Formazione 28 Ottobre 2019 19:21

Lombardia prima Regione a dare il via libera agli specializzandi in corsia. Fontana: «Strada per l’autonomia»

Da novembre duemila specializzandi del quarto e quinto anno inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi. Gallera: «Saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici»

di Federica Bosco

La Lombardia è la prima Regione italiana ad introdurre medici specializzandi in corsia. Saranno in duemila del quarto e quinto anno che a partire dal prossimo mese di novembre inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi senza alcun aggravio per le tasche dei cittadini, in quanto già percepiscono una borsa di studio. L’annuncio dato lo scorso mese di settembre in una intervista a Sanità Informazione dall’assessore al Welfare, Giulio Gallera, oggi ha trovato conferma al termine della giunta a cui hanno preso parte anche il professor Gianvincenzo Zuccotti, in qualità di presidente dell’Osservatorio regionale della Formazione specialistica e direttore della pediatria del Buzzi e Lucia Cococcioni, medico specializzando al 5° anno di pediatria.

«Il provvedimento adottato oggi è un passaggio che dimostra come l’autonomia sia una cosa utile per Regione Lombardia – ha commentato il Presidente Attilio Fontana, insistendo sull’importanza di accelerare con il processo di autonomia per la Regione –. È la dimostrazione che in Lombardia si cerca di trovare sempre la soluzione più logica, più concreta e più efficace per rispondere meglio ai bisogni del territorio e dei cittadini, senza ideologia». Un progetto di progressiva autonomia per gli specializzandi che parte da lontano e di cui lo stesso Fontana ha rivendicato la paternità: «In fondo se da domani gli specializzandi potranno lavorare, con progressiva autonomia, in corsia, è grazie ad una grande determinazione che abbiamo avuto quando nel febbraio 2018 non ci siamo arresi alla scelta del governo Gentiloni di sollevare dinnanzi alla Corte costituzionale una questione di illegittimità alla nostra legge. Ci siamo costituiti in giudizio, e la Corte costituzionale ci ha dato ragione. In questa direzione va il nostro progetto di autonomia».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, DA NOVEMBRE OLTRE 1500 SPECIALIZZANDI IN CORSIA. GALLERA (ASS.WELFARE): «NON FARANNO DA TAPPABUCHI MA SARANNO AUTONOMI»

Grande soddisfazione anche per l’assessore al Welfare Giulio Gallera che proprio ai nostri microfoni aveva annunciato un mese fa la decisione di seguire un percorso chiaro di progressiva autonomia per i medici specializzandi negli ospedali con l’intento di rispondere in modo concreto ad un problema di carenza di personale lamentato da tutta la categoria. «Tra poche settimane oltre duemila specializzandi, ovvero medici che hanno già fatto un corso di studi di 6 anni e stanno ultimando i tre di specializzazione, saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici», aveva dichiarato.

Il percorso di inserimento degli specializzandi in corsia prevede alcuni passaggi fondamentali: il nullaosta del tutor che avrà il compito di garantire che un atto medico possa essere compiuto in autonomia dallo specializzando già adeguatamente formato e secondo precise direttive; l’individuazione dei casi clinici assegnabili ad un medico specializzando a seconda del livello di autonomia a lui riferibile; la garanzia di intervento da parte del tutor in caso di necessità; la garanzia che lo specializzando non sarà conteggiato nel computo delle risorse in organico in una unità organizzativa cui è stato assegnato.

Articoli correlati
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia
Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»
di Federica Bosco
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM