Salute 17 Dicembre 2019 11:30

Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano

Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza

di Federica Bosco

Si chiama Positive e porta una firma italiana il nuovo studio sulla possibilità di maternità nelle pazienti con tumore al seno in giovane età. Tra i responsabili scientifici di questo studio c’è infatti il Direttore dell’Unità di Fertilità e Procreazione dello IEO di Milano, il dottor Fedro Peccatori.

«Si chiama Positive perché riguarda donne con tumore della mammella soggette a terapia ormonale che rappresenta un fattore ostativo alla ricerca della gravidanza perché di lunga durata – spiega il dottor Peccatori a Sanità Informazione – . Quindi ciò che abbiamo pensato è di offrire a queste donne la possibilità di sospendere momentaneamente il trattamento ormonale, cercare la gravidanza in qualunque modo, spontaneamente o con tecniche di fecondazione assistita, e poi entro due anni dalla sospensione, riprendere il trattamento ormonale, per garantire il buon esito della gravidanza, ma anche il corretto trattamento ormonale».

Qual è l’obiettivo dello studio Positive? «L’obiettivo  primario di questo studio – continua il dottor Peccatori – è valutare la sicurezza di questa strategia, cioè che sospendere il trattamento e riprenderlo sia altrettanto sicuro che farlo tutto di seguito. I primi risultati arriveranno non prima di due anni; avremo però, nel giro di poco tempo, già informazioni sul numero di gravidanze, come sono andate e come stanno i bambini. In verità già dai dati della letteratura sappiamo che fare bambini dopo un tumore della mammella non espone questi bambini ad un rischio maggiore di malformazioni o di complicanze dal punto di vista dello sviluppo successivo alla nascita, sappiamo che vanno seguite con più cura perché potrebbe esserci un rischio di parto prematuro e di bambini piccoli per l’età gestazionale».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, ECCO I TRE STUDI PIU’ SIGNIFICATIVI PRESENTATI AL SAN ANTONIO BREAST CANCER SYMPOSIUM

Sono 2500 le giovani donne sotto i quarant’anni che ogni anno si ammalano di tumore al seno in Italia. Almeno il 50% vorrebbe un figlio, ma ad oggi solo l’8% riesce a coronare il proprio sogno. Questo perché la diagnosi è superiore ai 35 anni, il  trattamento chemioterapico è tossico e l’accesso alle tecniche per preservare la fertilità non è universale. Il 20% delle pazienti, infatti, viene informato in ritardo, non in tutte le regioni italiane il sistema sanitario nazionale le rimborsa e poi c’è la paura delle terapie.

«Per molto tempo si è pensato che fare figli dopo un tumore alla mammella, sopratutto se era indispensabile una terapia ormonale importante per ridurre il rischio di recidive per metastasi successive, si riteneva che in queste donne la gravidanza fosse dannosa, invece non è vero –  riprende il Direttore dell’unità di fecondazione dello IEO –  Sono stati fatti tanti studi su questo, la mia unità si è fatta parte in causa per promuovere studi internazionali in questo ambito ed è chiaro che anche nelle donne con tumore alla mammella ormono responsivo, la gravidanza non peggiora la prognosi oncologica, indipendentemente dallo stato recettoriale, dal tempo e dalle caratteristiche del tumore stesso. Certamente è importante che le donne giovani con diagnosi di tumore alla mammella vedano un esperto di onco-fertilità che è il campo che si occupa di mettere insieme oncologo e specialista di riproduzione umana, e che a tutte queste donne venga offerto un programma individualizzato di preservazione di fertilità affinché possano avere figli, se lo desiderano» conclude Peccatori.

Articoli correlati
Cancro al seno, Petrella: «A causa del Covid 2mila diagnosi in meno. Sarà nuova emergenza tumori»
L'oncologo: «Nei prossimi anni avremo pazienti con stadio più avanzato della malattia perché sono state ridotte drasticamente le diagnosi e le terapie»
Tumore al seno, studio Campus Bio-Medico: un anticorpo monoclonale può bloccare la diffusione delle metastasi ossee
Un team internazionale guidato dall’Università Campus Bio-Medico di Roma e dall’Inserm di Lione ha dimostrato che l’inibizione della proteina integrina alfa5, tramite l’anticorpo monoclonale Volociximab, è in grado di bloccare l’insorgenza delle metastasi ossee
Tumore al seno, 13 ottobre sarà giornata di sensibilizzazione. Lorefice: «Ora maggiori tutele e cure adeguate su tutto il territorio»
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la deliberazione del Consiglio dei Ministri. Nelle scorse settimane Palazzo Montecitorio era stato illuminato di viola proprio per lanciare un messaggio di vicinanza a tutte le donne che combattono contro questa patologia
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla J...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...