Formazione 16 Dicembre 2020 08:32

Medicina 4.0: il progetto TO CONVEY per affiancare l’oncologo millennial nel cambio della professione medica

Al via il corso di formazione in partnership con 24ORE Business School, Università Cattolica del Sacro Cuore EngageMinds Hub e AIOM per sostenere gli oncologi nel disegnare il nuovo paradigma del rapporto medico-paziente

La pandemia da Covid-19 ha avuto un forte impatto sull’assistenza sanitaria ai pazienti, in particolare quelli oncologici che richiedono un costante contatto con il proprio medico oncologo. Non sono solo le abitudini ad essere state stravolte completamente, ma anche il rapporto tra medico e paziente che oggi si è necessariamente spostato sul piano digitale per arginare rischi di contagio o complicanze.

Un passaggio repentino ma cruciale per la classe medica che si trova oggi a gestire un cambio di paradigma sostanziale della professione da svolgere in modo radicalmente nuovo e con mezzi diversi, fortemente innovativi, ma senza mai trascurare il rapporto con i pazienti.

Proprio per rispondere a questo nuovo approccio sempre più ‘virtuale’, lo scorso 14 dicembre è partito TO CONVEY, corso di formazione a distanza per il medico, nato dalla collaborazione tra 24ORE Business School, Università Cattolica del Sacro Cuore EngageMinds Hub, AIOM e con sponsorizzazione non condizionante di Novartis Italia, con l’obiettivo di formare 20 giovani oncologi da tutta Italia: la nuova classe medica dei millennials.

«In un momento storico nel quale il digitale ha confermato il suo grande valore assumendo un ruolo centrale nella vita di ciascuno di noi, è importante analizzarne le sfaccettature e imparare a gestirne le potenzialità in modo efficace – dichiara Lucia Del Mastro, Ospedale Policlinico San Martino, Università di Genova – . Questo vale ancor più, se uno degli utilizzatori di queste tecnologie digitali è un medico che deve relazionarsi ai pazienti e la capacità di gestione degli strumenti digitali acquisisce un valore ancora più importante in ambito medico oncologico».

Il corso TO CONVEY, alla sua prima edizione, si rivolge proprio ai giovani oncologi e prevede un percorso formativo che li guiderà attraverso modalità interattive di gestione dei pazienti, costruzione delle relazioni e comunicazione a distanza, ma anche nella gestione degli strumenti digitali funzionali alla crescita professionale, come ad esempio i canali social, supportando questi giovani professionisti nell’acquisizione e nell’approfondimento delle soft skills necessarie a padroneggiare i nuovi modelli di comunicazione e organizzazione, in un mondo in continua evoluzione.

Il programma del corso si svolgerà in 8 giornate, per un totale di 24 ore di formazione in live streaming. Il percorso didattico, svolto da docenti di rilevo nazionale, è rivolto a medici chirurghi specializzati in oncologia e toccherà diverse aree tematiche tra cui la comunicazione virtuale, l’utilizzo dei social come strumento di condivisione e costruzione della propria reputazione online ma anche del rapporto con il paziente. Si articolerà in sessioni teoriche e in attività più pratiche per migliorare la capacità di comunicazione interna, esterna, con il paziente e per una migliore umanizzazione delle cure. La nuova generazione di medici millennials, oltre a essere a proprio agio con la tecnologia, comprende a pieno l’importanza del digitale applicato alla professione medica. Ormai tutti possiedono uno smartphone: il 90% di loro naviga sul web e il 93% possiede almeno un profilo social.

«Oggi più che mai al medico è richiesto non solo di applicare le proprie competenze cliniche e relazionali, ma anche di modellare il proprio balance emozionale sulla base del filtro digitale – spiega Claudio Achilli, Executive Consultant, Business Coach, Docente 24ORE Business School – controllando le emozioni ma riuscendo comunque a trasmettere empatia anche attraverso un mezzo nuovo da usare adeguatamente affinché sia efficace al livello di un consulto di persona e che lasci spazio per consolidare ulteriormente il rapporto di fiducia con il paziente».

La comunicazione per via digitale non è la semplice trasposizione della comunicazione in presenza e necessita degli strumenti giusti per essere efficace e il medico di oggi ha la necessità tassativa di acquisirli. L’accelerazione tecnologica e l’uso della telemedicina possono far temere una spersonalizzazione del rapporto medico-paziente, sempre più spesso legato all’intermediazione di uno schermo, ma anche in questo caso è necessario solo un semplice cambio del codice di comunicazione. La tecnologia digitale non rende asettica la relazione con il paziente, che resta centrale nel processo di cura, al contrario può rappresentare un valido aiuto se usata con consapevolezza, in particolare per condividere dati e referti, per una migliore presa in carico dei pazienti, per il monitoraggio di situazioni di malattia che abbiano bisogno di un controllo e un aggiornamento costante, migliorando la compliance terapeutica.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Q-rare e Pangea: le idee hi-tech che migliorano il lavoro dei farmacisti e la vita dei pazienti
Un’app e un network realizzati da giovani cervelli che hanno vinto la sfida lanciata da HackErare, l’hackaton virtuale sulle malattie rare promosso da CSL Behring nell’ambito del più ampio Progetto Pronti, con il contributo scientifico e intellettuale della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera
di Isabella Faggiano
Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti
Reazioni avverse da vaccino anti-Covid: al Gemelli una app le “sorveglia”
Per monitorare gli effetti indesiderati la tecnologia può essere di grande aiuto. Ecco l'obiettivo di ‘Generator App Vaccinale
La sentinella tech anti-Covid che sfrutta sensori al grafene per scovare i positivi
Dopo un trial in ospedali e RSA di Lombardia, Piemonte e Veneto, l’apparato prodotto da Aiskom è ora al vaglio del Ministero della Salute per ottenere la certificazione come strumento di diagnosi medico sanitaria
di Federica Bosco
Il Pascale di Napoli entra nella digital health con Healthware Group
Telemedicina, Intelligenza Artificiale, fascicolo sanitario elettronico, app. In due parole: salute digitale, quella che si avvale di programmi software di alta qualità per prevenire, gestire, trattare una malattia, alla stessa stregua della medicina tradizionale, ma in più, in maniera più veloce, e soprattutto facendolo a distanza. Anche da un telefonino o da un computer. Nasce […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...