Università 24 Gennaio 2019

Vincenzo Boccia al Campus Bio-Medico di Roma: «Rafforzare rapporti tra università e imprese per raccogliere le sfide della complessità»

Il Presidente di Confindustria in visita all’ateneo romano: «Ho visto passione, competenza, responsabilità. Gente che lavora e che ha in testa un progetto, vicina ai pazienti con orgoglio e senso di identità». Il Rettore Raffaele Calabrò: «Alleanza strategica tra università e imprese per offrire sempre più una formazione orientata alla persona, tecnica ma anche umana»

Immagine articolo

«Viviamo in un mondo complesso nel quale è diventato necessario affrontare il tema del confronto con le competenze». È diretto il discorso del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, intervenuto nell’aula magna dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in occasione del workshop “Università e impresa in un mondo che cambia: sfide e opportunità per il rilancio del sistema Paese”.

Un appuntamento a cui ha seguito la visita del Policlinico e dei laboratori di ricerca delle facoltà universitarie, per fare il punto sul rapporto tra università, ricerca e mondo delle imprese,.

«Dietro al pensiero economico di Confindustria c’è una precisa idea di società inclusiva ed aperta – ha sottolineato Boccia – e per realizzarla è indispensabile puntare su una relazione sempre più consolidata tra imprese e università e quindi su idee, conoscenze e competenze». Fondamentale, dunque, una formazione moderna «specialmente in un Paese come l’Italia caratterizzato dalla mancanza di materie prime». Boccia ha sottolineato come sia necessario «uscire dalla soggezione o dalla conflittualità tra imprese e università per vivere con consapevolezza questo momento storico e affrontare con metodo le sfide poste dalla cultura della complessità».

«Girando per l’Università Campus Bio-Medico di Roma ho visto passione, competenza, responsabilità. Gente che lavora e che ha in testa un progetto, vicina ai pazienti con orgoglio e senso di identità. È affascinante – ha specificato Boccia – vedere tanti professionisti che lavorano insieme in una dimensione di interdisciplinarietà non solo con la passione per il lavoro ma anche di impegno civile».

Il tema della formazione e del dialogo tra università e impresa è stato al centro dell’incontro, aperto dal presidente dell’Università Felice Barela, durante il quale il presidente onorario Paolo Arullani ha ricordato la missione dell’università Campus Bio-Medico di Roma nel «sostenere l’innovazione e le soft skills come valore aggiunto per le capacità relazionali degli studenti».

Un ragionamento rinforzato anche dal Rettore Raffaele Calabrò per il quale «oggi è più che mai strategica l’alleanza tra università e imprese nell’ottica di offrire sempre più una formazione orientata alla persona, in grado di essere non solo tecnica ma anche “umana”. La nostra è un’università che accoglie le imprese – ha continuato il Rettore – collabora con le aziende, offre loro spazi di dialogo e collaborazione con studenti e ricercatori e coopera nella creazione di nuove imprese, in particolar modo quelle fondate dai giovani. Un ruolo importante soprattutto perché l’Italia è il Paese delle migliaia di piccole e medie imprese che hanno fatto e fanno il nostro benessere».

Il presidente di Unindustria Filippo Tortoriello ha descritto l’Università Campus Bio-Medico di Roma come «punto di riferimento di una concezione moderna di accademia, dove conta tantissimo la componente umana ma anche quella imprenditoriale e dove valore aggiunto sono la correttezza e l’etica, elementi che caratterizzano anche il nostro percorso di imprenditori. Nel Lazio vantiamo un’altissima concentrazione di università e centri di ricerca – ha proseguito Tortoriello – che ne fanno uno dei territori più ricchi a livello europeo. Abbiamo tutti le carte in regola affinché la ricerca diventi effettivamente elemento di inesauribile capacità di innovazione. Dobbiamo però attivare tutte le sinergie possibili per far sì che il contatto tra università e imprese produca risultati costanti e crescenti nel tempo».

Le sinergie tra università e imprese sono rese necessarie anche dalle statistiche: «Secondo l’ultimo rapporto Ocse i laureati che si formano in Italia sono intorno al 18 per cento – ha ricordato Tortoriello – e la quantità di lauree nelle discipline tecnico-scientifiche è ancora troppo bassa: siamo dieci punti sotto la Germania». Un gap che rischia di rallentare la trasformazione dell’economia del futuro. «Più laureati in materie scientifiche sono una necessità per l’economia del futuro: l’istruzione senza una specializzazione in questi ambiti non solo penalizza le imprese –  ha concluso Tortoriello – ma spesso favorisce la disoccupazione». 

Articoli correlati
Anaao diffida le aziende: «Illegittimo l’impiego di personale privo di competenze specialistiche presso reparti covid»
L’Anaao Assomed ha diffidato le Aziende sanitarie «dall’impiegare dirigenti medici e sanitari privi delle necessarie competenze specialistiche presso reparti non omogenei al profilo di appartenenza»
Melanoma metastatico, progetto pilota di radiogenomica per valutare risposta a immunoterapia
L’IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per “Giovani Ricercatori”. Il finanziamento è a carico del Ministero della Salute e il Principal Investigator è Antonio Guerrisi, medico radiologo dell’ISG
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Tumori pediatrici, Fondazione Veronesi torna nelle piazze
Anche quest’anno Fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica contro i tumori pediatrici, grazie al prezioso contributo di ANICAV e RICREA
Telemedicina, l’innovazione in cardiologia è sempre più digitale
Il Professore Fabrizio Ammirati spiega come la telemedicina e l’intelligenza artificiale affrontano la patologia dello scompenso cardiaco che ogni anno interessa un numero di italiani superiore a quelli affetti da COVID-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...