasiva ed è molto più semplice e meno dispendiosa in termini di risorse rispetto alla chirurgia, e molo meno dolorosa come cercare di far passare il calcolo naturalmente.

Con la litotrissia a onde esplosive i calcoli renali possono essere espulsi naturalmente

Nei 19 partecipanti sono stati rilevati 25 calcoli renali. Ciascuno è stato trattato con BWL per dieci minuti. Il trattamento è stato in grado di rompere il 90 per cento dei calcoli e frammentarne completamente il 40 per cento. Poco più della metà dei calcoli sono stati frammentati almeno parzialmente dalle onde sonore. I frammenti rimanenti erano abbastanza piccoli da poter essere facilmente eliminati dai pazienti con poco dolore.

Una possibile svolta per il trattamento dei calcoli

L’esame eseguito dai ricercatori dopo l’espulsione non ha riscontrato effetti collaterali negativi, ma solo piccole lesioni tissutali causate ai pazienti che hanno ricevuto il trattamento. Se ampiamente adottato, BWL potrebbe rappresentare una svolta nel trattamento di una condizione che colpisce più persone di quanto alcuni possano credere. I ricercatori scrivono che ogni anno circa il 10 per cento degli americani soffra di calcoli renali, che costano all’economia della nazione circa 10 miliardi di dollari all’anno.

I ricercatori sperano che si arrivi a una litotrissia ambulatoriale

I calcoli renali si formano quando si creano depositi di minerali nell’organo di una persona che alla fine si induriscono. Il corpo ha bisogno di liberarsene, ma può essere un processo estremamente doloroso e arduo. Le persone più a rischio sono in sovrappeso o obese, non bevono abbastanza acqua ogni giorno o fanno scelte alimentari sbagliate. Quando un calcolo è troppo grande per passare naturalmente, può causare dolore estremo e richiedere addirittura un intervento chirurgico. I ricercatori sperano che i loro risultati «siano un passo verso una litotrissia ambulatoriale per pazienti svegli», poiché il trattamento può evitare la necessità di anestesia e interventi più seri.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dai calcoli renali all’artrite, i 20 dolori peggiori per un essere umano
Tra le condizioni che provocano più dolori, il Servizio Sanitario Nazionale britannico include l'endometriosi, l'artrite, e molte altre
«Inserite la fibromialgia nei Lea», l’appello dei 2 milioni di pazienti
Il Comitato Fibromialgici Uniti chiede che la fibromialgia venga finalmente inclusa nei Lea. Per il 12 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Fibromialgia, sono previste varie iniziative
A quattro anni le salva la vita, 30 anni dopo la ritrova collega in sala operatoria
Per Alessandro Giamberti, responsabile della Chirurgia Pediatrica del Policlinico San Donato di Milano, l’incontro con Valeria Terranova è stata una grande emozione. Nota la cicatrice di questa giovane anestesista specializzanda proveniente da Siena arruolata nel periodo Covid, e scopre che ad operarla era stato proprio lui. Oggi vanno insieme nelle missioni in Africa per salvare i bambini cardiopatici
Smaltire le liste d’attesa e abbassare i costi per le strutture, la ricetta “Office Based” del professor Peretti di Genova
La pandemia ha allungato ulteriormente i tempi di attesa per interventi a bassa complessità non urgenti ma comunque fondamentali per la salute della popolazione. Il Direttore dell’Unità di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale San Martino di Genova spiega a Sanità Informazione cosa è possibile fare (e già si fa) ad aggirare l’ostacolo
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...