Formazione 2 Aprile 2021 12:51

La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»

Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»

L’emergenza sanitaria di Covid-19 ha avuto pesanti conseguenze sul compartimento operatorio, sulla riorganizzazione delle attività e del ruolo degli infermieri. Delineare protocolli e strategie per la gestione dei pazienti positivi, negativi e sospetti, per il corretto utilizzo dei DPI e per l’ottimizzazione delle attività preoperatorie è l’obiettivo del corso Fad Operazione Covid-19. Come preparare la sala operatoria e organizzare l’intervento chirurgico del provider di Consulcesi Club Sanità in-Formazione.

Abbiamo intervistato il responsabile scientifico Rosaria Alvaro, professore di Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università di Roma Tor Vergata, presidente del corso di laurea in infermieristica e del corso di laurea magistrale in scienze infermieristiche e ostetriche nonché vicepresidente della Società Italiana di Scienze Infermieristiche.

Dottoressa, l’infermiere, un attore fondamentale all’interno della sala operatoria, ha cambiato il suo ruolo con il Covid-19. In che modo sono aumentate le responsabilità dell’infermiere in tale processo?

«Le responsabilità degli infermieri, in realtà, non sono cambiate ma ha dovuto mettere in atto tutte quelle conoscenze e competenze per riuscire a modificare completamente l’assetto organizzativo delle prestazioni svolte all’interno della sala operatoria. Dall’accesso del paziente in sala operatoria alla gestione del materiale passando per la riprogettazione degli spazi fino ad arrivare alle dimissioni. Tutto questo per garantire la prestazione in sicurezza di tutto l’atto operatorio».

Sala operatoria e Covid-19

Quali sono le principali misure introdotte nelle sale operatorie per garantire la sicurezza dei pazienti e dei professionisti sanitari?

«Spesso, le equipe chirurgiche cambiano; l’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie e ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo. Deve controllare il paziente all’ingresso della sala operatoria, la vestizione e il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Poi, fare molta attenzione al momento dell’anestesia dove si ha più possibilità di contagio. Il ruolo dell’infermiere è ridurre il rischio di contaminazione ambientale e di tutto lo strumentario presente all’interno delle sale operatorie».

Come presidente di un corso di laurea infermieristico, che tipo di misure sta mettendo in atto per la formazione degli infermieri?

«La formazione è fondamentale. Ricordiamo che il giorno dopo la laurea, l’infermiere si ritrova a lavorare con la loro responsabilità professionale in un tempo di Covid. È nostra responsabilità di formatori dargli tutti gli strumenti necessari per poter agire in sicurezza. Spiegare quali sono le norme sanitarie da dover rispettare e da far rispettare anche ai pazienti, ai caregiver, ai parenti e a tutto il contesto in cui andranno ad operare. Quindi, al di là delle procedure tecniche, quello che serve oggi è proprio un’opera di educazione al corretto rispetto di tutte le norme. Se manca questo, il professionista di domani sarà carente e metterà a rischio se stesso, gli altri operatori e soprattutto il paziente. Secondo il codice deontologico e secondo il patto cittadino-infermiere noi infermieri, siamo i depositari della sicurezza del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...