Formazione 28 Ottobre 2019

Lombardia prima Regione a dare il via libera agli specializzandi in corsia. Fontana: «Strada per l’autonomia»

Da novembre duemila specializzandi del quarto e quinto anno inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi. Gallera: «Saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici»

di Federica Bosco

La Lombardia è la prima Regione italiana ad introdurre medici specializzandi in corsia. Saranno in duemila del quarto e quinto anno che a partire dal prossimo mese di novembre inizieranno a prestare servizio negli ospedali lombardi senza alcun aggravio per le tasche dei cittadini, in quanto già percepiscono una borsa di studio. L’annuncio dato lo scorso mese di settembre in una intervista a Sanità Informazione dall’assessore al Welfare, Giulio Gallera, oggi ha trovato conferma al termine della giunta a cui hanno preso parte anche il professor Gianvincenzo Zuccotti, in qualità di presidente dell’Osservatorio regionale della Formazione specialistica e direttore della pediatria del Buzzi e Lucia Cococcioni, medico specializzando al 5° anno di pediatria.

«Il provvedimento adottato oggi è un passaggio che dimostra come l’autonomia sia una cosa utile per Regione Lombardia – ha commentato il Presidente Attilio Fontana, insistendo sull’importanza di accelerare con il processo di autonomia per la Regione –. È la dimostrazione che in Lombardia si cerca di trovare sempre la soluzione più logica, più concreta e più efficace per rispondere meglio ai bisogni del territorio e dei cittadini, senza ideologia». Un progetto di progressiva autonomia per gli specializzandi che parte da lontano e di cui lo stesso Fontana ha rivendicato la paternità: «In fondo se da domani gli specializzandi potranno lavorare, con progressiva autonomia, in corsia, è grazie ad una grande determinazione che abbiamo avuto quando nel febbraio 2018 non ci siamo arresi alla scelta del governo Gentiloni di sollevare dinnanzi alla Corte costituzionale una questione di illegittimità alla nostra legge. Ci siamo costituiti in giudizio, e la Corte costituzionale ci ha dato ragione. In questa direzione va il nostro progetto di autonomia».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, DA NOVEMBRE OLTRE 1500 SPECIALIZZANDI IN CORSIA. GALLERA (ASS.WELFARE): «NON FARANNO DA TAPPABUCHI MA SARANNO AUTONOMI»

Grande soddisfazione anche per l’assessore al Welfare Giulio Gallera che proprio ai nostri microfoni aveva annunciato un mese fa la decisione di seguire un percorso chiaro di progressiva autonomia per i medici specializzandi negli ospedali con l’intento di rispondere in modo concreto ad un problema di carenza di personale lamentato da tutta la categoria. «Tra poche settimane oltre duemila specializzandi, ovvero medici che hanno già fatto un corso di studi di 6 anni e stanno ultimando i tre di specializzazione, saranno molto più autonomi e operativi senza andare ad ostacolare l’assunzione di nuovi medici», aveva dichiarato.

Il percorso di inserimento degli specializzandi in corsia prevede alcuni passaggi fondamentali: il nullaosta del tutor che avrà il compito di garantire che un atto medico possa essere compiuto in autonomia dallo specializzando già adeguatamente formato e secondo precise direttive; l’individuazione dei casi clinici assegnabili ad un medico specializzando a seconda del livello di autonomia a lui riferibile; la garanzia di intervento da parte del tutor in caso di necessità; la garanzia che lo specializzando non sarà conteggiato nel computo delle risorse in organico in una unità organizzativa cui è stato assegnato.

Articoli correlati
Elezione Ordine Psicologi Lombardia: vince la continuità. Bettiga: «In eredità lascio un nuovo progetto: lo psicologo di quartiere»
Rinnovato il consiglio dell’Ordine degli psicologi della Lombardia. Riccardo Bettiga, dopo lascia anni, lascia in eredità molti progetti avviati, come la casa della psicologia ed altri in fase di realizzazione, come lo psicologo di  quartiere
di Federica Bosco
In 8 anni 2 miliardi e 42800 lavoratori in meno nella sanità italiana: i dati del rapporto UPB
Nel rapporto “Lo stato della sanità in Italia” elaborato dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio i dati evidenziano il calo del personale, in particolare degli infermieri. Inoltre «l'aumento del costo delle prestazioni specialistiche a compartecipazione contribuisce a spostare la domanda verso il privato, con l'ingresso di nuovi attori e il rafforzamento di quelli esistenti»
A Milano il primo ospedale ‘rosa’ d’Italia, il Macedonio Melloni: dallo sviluppo puberale alla menopausa, tanti servizi per la salute della donna
La struttura nasce con il supporto di Fondazione Onda, da sempre attenta al tema della medicina di genere. Gallera (Assessore al Welfare Lombardia): «Le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse»
di Federica Bosco
Lombardia, ticket gratuiti per forze dell’Ordine e polizia locale. Monti: «Messaggio politico di vicinanza a chi difende la sicurezza»
L’esonero al pagamento delle spese sanitarie, strettamente correlato all’infortunio, sarà esteso per un periodo massimo di un anno a decorrere dal giorno dell’evento traumatico
di Federica Bosco
#DestinazioneSanità | Lombardia, come tutelare un’eccellenza: istruzioni per l’uso
La nuova puntata del reportage #DestinazioneSanità, in collaborazione con il sindacato CIMO, è dedicata ad uno dei sistemi sanitari più qualificati d’Europa, quello lombardo. Abbiamo visitato gli ospedali, parlato con i medici e incontrato le istituzioni. Quello che ne è emerso è un quadro in chiaroscuro e un libretto di istruzioni dal titolo: come tutelare un’eccellenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...