Salute 30 Luglio 2021 11:45

Alimentazione, l’estate è la stagione giusta per disintossicarsi

Avoledo (nutrizionista): «Proteine fondamentali anche nei periodi caldi. Quelle che si trovano in carne, uova, pesce e latticini sono di alto valore biologico: più nutrienti, complete e digeribili»

di Isabella Faggiano

In vacanza non solo relax per la mente, liberi da stress e preoccupazioni, ma anche per il corpo, lontani dal cibo “spazzatura”.
«Mai aspettare che le ferie finiscano per dedicarsi ad una dieta detox. È proprio la villeggiatura il momento giusto per disintossicare il nostro corpo con una dieta ben equilibrata – dice Luca Avoledo, biologo e nutrizionista, esperto in naturopatia presso la clinica del Cibo di Milano -. Le calorie e i grassi di troppo introdotti durante le vacanze, che siano più o meno lunghe, ci presenteranno il conto appena tornati a casa. E non basterà di certo una settimana per rimettersi in forma», sottolinea lo specialista.

I disturbi da “cattiva” alimentazione

Anzi, se i peccati di gola dovessero essere un po’ troppi e ravvicinati, le conseguenze potrebbero presentarsi già nell’immediato. «È vero che con l’estate si ha poca voglia di cucinare e perder tempo ai fornelli, ma è bene sapere che consumare piatti pronti, snack, salumi e formaggi può avere una serie di ricadute negative – sottolinea lo specialista -. A pagarne le conseguenze peggiori sono, senza dubbio, coloro che già soffrono di patologie gastrointestinali, come il reflusso gastrico e la sindrome da intestino irritabile. Queste condizioni possono facilmente aggravarsi o presentarsi temporaneamente anche in coloro che non hanno patologie croniche. Pure le persone in buona salute non sono esenti da rischi come gonfiore, ritenzione idrica, peggioramenti della digestione, disturbi del sonno e di termoregolazione».

Il valore delle proteine

Le proteine sono fondamentali per la nostra alimentazione, e la salute in generale, insieme a lipidi e carboidrati, anche in estate. «Le proteine non devono mai mancare in una dieta sana ed equilibrata, e anche nel periodo estivo ne servono le giuste quantità per soddisfare il nostro fabbisogno quotidiano. Esistono tanti tipi di proteine o, più precisamente, di fonti proteiche: carne, pesce, uova, latte e derivati, yogurt e formaggi, che sono fonti proteiche di origine animale. Poi ci sono quelle di origine vegetale, definite proteine di basso o medio valore biologico. Quelle che si trovano in carne, uova, pesce e latticini, invece, sono di alto valore biologico, ovvero più nutrienti, complete e digeribili, perché hanno una composizione amminoacidica analoga a quella delle proteine umane, quindi – dice Avoledo – il nostro corpo le utilizza più efficacemente».

Come calcolare l’apporto proteico

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la quantità di proteine da assumere quotidianamente corrisponde a poco meno di 1 grammo per ogni chilo di peso corporeo per l’adulto in normali condizioni di salute. «Il rischio di malnutrizione proteica è molto diffuso negli over 50: ridotti apporti proteici possono facilitare la sarcopenia, la perdita di massa e forza muscolare connessa, che è una condizione che promuove tutta una serie di patologie che vengono racchiuse con il nome di fragilità dell’anziano, dal deficit cognitivo a quello fisico», spiega il biologo.

Un tipico menù estivo

Ma ora passiamo dalla teoria alla pratica. «In una tipica giornata estiva, potremmo cominciare la giornata con una pesca, un uovo alla coque e qualche fetta di pane integrale. A metà mattina una manciata di ciliegie, ottime anche per la salute della pelle ed a pranzo un’insalatona a base di verdure di stagione, arricchita da una patata lessa (carboidrati) e dadini di petto di pollo (proteine). A merenda una fetta di anguria fresca ed a cena minestra fredda, completata da un pugno di riso, e un filetto di pesce. Donando benessere al nostro corpo sarà più facile anche rilassare la mente», assicura Avoledo. Per dirla con Giovenale “Mens sana in corpore sano”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica
Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»
Arriva FriP, il formaggio senza fosfati per i malati di reni
Il brevetto realizzato dai ricercatori della Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano rappresenta una grande occasione per gli oltre 4 milioni di italiani con problemi ai reni costretti ad una dieta priva di latticini
Vuoi che la dieta funzioni? Le potenzialità del coaching nutrizionale
Il biologo nutrizionista Giuseppe Mazzola ha messo a punto un corso di sette lezioni nel quale spiega i segreti per recepire il gusto correttamente, i metodi di cottura ideali e come adottare un corretto stile di vita per ridurre lo stress, gli eccessi alimentari e integrare una adeguata attività fisica
Salute e rintracciabilità, Poligrafico e Zecca dello Stato creano il Passaporto digitale a tutela dell’agroalimentare italiano
L’obiettivo è combattere le contraffazioni più o meno mascherate e far sì che il gusto e la qualità italiane siano premiate dal mercato, anche garantendo a chi nel mondo cerca un prodotto italiano, che sia effettivamente tale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto