Politica 11 Aprile 2019

Farmaci sfusi, via libera alla sperimentazione in Italia. Li Bassi (Aifa): «Ridurrà l’inquinamento ambientale»

L’obiettivo è soddisfare i bisogni sanitari e migliorare l’efficientamento delle risorse a disposizione. Il ministro della Salute Grillo: «Potrebbe rivoluzionare la vendita dei farmaci al dettaglio»

Immagine articolo

Un aiuto per l’ambiente, un contributo alla riduzione degli sprechi e un passo avanti verso l’appropriatezza delle terapie. Sono tre i benefici che potrebbero derivare dalla sperimentazione, anche in Italia, dei farmaci sfusi, ovvero non più venduti in confezioni che ne contengono dosi eccessive rispetto alla necessità. A spiegarlo all’Ansa è il direttore generale d’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) Luca Li Bassi.

L’idea di sperimentare in Italia la vendita dei farmaci sfusi, spiega Li Bassi, «è un passo avanti nel progetto della governance farmaceutica annunciata dal Governo e un obiettivo contenuto in un emendamento presentato dal ministro della Salute Giulia Grillo durante la precedente legislatura».

LEGGI: “POSTI DUNQUE ESISTI”, CONTARINA (FEDERFARMA): «SOCIAL NETWORK CARDINE DELLA NOSTRA NUOVA COMUNICAZIONE»

L’obiettivo è soddisfare i bisogni sanitari e migliorare l’efficientamento delle risorse a disposizione. «Non si tratta, però, solo di ridurre i costi collegati allo spreco di farmaci inutilizzati – prosegue -, ma anche di ridurre l’inquinamento ambientale, perché se avanzano dosi di antibiotici da smaltire, queste possono finire disperse nell’ambiente e avere un impatto negativo anche sull’uomo. C’è poi una questione di approprietezza, perché avere farmaci avanzati favorisce l’automedicazione. Un elemento a cui bisogna dare evidenza perché quasi il 10% degli antibiotici sono assunti senza ricetta medica. E questo avviene anche perché giacciono nell’armadietto dosi inutilizzate».

Il farmaco monodose è in sperimentazione in Svizzera e Francia e «da tempo è realtà nei paesi anglosassoni, ad esempio in Gran Bretagna o Nuova Zelanda, dove è cultura diffusa e radicata». Anche in Italia però non si parte da zero. «Abbiamo – ricorda il dg dell’Aifa – esperienze presso le farmacie ospedaliere di alcuni ospedali, come in Lombardia e Liguria».

Per quanto riguarda la tempistica la sperimentazione non inizierà a stretto giro. «Da un paio di settimane – precisa Li Bassi – abbiamo avviato un gruppo di lavoro interno per studiare esperienze europee ed extraeuropee al fine di identificare benefici, possibili problematiche ed eventuali soluzioni. Una volta terminata questa fase ci apriremo al confronto con stakeholders, ovvero farmacisti, distributori, produttori, pazienti e medici». Sull’accoglienza da parte dell’industria Li Bassi si dice «ottimista»; d’altra parte, «non è nell’interesse di nessuno che i prodotti vengano sprecati».

L’avvio della sperimentazione della vendita dei medicinali sfusi «è una grande battaglia che ho portato avanti già dalla scorsa legislatura» ha commentato il ministro della Salute, Giulia Grillo. «Feci approvare un emendamento sul farmaco monodose, è uno dei punti che avevamo portato avanti nel documento di governance farmaceutica. È una sperimentazione che potrebbe rivoluzionare la vendita dei farmaci al dettaglio nel nostro Paese, sarebbe veramente un grande passo avanti».

Articoli correlati
«Medici di famiglia facciano prescrizioni corrette e al costo minimo». A Fimmg non piace la stoccata di Bartolazzi
GUARDA IL VIDEO | Non sono state apprezzate dalla Federazione dei Medici di Medicina Generale le parole del Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi in merito all'esigenza di 'ottimizzare' le prescrizioni
Tumori del sangue, Pamela guarita grazie alla terapia Car-T. Ma in Italia la cura è ancora sperimentale
Su questo è intervenuto il direttore generale dell’Aifa, Luca Li Bassi: «C'è già una stima di prezzo per l'approvazione delle terapie Car-T. Siamo molto vicini a concludere con un'azienda farmaceutica»
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più
È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell'Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...