Università 24 Gennaio 2019 11:28

Vincenzo Boccia al Campus Bio-Medico di Roma: «Rafforzare rapporti tra università e imprese per raccogliere le sfide della complessità»

Il Presidente di Confindustria in visita all’ateneo romano: «Ho visto passione, competenza, responsabilità. Gente che lavora e che ha in testa un progetto, vicina ai pazienti con orgoglio e senso di identità». Il Rettore Raffaele Calabrò: «Alleanza strategica tra università e imprese per offrire sempre più una formazione orientata alla persona, tecnica ma anche umana»

Vincenzo Boccia al Campus Bio-Medico di Roma: «Rafforzare rapporti tra università e imprese per raccogliere le sfide della complessità»

«Viviamo in un mondo complesso nel quale è diventato necessario affrontare il tema del confronto con le competenze». È diretto il discorso del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, intervenuto nell’aula magna dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in occasione del workshop “Università e impresa in un mondo che cambia: sfide e opportunità per il rilancio del sistema Paese”.

Un appuntamento a cui ha seguito la visita del Policlinico e dei laboratori di ricerca delle facoltà universitarie, per fare il punto sul rapporto tra università, ricerca e mondo delle imprese,.

«Dietro al pensiero economico di Confindustria c’è una precisa idea di società inclusiva ed aperta – ha sottolineato Boccia – e per realizzarla è indispensabile puntare su una relazione sempre più consolidata tra imprese e università e quindi su idee, conoscenze e competenze». Fondamentale, dunque, una formazione moderna «specialmente in un Paese come l’Italia caratterizzato dalla mancanza di materie prime». Boccia ha sottolineato come sia necessario «uscire dalla soggezione o dalla conflittualità tra imprese e università per vivere con consapevolezza questo momento storico e affrontare con metodo le sfide poste dalla cultura della complessità».

«Girando per l’Università Campus Bio-Medico di Roma ho visto passione, competenza, responsabilità. Gente che lavora e che ha in testa un progetto, vicina ai pazienti con orgoglio e senso di identità. È affascinante – ha specificato Boccia – vedere tanti professionisti che lavorano insieme in una dimensione di interdisciplinarietà non solo con la passione per il lavoro ma anche di impegno civile».

Il tema della formazione e del dialogo tra università e impresa è stato al centro dell’incontro, aperto dal presidente dell’Università Felice Barela, durante il quale il presidente onorario Paolo Arullani ha ricordato la missione dell’università Campus Bio-Medico di Roma nel «sostenere l’innovazione e le soft skills come valore aggiunto per le capacità relazionali degli studenti».

Un ragionamento rinforzato anche dal Rettore Raffaele Calabrò per il quale «oggi è più che mai strategica l’alleanza tra università e imprese nell’ottica di offrire sempre più una formazione orientata alla persona, in grado di essere non solo tecnica ma anche “umana”. La nostra è un’università che accoglie le imprese – ha continuato il Rettore – collabora con le aziende, offre loro spazi di dialogo e collaborazione con studenti e ricercatori e coopera nella creazione di nuove imprese, in particolar modo quelle fondate dai giovani. Un ruolo importante soprattutto perché l’Italia è il Paese delle migliaia di piccole e medie imprese che hanno fatto e fanno il nostro benessere».

Il presidente di Unindustria Filippo Tortoriello ha descritto l’Università Campus Bio-Medico di Roma come «punto di riferimento di una concezione moderna di accademia, dove conta tantissimo la componente umana ma anche quella imprenditoriale e dove valore aggiunto sono la correttezza e l’etica, elementi che caratterizzano anche il nostro percorso di imprenditori. Nel Lazio vantiamo un’altissima concentrazione di università e centri di ricerca – ha proseguito Tortoriello – che ne fanno uno dei territori più ricchi a livello europeo. Abbiamo tutti le carte in regola affinché la ricerca diventi effettivamente elemento di inesauribile capacità di innovazione. Dobbiamo però attivare tutte le sinergie possibili per far sì che il contatto tra università e imprese produca risultati costanti e crescenti nel tempo».

Le sinergie tra università e imprese sono rese necessarie anche dalle statistiche: «Secondo l’ultimo rapporto Ocse i laureati che si formano in Italia sono intorno al 18 per cento – ha ricordato Tortoriello – e la quantità di lauree nelle discipline tecnico-scientifiche è ancora troppo bassa: siamo dieci punti sotto la Germania». Un gap che rischia di rallentare la trasformazione dell’economia del futuro. «Più laureati in materie scientifiche sono una necessità per l’economia del futuro: l’istruzione senza una specializzazione in questi ambiti non solo penalizza le imprese –  ha concluso Tortoriello – ma spesso favorisce la disoccupazione». 

Articoli correlati
Le Federazioni degli Ordini sanitarie verso l’adozione di un’unica carta etica. Fondamentale l’aggiornamento continuo
Al Forum Risk Management in sanità la terza Conferenza nazionale sulla vulnerabilità e fragilità
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
PharmExpo 2021, a Napoli le nuove frontiere della farmaceutica tra formazione e innovazione
Tre giorni di kermesse con i principali attori del sistema. Protagonisti la farmacia dei servizi e il ruolo centrale del farmacista nel panorama sanitario
Ecm, Foschi (Cic): «Dal Covid grande insegnamento su utilità formazione a distanza»
Tra poco più di un mese scadrà la proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. Il presidente del Collegio italiano dei chirurghi: «L’invito è tornare ad una vita normale anche professionale. Giusto riprendere verifiche e meccanismi di superamento degli ostacoli»
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano