Formazione 2 Aprile 2021 12:51

La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»

Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»

L’emergenza sanitaria di Covid-19 ha avuto pesanti conseguenze sul compartimento operatorio, sulla riorganizzazione delle attività e del ruolo degli infermieri. Delineare protocolli e strategie per la gestione dei pazienti positivi, negativi e sospetti, per il corretto utilizzo dei DPI e per l’ottimizzazione delle attività preoperatorie è l’obiettivo del corso Fad Operazione Covid-19. Come preparare la sala operatoria e organizzare l’intervento chirurgico del provider di Consulcesi Club Sanità in-Formazione.

Abbiamo intervistato il responsabile scientifico Rosaria Alvaro, professore di Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università di Roma Tor Vergata, presidente del corso di laurea in infermieristica e del corso di laurea magistrale in scienze infermieristiche e ostetriche nonché vicepresidente della Società Italiana di Scienze Infermieristiche.

Dottoressa, l’infermiere, un attore fondamentale all’interno della sala operatoria, ha cambiato il suo ruolo con il Covid-19. In che modo sono aumentate le responsabilità dell’infermiere in tale processo?

«Le responsabilità degli infermieri, in realtà, non sono cambiate ma ha dovuto mettere in atto tutte quelle conoscenze e competenze per riuscire a modificare completamente l’assetto organizzativo delle prestazioni svolte all’interno della sala operatoria. Dall’accesso del paziente in sala operatoria alla gestione del materiale passando per la riprogettazione degli spazi fino ad arrivare alle dimissioni. Tutto questo per garantire la prestazione in sicurezza di tutto l’atto operatorio».

Sala operatoria e Covid-19

Quali sono le principali misure introdotte nelle sale operatorie per garantire la sicurezza dei pazienti e dei professionisti sanitari?

«Spesso, le equipe chirurgiche cambiano; l’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie e ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo. Deve controllare il paziente all’ingresso della sala operatoria, la vestizione e il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Poi, fare molta attenzione al momento dell’anestesia dove si ha più possibilità di contagio. Il ruolo dell’infermiere è ridurre il rischio di contaminazione ambientale e di tutto lo strumentario presente all’interno delle sale operatorie».

Come presidente di un corso di laurea infermieristico, che tipo di misure sta mettendo in atto per la formazione degli infermieri?

«La formazione è fondamentale. Ricordiamo che il giorno dopo la laurea, l’infermiere si ritrova a lavorare con la loro responsabilità professionale in un tempo di Covid. È nostra responsabilità di formatori dargli tutti gli strumenti necessari per poter agire in sicurezza. Spiegare quali sono le norme sanitarie da dover rispettare e da far rispettare anche ai pazienti, ai caregiver, ai parenti e a tutto il contesto in cui andranno ad operare. Quindi, al di là delle procedure tecniche, quello che serve oggi è proprio un’opera di educazione al corretto rispetto di tutte le norme. Se manca questo, il professionista di domani sarà carente e metterà a rischio se stesso, gli altri operatori e soprattutto il paziente. Secondo il codice deontologico e secondo il patto cittadino-infermiere noi infermieri, siamo i depositari della sicurezza del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre