Formazione 25 Maggio 2022 09:28

Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG

Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»

di Francesco Torre
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG

Un contratto di specializzazione che valorizzi i giovani medici e la trasformazione del corso di formazione in medicina generale in una vera e propria scuola di specializzazione. Sono due capisaldi del disegno di legge presentato oggi in Senato dalla capogruppo Pd in commissione Igiene e Sanità al Senato Paola Boldrini, il ddl 2372 intitolato “modifiche al decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, e altre disposizioni in materia di formazione medica”.

Nel corso della presentazione sono intervenuti Alessio D’Amato, assessore alla Salute della regione Lazio, Rossana Ugenti, Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale, Stefano Manai, già responsabile formazione medico sanitaria del Pd Nazionale, Saverio Proia, già Dirigente del Ministero Salute, il professor Mario Amore, consigliere CUN dell’Università di Genova e Roberto Monaco, segretario generale FNOMCeO

Boldrini: «Inquadrare specializzandi con un contratto di formazione-lavoro»

«Serve una riforma strutturale del sistema formativo – spiega la dem Paola Boldrini -. La legge 368 del 1999 deve essere innovata. Il Dl Calabria aveva compiuto un primo passo in questa direzione inserendo in ambito lavorativo chi era ancora nell’ambito della formazione. Oggi tutti gli indicatori parlano di una carenza di medici, soprattutto in alcune specializzazioni».

«Il ddl valorizza la figura del medico specializzando che spesso è visto come tappabuchi. Noi vogliamo inquadrarlo con un contratto di formazione-lavoro conferendogli maggiori diritti e tutele anche in termini di paternità, malattia, trasferimenti, ricongiungimenti familiari e abolizione delle incompatibilità» spiega Stefano Manai.

Tra gli obiettivi del ddl quello di garantire ai medici specializzandi i diritti degli altri lavoratori della sanità e collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. Altro obiettivo è quello di completare l’evoluzione del sistema di accreditamento delle scuole di specializzazione, estendendolo alla formazione specifica di medicina generale e cure primarie, in modo da sostenere una formazione di qualità.

D’Amato: «Prossimi tre anni saranno difficili per la carenza dei medici»

Il disegno di legge è stato particolarmente apprezzato da Alessio D’Amato, assessore alla Salute della Regione Lazio: «Auspico che il Parlamento possa approvarlo rapidamente perché abbiamo bisogno di una riforma in materia di formazione medica. I prossimi tre anni saranno molto difficili perché ancora non si vedranno gli effetti dell’aumento delle borse di formazione. Dobbiamo formare ciò che serve al sistema sanitario regionale, poi occorre rafforzare la medicina territoriale».

«Ora dobbiamo superare questo meccanismo di silos e lavorare in maniera multidisciplinare, avere giovani professionisti nella medicina di territorio che sappiano svolgere in prima persona una diagnostica di primo livello. Non serve prescrivere una ecografia o una spirometria, serve farla e inserire i risultati nel fascicolo sanitario elettronico».

Contrattazione della dirigenza medica per lo specializzando

Nodo cruciale è quello di definire il tipo di rapporto di lavoro e di formazione per i medici specializzandi, prevedendo la specializzazione anche in medicina generale, adeguando la formazione del medico di medicina generale ai nuovi compiti che gli si attribuiscono.

Il disegno di legge propone l’inserimento dello specializzando nell’alveo della contrattazione della dirigenza medica e della medicina di base, configurando il ruolo di medico già abilitato alla professione al quale vengono progressivamente attribuite competenze sulla base dell’autonomia acquisita e della verifica delle competenze e si prefigge l’obiettivo di valorizzare i giovani medici in formazione attraverso l’evoluzione del contratto di formazione specialistica, nonché l’adozione del medesimo strumento, con i relativi riconoscimenti economici, giuridici e le tutele fondamentali, anche per gli iscritti ai corsi regionali di formazione specifica di medicina generale e cure primarie.

«Il percorso formativo della medicina generale prevede periodi di formazione svolti presso gli studi di medicina generale. Bisogna capire come inserirli nelle reti formative e conciliarli con la formazione universitaria» ha spiegato Rossana Ugenti, Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale.

«Dobbiamo tenere presente il fenomeno dei professionisti che vengono dall’estero – continua Ugenti -. Anche l’età anagrafica dei nostri professionisti è piuttosto elevata. Il problema è fronteggiare i prossimi tre-quattro anni. Una innovazione potrebbe essere quella di introdurre un contratto di formazione lavoro per mettere mano alla riforma della legge 368».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle
«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica
di Francesco Torre
Body shaming e magrezza patologica: formazione e consapevolezza per contrastare i nuovi fenomeni social
Consulcesi lancia il nuovo corso per camici bianchi sui Disturbi del comportamento alimentare
Medicina legale, Frati: «Settore in evoluzione, tra nuove problematiche e novità legislative»
La professoressa Paola frati presenta il convegno «Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione», che si terrà il prossimo 9 e 10 giugno. Si tratta di una due giorni di incontri e dibattiti attorno alle tematiche più innovative della medicina legale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali