Salute 17 Dicembre 2019 11:30

Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano

Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza

di Federica Bosco

Si chiama Positive e porta una firma italiana il nuovo studio sulla possibilità di maternità nelle pazienti con tumore al seno in giovane età. Tra i responsabili scientifici di questo studio c’è infatti il Direttore dell’Unità di Fertilità e Procreazione dello IEO di Milano, il dottor Fedro Peccatori.

«Si chiama Positive perché riguarda donne con tumore della mammella soggette a terapia ormonale che rappresenta un fattore ostativo alla ricerca della gravidanza perché di lunga durata – spiega il dottor Peccatori a Sanità Informazione – . Quindi ciò che abbiamo pensato è di offrire a queste donne la possibilità di sospendere momentaneamente il trattamento ormonale, cercare la gravidanza in qualunque modo, spontaneamente o con tecniche di fecondazione assistita, e poi entro due anni dalla sospensione, riprendere il trattamento ormonale, per garantire il buon esito della gravidanza, ma anche il corretto trattamento ormonale».

Qual è l’obiettivo dello studio Positive? «L’obiettivo  primario di questo studio – continua il dottor Peccatori – è valutare la sicurezza di questa strategia, cioè che sospendere il trattamento e riprenderlo sia altrettanto sicuro che farlo tutto di seguito. I primi risultati arriveranno non prima di due anni; avremo però, nel giro di poco tempo, già informazioni sul numero di gravidanze, come sono andate e come stanno i bambini. In verità già dai dati della letteratura sappiamo che fare bambini dopo un tumore della mammella non espone questi bambini ad un rischio maggiore di malformazioni o di complicanze dal punto di vista dello sviluppo successivo alla nascita, sappiamo che vanno seguite con più cura perché potrebbe esserci un rischio di parto prematuro e di bambini piccoli per l’età gestazionale».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, ECCO I TRE STUDI PIU’ SIGNIFICATIVI PRESENTATI AL SAN ANTONIO BREAST CANCER SYMPOSIUM

Sono 2500 le giovani donne sotto i quarant’anni che ogni anno si ammalano di tumore al seno in Italia. Almeno il 50% vorrebbe un figlio, ma ad oggi solo l’8% riesce a coronare il proprio sogno. Questo perché la diagnosi è superiore ai 35 anni, il  trattamento chemioterapico è tossico e l’accesso alle tecniche per preservare la fertilità non è universale. Il 20% delle pazienti, infatti, viene informato in ritardo, non in tutte le regioni italiane il sistema sanitario nazionale le rimborsa e poi c’è la paura delle terapie.

«Per molto tempo si è pensato che fare figli dopo un tumore alla mammella, sopratutto se era indispensabile una terapia ormonale importante per ridurre il rischio di recidive per metastasi successive, si riteneva che in queste donne la gravidanza fosse dannosa, invece non è vero –  riprende il Direttore dell’unità di fecondazione dello IEO –  Sono stati fatti tanti studi su questo, la mia unità si è fatta parte in causa per promuovere studi internazionali in questo ambito ed è chiaro che anche nelle donne con tumore alla mammella ormono responsivo, la gravidanza non peggiora la prognosi oncologica, indipendentemente dallo stato recettoriale, dal tempo e dalle caratteristiche del tumore stesso. Certamente è importante che le donne giovani con diagnosi di tumore alla mammella vedano un esperto di onco-fertilità che è il campo che si occupa di mettere insieme oncologo e specialista di riproduzione umana, e che a tutte queste donne venga offerto un programma individualizzato di preservazione di fertilità affinché possano avere figli, se lo desiderano» conclude Peccatori.

Articoli correlati
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
Indennità e agevolazioni, così Enpam sostiene le mamme in camice bianco
Dalla gravidanza al primo anno di vita del bambino, sussidi previsti anche per le studentesse neomamme iscritte
Tumore al seno metastatico, i risultati dello studio DESTINY-Breast04
I primi risultati di fase 3 di trastuzumab deruxtecan sul carcinoma mammario metastatico con bassi livelli di HER2 (HER2 Low) indicano che la molecola di Daiichi Sankyo e AstraZeneca ha il potenziale di ridefinire il modo in cui la malattia è trattata
Cancro al seno triplo negativo, dati su anticorpo monoclonale confermano risposta duratura e controllo della malattia
Nuovi dati dalla coorte TNBC dello studio di fase 1 del datopotamab deruxtecan di Daiichi Sankyo e AstraZeneca sono stati presentati al SABCS2021
Il miracolo di Catania, nel reparto Maternità del Garibaldi sei bimbi nati durante l’inondazione
La testimonianza del direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia, Giuseppe Ettore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...