Formazione 25 Maggio 2022 09:28

Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG

Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»

di Francesco Torre
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG

Un contratto di specializzazione che valorizzi i giovani medici e la trasformazione del corso di formazione in medicina generale in una vera e propria scuola di specializzazione. Sono due capisaldi del disegno di legge presentato oggi in Senato dalla capogruppo Pd in commissione Igiene e Sanità al Senato Paola Boldrini, il ddl 2372 intitolato “modifiche al decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, e altre disposizioni in materia di formazione medica”.

Nel corso della presentazione sono intervenuti Alessio D’Amato, assessore alla Salute della regione Lazio, Rossana Ugenti, Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale, Stefano Manai, già responsabile formazione medico sanitaria del Pd Nazionale, Saverio Proia, già Dirigente del Ministero Salute, il professor Mario Amore, consigliere CUN dell’Università di Genova e Roberto Monaco, segretario generale FNOMCeO

Boldrini: «Inquadrare specializzandi con un contratto di formazione-lavoro»

«Serve una riforma strutturale del sistema formativo – spiega la dem Paola Boldrini -. La legge 368 del 1999 deve essere innovata. Il Dl Calabria aveva compiuto un primo passo in questa direzione inserendo in ambito lavorativo chi era ancora nell’ambito della formazione. Oggi tutti gli indicatori parlano di una carenza di medici, soprattutto in alcune specializzazioni».

«Il ddl valorizza la figura del medico specializzando che spesso è visto come tappabuchi. Noi vogliamo inquadrarlo con un contratto di formazione-lavoro conferendogli maggiori diritti e tutele anche in termini di paternità, malattia, trasferimenti, ricongiungimenti familiari e abolizione delle incompatibilità» spiega Stefano Manai.

Tra gli obiettivi del ddl quello di garantire ai medici specializzandi i diritti degli altri lavoratori della sanità e collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. Altro obiettivo è quello di completare l’evoluzione del sistema di accreditamento delle scuole di specializzazione, estendendolo alla formazione specifica di medicina generale e cure primarie, in modo da sostenere una formazione di qualità.

D’Amato: «Prossimi tre anni saranno difficili per la carenza dei medici»

Il disegno di legge è stato particolarmente apprezzato da Alessio D’Amato, assessore alla Salute della Regione Lazio: «Auspico che il Parlamento possa approvarlo rapidamente perché abbiamo bisogno di una riforma in materia di formazione medica. I prossimi tre anni saranno molto difficili perché ancora non si vedranno gli effetti dell’aumento delle borse di formazione. Dobbiamo formare ciò che serve al sistema sanitario regionale, poi occorre rafforzare la medicina territoriale».

«Ora dobbiamo superare questo meccanismo di silos e lavorare in maniera multidisciplinare, avere giovani professionisti nella medicina di territorio che sappiano svolgere in prima persona una diagnostica di primo livello. Non serve prescrivere una ecografia o una spirometria, serve farla e inserire i risultati nel fascicolo sanitario elettronico».

Contrattazione della dirigenza medica per lo specializzando

Nodo cruciale è quello di definire il tipo di rapporto di lavoro e di formazione per i medici specializzandi, prevedendo la specializzazione anche in medicina generale, adeguando la formazione del medico di medicina generale ai nuovi compiti che gli si attribuiscono.

Il disegno di legge propone l’inserimento dello specializzando nell’alveo della contrattazione della dirigenza medica e della medicina di base, configurando il ruolo di medico già abilitato alla professione al quale vengono progressivamente attribuite competenze sulla base dell’autonomia acquisita e della verifica delle competenze e si prefigge l’obiettivo di valorizzare i giovani medici in formazione attraverso l’evoluzione del contratto di formazione specialistica, nonché l’adozione del medesimo strumento, con i relativi riconoscimenti economici, giuridici e le tutele fondamentali, anche per gli iscritti ai corsi regionali di formazione specifica di medicina generale e cure primarie.

«Il percorso formativo della medicina generale prevede periodi di formazione svolti presso gli studi di medicina generale. Bisogna capire come inserirli nelle reti formative e conciliarli con la formazione universitaria» ha spiegato Rossana Ugenti, Direzione generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale.

«Dobbiamo tenere presente il fenomeno dei professionisti che vengono dall’estero – continua Ugenti -. Anche l’età anagrafica dei nostri professionisti è piuttosto elevata. Il problema è fronteggiare i prossimi tre-quattro anni. Una innovazione potrebbe essere quella di introdurre un contratto di formazione lavoro per mettere mano alla riforma della legge 368».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Bonus 200 euro a specializzandi, è boom di richieste all’Enpam dopo il no dell’Inps
Oliveti: «Ci adopereremo per migliorare inquadramento previdenziale degli specializzandi»
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa