Formazione 25 Settembre 2019

Lombardia, da novembre oltre 1500 specializzandi in corsia. Gallera (Ass. Welfare): «Non faranno da tappabuchi ma saranno autonomi»

«Non sostituiranno i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor», sottolinea l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera

di Federica Bosco
Immagine articolo

 Saranno oltre 1500 gli specializzandi che a partire dal mese di novembre verranno impiegati negli ospedali lombardi per far fronte alla carenza di camici bianchi. E così, in attesa della tanto invocata autonomia differenziata che consentirebbe di effettuare più assunzioni, Regione Lombardia mette in atto il nuovo corso.

«Nel 2017 abbiamo approvato una legge – spiega Giulio Gallera, assessore Sanità e Welfare di Regione Lombardia ai microfoni di Sanità Informazione –, una modifica della nostra legge sanitaria che prevedeva la possibilità di una crescente autonomia all’interno dei presidi ospedalieri degli specializzandi del quarto e del quinto anno ovviamente sotto la supervisione e il controllo della scuola di specializzazione e del tutor. Questa legge era stata impugnata dal Governo nazionale davanti alla Corte Costituzionale che però ha dato ragione a Regione Lombardia e quindi, nei mesi scorsi, ci siamo confrontati con i Presidi delle scuole di Medicina, con gli Ordini dei medici e con i dirigenti delle organizzazioni sindacali dei medici. Ora si stanno definendo gli ultimi crediti e privilegi assegnati agli specializzandi, poi ai primi di ottobre approveremo in giunta questa delibera che definisce le linee guida di questa straordinaria novità e, a partire dal mese di novembre, circa tra i 1500 e i 2000 specializzandi degli ultimi anni che si muoveranno in maniera autonoma all’interno dei presidi ospedalieri, non sostituendo i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma essendo autonomi, potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor. Quindi con garanzie di sicurezza, competenza ed efficacia, sollevando dalla fatica, dagli straordinari e dai turni massacranti i medici».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ROSSI (OMCeO MILANO): «BENE I 2MILA DELLA LOMBARDIA, MA SI PUNTI ALLA FORMAZIONE NON A USARLI COME TAPPABUCHI…»

A livello contrattuale come saranno regolamentati?

«Oggi hanno una borsa di studio e continueranno con quella, perché questa è un’implementazione del loro percorso di specializzazione».

LEGGI ANCHE: «IO, SPECIALIZZANDA, VI RACCONTO LA MIA ESPERIENZA IN OSPEDALE»

In prospettiva ci sarà per loro l’assunzione?

«Grazie al decreto Calabria il percorso si è evoluto ed oggi consente agli specializzandi di partecipare ai concorsi pubblici, di essere assunti a tempo determinato dopo gli specializzati e a coloro che hanno diritto alla mobilità, poi quando saranno specializzati a loro volta, avranno un contratto a tempo indeterminato. Questa è una novità che chiaramente sarà utilizzata da tutti gli specializzandi della Lombardia».

Dunque gli specializzandi non faranno da tappabuchi e avranno la certezza di un percorso di progressiva autonomia…

«Per l’accreditamento delle strutture gli specializzandi non verranno contati quindi, se per gestire un reparto di Medicina ci devono essere quattro medici e venti infermieri quei numeri saranno rispettati. È chiaro però che lo specializzando potrà aiutare nei turni di notte, potrà andare in sala operatoria facendo il primo o secondo operatore, avendo un percorso formativo alle spalle di quasi dieci anni potrà iniziare in maniera progressiva ad essere efficace e autonomo».

Articoli correlati
Coronavirus a Napoli, risolto il caso dei giovani anestesisti. Contratto firmato dopo il clamore mediatico
Soddisfazione da parte del dg Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva: «Ha prevalso il buon senso, siamo tutti dalla stessa parte contro un nemico comune». Lo specializzando: «Le nostre richieste di tutela sono state ascoltate»
L’ex direttore sanitario dell’Asl di Bergamo spiega perché il virus è dilagato in Lombardia: «Commessi due errori»
Giuseppe Imbalzano: «Necessarie piccole équipe di medici e reparti isolati per malati Covid-19. Da abrogare l'articolo che consente ai sanitari positivi ma asintomatici di lavorare e fare i tamponi negli ospedali. Così l'infezione sarà gestibile in quaranta giorni»
di Federica Bosco
Coronavirus, il grande cuore di Milano: donati oltre 150 milioni di euro alla Sanità lombarda
Da Intesa San Paolo a Berlusconi, fino alla ditta Ferragni Fedez: artisti, imprenditori e sportivi, la generosità per vincere la battaglia contro il coronavirus
di Federica Bosco
Lombardia, Regione e Ats diffidate dalla Fimmg: «Entro tre giorni kit di protezione per tutti gli operatori sul territorio»
Il segretario regionale Paola Pedrini: «Inascoltati da tempo, i contagi vanno fermati sul nascere nel rapporto con i pazienti. A Bergamo malati più di 100 medici su 600»
di Federica Bosco
Specializzanda in prima linea tra i malati di Coronavirus: «Ho deciso di separarmi dalla famiglia»
Turni massacranti e rischio contagio, ma Laura (nome di fantasia) ha scelto di essere in una delle tre terapie intensive dedicate al Covid-19 dell'ospedale Niguarda di Milano: «Scelta ragionata e consapevole. La situazione è complicata, indispensabile isolamento sociale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...