Formazione 28 Ottobre 2019

Lombardia prima Regione a dare il via libera agli specializzandi in corsia. Fontana: «Strada per l’autonomia»

Da novembre duemila specializzandi del quarto e quinto anno inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi. Gallera: «Saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici»

di Federica Bosco

La Lombardia è la prima Regione italiana ad introdurre medici specializzandi in corsia. Saranno in duemila del quarto e quinto anno che a partire dal prossimo mese di novembre inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi senza alcun aggravio per le tasche dei cittadini, in quanto già percepiscono una borsa di studio. L’annuncio dato lo scorso mese di settembre in una intervista a Sanità Informazione dall’assessore al Welfare, Giulio Gallera, oggi ha trovato conferma al termine della giunta a cui hanno preso parte anche il professor Gianvincenzo Zuccotti, in qualità di presidente dell’Osservatorio regionale della Formazione specialistica e direttore della pediatria del Buzzi e Lucia Cococcioni, medico specializzando al 5° anno di pediatria.

«Il provvedimento adottato oggi è un passaggio che dimostra come l’autonomia sia una cosa utile per Regione Lombardia – ha commentato il Presidente Attilio Fontana, insistendo sull’importanza di accelerare con il processo di autonomia per la Regione –. È la dimostrazione che in Lombardia si cerca di trovare sempre la soluzione più logica, più concreta e più efficace per rispondere meglio ai bisogni del territorio e dei cittadini, senza ideologia». Un progetto di progressiva autonomia per gli specializzandi che parte da lontano e di cui lo stesso Fontana ha rivendicato la paternità: «In fondo se da domani gli specializzandi potranno lavorare, con progressiva autonomia, in corsia, è grazie ad una grande determinazione che abbiamo avuto quando nel febbraio 2018 non ci siamo arresi alla scelta del governo Gentiloni di sollevare dinnanzi alla Corte costituzionale una questione di illegittimità alla nostra legge. Ci siamo costituiti in giudizio, e la Corte costituzionale ci ha dato ragione. In questa direzione va il nostro progetto di autonomia».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, DA NOVEMBRE OLTRE 1500 SPECIALIZZANDI IN CORSIA. GALLERA (ASS.WELFARE): «NON FARANNO DA TAPPABUCHI MA SARANNO AUTONOMI»

Grande soddisfazione anche per l’assessore al Welfare Giulio Gallera che proprio ai nostri microfoni aveva annunciato un mese fa la decisione di seguire un percorso chiaro di progressiva autonomia per i medici specializzandi negli ospedali con l’intento di rispondere in modo concreto ad un problema di carenza di personale lamentato da tutta la categoria. «Tra poche settimane oltre duemila specializzandi, ovvero medici che hanno già fatto un corso di studi di 6 anni e stanno ultimando i tre di specializzazione, saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici», aveva dichiarato.

Il percorso di inserimento degli specializzandi in corsia prevede alcuni passaggi fondamentali: il nullaosta del tutor che avrà il compito di garantire che un atto medico possa essere compiuto in autonomia dallo specializzando già adeguatamente formato e secondo precise direttive; l’individuazione dei casi clinici assegnabili ad un medico specializzando a seconda del livello di autonomia a lui riferibile; la garanzia di intervento da parte del tutor in caso di necessità; la garanzia che lo specializzando non sarà conteggiato nel computo delle risorse in organico in una unità organizzativa cui è stato assegnato.

Articoli correlati
La ricetta di Fabiola Bologna (Misto) per la sanità: «Ripartire da personale e reti territoriali. A luglio pdl su malattie rare in Aula»
La neurologa e deputata, recentemente passata dal M5S al Gruppo Misto, continua il suo impegno per la sanità. Ricorda i colleghi in prima linea a Bergamo contro il Covid-19 e annuncia emendamenti al Dl Rilancio su RSA e sostegno alla ricerca
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...