Formazione 8 Novembre 2019

Sentenza Cassazione su specializzandi, Guicciardi: «Principio corretto, ma siamo lasciati soli»

Il presidente di FederSpecializzandi: «È vero che non siamo meri esecutori di ordini, ma è anche vero che dovremmo essere sempre affiancati da un tutor. Sappiamo bene che non è sempre così. Spesso si chiede anche agli specializzandi dei primi anni di coprire i turni di notte»

Che gli specializzandi non siano “meri esecutori di ordini” è un principio che, in linea teorica, vede i medici in formazione d’accordo. Tuttavia, la Legge è chiara: le attività che svolgono devono essere supervisionate da un tutor e, comunque, non possono sostituire il personale di ruolo.

Ecco perché Stefano Guicciardi, presidente di FederSpecializzandi, non è sorpreso dalla sentenza della Corte di Cassazione che riconosce la responsabilità penale degli specializzandi. Però, denuncia: «Ci arrivano tante segnalazioni di medici in formazione, anche ai primi anni di corso, lasciati da soli in corsia, anche a coprire turni di notte, senza nessuno che li aiuti».

«Certo – continua Guicciardi – non si tratta di situazioni generalizzate, non è così in tutti gli ospedali. Però, se queste situazioni si presentano rappresentano un rischio per lo specializzando, che si trova in una situazione di insicurezza, ma anche per il paziente, che non si troverebbe sempre davanti un medico esperto e competente».

Una sentenza, quella della Cassazione, che non può non preoccupare gli specializzandi: «In realtà lo erano anche prima – precisa il presidente di FederSpecializzandi -. Però immagino che molti si riconoscano nella situazione raccontata dalla Corte, in cui lo specializzando è solo, senza tutele e senza tutor».

Una sentenza che fa particolarmente discutere proprio perché emessa in un momento in cui, per far fronte alla carenza di specialisti, molte Regioni chiedono un contributo maggiore agli specializzandi. E il decreto Calabria prevede che gli specializzandi degli ultimi anni possano essere assunti a tempo determinato. «Ma essere al quarto o al quinto anno non è una garanzia – commenta Guicciardi -. Non significa necessariamente saper essere autonomi. È ovvio che lo specializzando acquisisce esperienza dal primo all’ultimo anno, diventando man mano più indipendente, ma di fatto non esiste un modo che sia uniforme in tutta Italia per valutare se quel medico in formazione sia effettivamente autonomo e possa essere lasciato da solo in corsia».

«È un problema di non facile soluzione – conclude Guicciardi – ma prima di scaricare sugli specializzandi le lacune di organico converrebbe forse ripensare e ridefinire il sistema dell’autonomia. E poi, magari, fare in modo che lo specializzando sia più autonomo».

LEGGI ANCHE: GLI SPECIALIZZANDI “BOCCIANO” 105 SCUOLE E CHIEDONO CHE ANCHE LA LORO VALUTAZIONE INCIDA SUGLI ACCREDITAMENTI

Articoli correlati
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?
«Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro?». Queste alcune domande rivolte ai cittadini
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli