Contributi e Opinioni 4 Agosto 2021 10:01

Alimentazione e luce solare: un binomio salutare

di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio

di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio

L’estate è la stagione che alimenta il desiderio di vivere gli spazi aperti; al mare, in collina o in montagna il sole accompagna le nostre giornate, lunghe e godibili grazie alle tante ore di luce. La nostra pelle sarà maggiormente esposta, quindi, ai raggi solari, che molti temono possano costituire una minaccia per la salute. Scottature, eritemi e tumori della pelle sono i reali rischi che inducono molte persone a tutelarsi restando in casa, rinunciando però agli effetti positivi dell’esposizione alla luce.

Un’alimentazione adeguata e un approccio consapevole al sole ed ai vantaggi che esso apporta al nostro organismo costituiscono la base di uno stile di vita che fonda sulla prevenzione e sul benessere. Cibo e abbronzatura, infatti, sono concetti strettamente legati; quando si parla di abbronzatura si pensa solitamente a come ottenerla proteggendo la pelle con specifici cosmetici, senza tener conto di quanto l’alimentazione svolga un ruolo fondamentale. Scegliere cibi adeguati consente di rendere migliore il nostro adattamento alla luce solare, che ci dona raggi ultravioletti di tipo A e B (uno spettro di radiazioni di cui è dotata solo la luce naturale e non quella artificiale), molto importante per il funzionamento del nostro metabolismo. I raggi uvA e uvB contribuiscono infatti alla sintesi della vitamina D, provvedono a regolarizzare la produzione di melatonina e serotonina ed agiscono sull’ipotalamo migliorando il metabolismo aerobico, consentendoci di bruciare i grassi.

La primavera e l’estate rappresentano un ottimo momento per dare inizio ad uno stile di vita corretto, riconoscendo anche la luce naturale come nutriente, come insegna l’elioterapia, un approccio terapeutico naturale e preventivo che si basa sull’esposizione ai raggi solari per la cura di disturbi di varia natura. Sappiamo però che occorre cautela nell’esporci al sole, poiché la radiazione ultravioletta invisibile è responsabile degli effetti indesiderati: queste lunghezze d’onda della luce possono provocare scottature o perfino ustioni, invecchiamento e tumori della pelle.

È raccomandabile, quindi, passeggiare all’aria aperta per almeno aventi minuti ogni giorno sfruttando la luce delle prime ore del mattino, quando è più ricca di uvA e uvB, esponendo quanta più superficie corporea possibile ed evitando di indossare occhiali.

L’individuazione di alimenti che svolgano la funzione di proteggere il nostro organismo dalla luce in eccesso introduce il concetto di fotoprotezione, che individua nei vegetali come i carotenoidi ( pigmenti vegetali di colore rosso, arancione e giallo, dal colorito vivo, con natura lipidica) e nei flavonoidi (sostanze naturali che si trovano nella frutta, nelle verdure, nel tè, nel caffè, nel vino, con proprietà antiossidanti e di riparazione dei danni cellulari) un elemento di prevenzione dei danni causati dai raggi UV. Come micronutrienti essi vengono ingeriti e distribuiti nei tessuti esposti alla luce, come la pelle o gli occhi, fornendo una fotoprotezione sistemica. Il beta-carotene (un carotenoide, cioè uno dei pigmenti vegetali di colore rosso, giallo e arancione sensibile alla luce e al calore, precursore della vitamina A)  e il licopene (un carotenoide responsabile del colore rosso di molta frutta e verdura con potente azione antiossidante) prevengono la formazione di eritema indotto dai raggi UV e i flavanoli alimentari (potenti antiossidanti che si trovano nella frutta, nel thè e nel cacao) mostrano possedere la capacità di fotoprotezione.

Quali sono i cibi che possiamo introdurre nella nostra dieta a base di sole e luce naturale?

  • Pomodori rossi: contengono licopene, proteggono dall’eritema indotto dalla luce UV o dall’arrossamento della pelle.
  • Peperoni rossi dolci: contengono molto beta-carotene. Alcuni studi hanno evidenziato che sarebbe opportuno iniziare ad integrare gli alimenti qualche settimana prima di esporsi al sole, un tempo necessario all’ integrazione di beta-carotene che fornisce protezione contro le scottature.
  • Patate rosse dolci: contengono beta-carotene e la vitamina A, liposolubile; un filo di olio d’oliva come condimento ne può aiutare l’assorbimento.
  • Olio di oliva: L’olio vegetale contiene squalene, un nutriente di cui alcuni studi hanno evidenziato la capacità di proteggere dallo stress ossidativo il Dna, le proteine e i lipidi. In particolare, lo squalene agirebbe a livello del sebo prodotto dalle ghiandole sebacee e proteggerebbe la pelle dai danni procurati dai raggi ultravioletti. Secondo diversi studi, grazie alle proprietà antiossidanti e antiradicali liberi, questa sostanza avrebbe inoltre proprietà anticancro e antinfiammatorie.
  • Semi di girasole: contengono vitamina E, che protegge la pelle dai raggi UV. Si possono consumare da soli come spuntino o messi nell’insalata.
  • Salmone: il pesce dal colore rosa può fungere da difesa contro l’arrossamento causato dall’esposizione al sole. Contiene acidi grassi omega-3, che sono salutari per il cuore e riducono la soppressione del sistema immunitario (immunosoppressione) indotta dalla luce solare.
  • Carote: costituiscono una tripla barriera contro i danni dei raggi UV: contengono beta-carotene, licopene e vitamina C.

La frutta dal colore acceso è non solo piacevole alla vista, ma anche un alimento necessario per garantirci una buona protezione dai raggi: l’anguria è un frutto succoso che contiene ampie quantità di licopene e vitamina C; le ciliegie contengono vitamine A e B e sostanze antiossidanti; il melograno è una ricca fonte di antiossidanti antinfiammatori che sono efficaci nel ridurre l’effetto dannoso dei danni alla pelle causati dai raggi UVB; l’avocado è un frutto esotico, ormai entrato a far parte della nostra dieta, ricco di vitamina E, essenziale per prevenire il fotodanneggiamento e per mantenere la pelle idratata; le fragole possiedono un’elevata capacità antiossidante, nonché un importante contenuto di vitamine, che si traduce in un effetto protettivo sulle cellule della pelle.

Per quel che riguarda l’idratazione, un consumo adeguato di acqua può proteggerci dai calcoli renali, dalla stitichezza e dalle infezioni del tratto urinario, nonché dai raggi UV. Alcuni tipi di thè possono costituire una buona alternativa per soddisfare il gusto e garantirci una pelle adeguatamente idratata. Il thè in foglie di ortica è ricco di vitamine A, B, C, D e K e contiene calcio e magnesio; il thè verde costituisce un’ottima protezione dagli ossidanti e dai radicali liberi e contro le scottature solari; il thè nero contiene un gruppo di polifenoli che hanno proprietà antiossidanti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Zero non vuol dire sano: gli alimenti ultra-processati aumentano il rischio di mortalità. Lo studio
I ricercatori dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) hanno monitorato per 12 anni lo stato di salute di oltre 22 mila persone e lo hanno correlato con le loro abitudini alimentari, prendendo in considerazione sia gli aspetti nutrizionali che quelli legati al grado di trasformazione dei cibi. Il primo autore dello studio: «L’etichetta dovrebbe indicare anche il livello di trasformazione degli alimenti e non solo ingredienti e valori nutrizionali»
In estate più malati che in inverno. Colpa del Covid o del caldo?
Questa estate sembra essersi verificato un aumento delle infezioni. Nel Regno Unito ipotizzano un legame con le restrizioni anti-Covid. Per Cricelli (Simg) ad essere determinante è il troppo caldo
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi