Federfarma 17 Aprile 2019

Farmacie ai farmacisti, Contarina (Federfarma): «Bene Grillo. Speriamo non ci siano “manine” contro ddl»

Il vicepresidente di Federfarma commenta le intenzioni del Ministro di abolire la norma che apre le farmacie alle multinazionali: «Il disegno di legge dell’onorevole Trizzino prevede che i farmacisti detengano almeno il 51% della proprietà delle farmacie e aiuti per presidi rurali»

«Penso che il mio sorriso dica più di tante parole. Chiediamo da sempre che il 51% delle quote delle società proprietarie di farmacie venga riservato a farmacisti iscritti all’albo. Non possiamo che applaudire quindi alle parole del ministro Grillo». Così Vittorio Contarina, vicepresidente di Federfarma nazionale e presidente Federfarma Roma, commenta le dichiarazioni rilasciate dal ministro della Salute alla trasmissione “Circo Massimo” di Radio Capital con cui ribadisce il suo impegno volto ad «abolire la norma del precedente governo che vuole consegnare la proprietà delle farmacie alle multinazionali».

«Spero che il disegno di legge presentato dall’onorevole Trizzino (M5S) venga accolto da tutti i partiti che si sono detti favorevoli – continua Contarina – e che l’iter sia portato a termine, senza “manine” che possano interrompere questo processo, come già accaduto quando il provvedimento è stato espunto dopo che era stato votato in Commissione. Altrimenti correremo il rischio che le farmacie cadano nelle mani di chi non ha a cuore la salute pubblica ma le quotazioni in borsa di una società».

Il ddl in questione, inoltre, prevede una multa di 50mila euro per le società di capitali che hanno già investito nelle farmacie, che andrebbero a finire in un fondo per le farmacie disagiate e rurali. «Sono la colonna vertebrale di questo Paese – aggiunge Contarina -, presenti anche in Comuni con 300 abitanti, dove magari non c’è più nemmeno la posta. Siamo rimasti solo noi. Siamo un pezzo di Stato nelle zone più remote e rurali del Paese, un presidio sanitario vicino a centinaia di migliaia di cittadini. E queste farmacie potrebbero essere aiutate dal fondo previsto dal Ddl. Insomma – conclude – sono secoli che i farmacisti si prendono cura dei cittadini, e vogliamo continuare a farlo».

LEGGI ANCHE: FARMACI SFUSI, VIA LIBERA ALLA SPERIMENTAZIONE IN ITALIA. LI BASSI (AIFA): «RIDURRA’ L’INQUINAMENTO AMBIENTALE»

 

Articoli correlati
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web
Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale
Farmacie rurali e Comunità montane, una nuova alleanza per dare più servizi ai cittadini
Salvaguardare le aree montane dallo spopolamento e assicurare ai residenti i servizi essenziali, a partire da quelli sanitari. Questi i principali obiettivi del protocollo d’intesa siglato ieri a Roma da Federfarma-Sunifar, che rappresenta le 6.700 farmacie dislocate nei comuni con meno di 5.000 abitanti, e UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. Il protocollo impegna […]
Campagna antinfluenzale 2019-2020, Pregliasco (Galeazzi): «Vaccini sicuri, ruolo importante per MMG e farmacie»
Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore Sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, sottolinea: «In Italia lo scorso anno abbiamo avuto 200 morti e 865 casi gravi, non sottovalutare la patologia. I vaccini sono sicuri»
di Federica Bosco
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone