Covid-19, che fare se...? 1 Marzo 2022 15:03

La terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa aumenta la mortalità per Covid-19?

La terapia ormonale sostitutiva non aumenta il rischio di mortalità per Covid-19, anzi diminuisce le probabilità di sviluppare una forma grave dell’infezione

La terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa aumenta la mortalità per Covid-19?

No. Non solo la terapia ormonale sostitutiva non aumenta la mortalità per Covid-19, ma sembrerebbe agire da scudo contro le forme più gravi dell’infezione. Uno studio recentemente pubblicato sul British Medical Journal Open ha dimostrato invece che bassi livelli di estrogeni, una condizione comune per le donne in menopausa, può rappresentare un fattore di rischio per le donne con 50 anni d’età o più. Per questo i ricercatori suggeriscono che andrebbe valutata la possibilità di considerare una terapia ormonale per ridurre la gravità dell’infezione da Sars-Cov-2 nelle donne che hanno superato la menopausa.

I farmaci anti-estrogeni aumenta il rischio di mortalità per Covid-19

Lo studio ha coinvolto 15mila donne svedesi tra i 50 e gli 80 anni che si sono ammalate di Covid-19 tra il 4 febbraio e il 14 settembre del 2020. Tra queste, 227 (2%) avevano ricevuto una diagnosi di cancro al seno ed erano in terapia con farmaci anti-estrogeni che abbassano il livello degli ormoni, mentre 2.535 assumevano la terapia ormonale sostitutiva per alleviare i sintomi della menopausa, come vampate, dolori articolari, insonnia, ecc. Altre 12mila donne (81%) sono state coinvolte nello studio come gruppo di controllo. Dall’analisi dei dati è emerso che, rispetto alle donne che non seguivano alcun trattamento, le donne che assumevano farmaci anti-estrogeni avevano una probabilità due volte superiore di morire di Covid-19, mentre le donne in terapia ormonale sostitutiva riducevano il rischio di morte del 54 per cento.

La terapia ormonale come opzione terapeutica contro le infezioni gravi?

Dopo aver tenuto conto di altri fattori potenzialmente influenti, come l’età, il reddito, il livello di istruzione e le condizioni di salute generali, le probabilità di morire per Covid-19 sono rimaste significativamente più basse (53%) nelle donne in terapia ormonale sostitutiva. «Questo studio mostra un’associazione tra i livelli di estrogeni e la morte per Covid-19» spiegano i ricercatori. «Di conseguenza, i farmaci che aumentano i livelli di estrogeni possono avere un ruolo nelle opzioni terapeutiche per alleviare la gravità di Covid-19 nelle donne in postmenopausa e potrebbero essere studiati in studi controllati randomizzati», concludono.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni