Salute 12 Dicembre 2019

Cancro al seno, ecco i tre studi più significativi presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium

Riguardano il carcinoma mammario HER-2 positivo le novità più dirompenti presentate al simposio texano. La classifica degli abstract più interessanti secondo Lucia Del Mastro (Università di Genova), PierFranco Conte (Università di Padova) e Michelino De Laurentiis (Fondazione Pascale di Napoli)

di Giulia Cavalcanti, Inviata in Texas

Sono 1900 gli abstract che quest’anno sono stati inviati al San Antonio Breast Cancer Symposium. Ricerche promettenti, studi sofisticati, farmaci dai nomi strani e difficili da pronunciare ma destinati a migliorare in modo significativo la vita delle pazienti con cancro al seno. Ma abbiamo chiesto ad alcuni esperti di prim’ordine la loro personale top three dei risultati presentati nel corso del congresso texano. Unanime il responso: per l’edizione 2019 del SABCS sono le ricerche sul carcinoma mammario HER-2 positivo a meritare il podio.

«Sono stati presentati tre studi importanti dedicati a questa categoria di tumore al seno – spiega la professoressa Lucia Del Mastro, docente di Oncologia presso l’Università degli Studi di Genova e coordinatrice del Centro di Senologia dell’Ospedale Policlinico San Martino -. Il primo dimostra l’attività del Tucatinib in pazienti già trattate con farmaci anti-HER2 di comune impiego e, in particolare, con metastasi cerebrale. Si tratta di uno studio che apre prospettive terapeutiche molto importanti per queste pazienti».

Uno studio che ha colpito in modo particolare anche PierFranco Conte, professore di Oncologia presso l’università di Padova e direttore della struttura Oncologia 2 dell’Istituto Oncologico Veneto: «È uno studio randomizzato che ha confrontato l’aggiunta del Tucatinib, che blocca la parte intracellulare del recettore per HER-2, ad una terapia standard di terza linea. I risultati mostrano un prolungamento della sopravvivenza libera da progressione e, ancor più interessante, della sopravvivenza globale».

Della stessa opinione anche Michelino De Laurentiis, direttore del Dipartimento di Oncologia Senologica e Toracica dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS “Fondazione G. Pascale” di Napoli: «Questa piccola molecola orale, aggiunta a trattamenti tradizionali, è in grado di migliorare notevolmente tutti i parametri clinici delle pazienti con carcinoma mammario HER-2 positivo altamente pre-trattate, di ritardare la progressione della malattia e di migliorare la sopravvivenza. Si tratta di dati veramente inattesi per una popolazione di pazienti così resistente ai trattamenti già disponibili».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, DAL TEXAS NUOVE SPERANZE PER PAZIENTI CON TUMORE METASTATICO HER2 POSITIVO

Il secondo studio da segnalare è il Destiny-Breast01: «Il farmaco Trastuzumab Deruxtecan ha determinato, in pazienti con malattia metastatica HER-2 positiva che avevano ricevuto una mediana di 6 linee di trattamento precedenti, un 60% di risposta obiettiva ed una progression free survival superiore ad un anno. È un risultato clinico mai osservato in un sottogruppo di pazienti così pesantemente pretrattate», spiega la professoressa Del Mastro.

«Si tratta di un anticorpo attaccato ad un farmaco chemioterapico – aggiunge il professor Conte -. Ogni anticorpo quindi blocca il recettore HER2 e consegna, come un messaggero di morte, otto molecole di chemioterapico alla cellula che ha il recettore per HER-2. Anche in questo caso, lo studio a mio avviso avrà un impatto sulla pratica clinica molto importante».

«È un farmaco che promette tantissimo – continua il professor De Laurentiis – perché altamente attivo e ben tollerato anche in pazienti resistenti ai precedenti trattamenti. Guardiamo quindi con molto interesse agli studi confermatori della serie Destiny. Questo farmaco promette di contribuire a migliore notevolmente la storia clinica di questo tumore altamente aggressivo e resistente».

Altri dati da evidenziare, l’aggiornamento dello studio Aphinity, che riguarda sempre il setting HER2-positivo ma in fase precoce: «È stata valutata l’aggiunta del Pertuzumab al Trastuzumab in fase adiuvante – spiega la professoressa Del Mastro -. È stato dimostrato che questo farmaco, nelle pazienti con linfonodi positivi, è in grado di determinare un beneficio assoluto in termini di sopravvivenza libera da malattia di circa il 5%. Anche in questo caso, quindi, è possibile che si abbia una modifica del trattamento nelle pazienti ad alto rischio».

«I risultati di questo studio – precisa il professor Conte – sono già stati presentati un paio di anni fa ed erano stati abbastanza deludenti: l’aggiunta del Pertuzumab aveva prodotto un risultato molto modesto nel ridurre il rischio di ripresa della malattia. Tant’è che il farmaco non è stato approvato e rimborsato dai servizi sanitari di molti Paesi. Con l’aggiornamento su oltre 6 anni di follow up, abbiamo informazioni aggiuntive che definiscono il vantaggio abbastanza evidente di questo farmaco per le pazienti a più alto rischio di ripresa della malattia. Inoltre, la tollerabilità del trattamento anche a lungo termine è molto buona e non ci sono problemi aggiuntivi di tossicità cardiaca».

Per il tumore HER-2, quindi, ci sono tante novità. Ma «le prospettive sono molto interessanti per tutti i sottogruppi di tumore alla mammella», sottolinea De Laurentiis: «Si sta aprendo un vero e proprio orizzonte di nuovi farmaci. Non tutti manterranno le promesse, ma considerato che sono veramente tanti in corso di sviluppo, mi aspetto grandi novità, sin dal prossimo anno, per tutti i sottotipi tumorali».

E in questo scenario, l’Italia si difende bene: «Il nostro Paese – continua De Laurentiis – sta giocando un ruolo di prim’ordine nel settore del cancro della mammella. Vorrei citare, a titolo di esempio, lo studio interamente italiano BioItaLEE, il più importante su biomarcatori nelle pazienti trattate con Ridociclib».

Articoli correlati
Covid-19 in giovani sani, perché alcuni sono asintomatici e altri in terapia intensiva? La risposta (forse) nei geni
Dalle mutazioni del recettore ACE2 alle differenze nel sistema dell'antigene leucocitario umano, le ipotesi in campo
Coronavirus, al via studio sul rapporto tra gravità dell’infezione e patologie preesistenti
Coordinata dall’I.R.C.C.S. Neuromed, parte una ricerca che ha già visto l’adesione di 18 centri clinici su tutto il territorio nazionale, con un notevole interesse anche da centri internazionali
Coronavirus, Spallanzani e Fondazione Toscana Life Sciences insieme per lo sviluppo di anticorpi monoclonali
L’Istituto Spallanzani e la Fondazione Toscana Life Sciences annunciano un accordo per lo sviluppo di anticorpi monoclonali in risposta all’infezione da SARS-CoV-2
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Coronavirus in Europa, primo caso forse in Germania. La ricostruzione degli studiosi
Il coronavirus è entrato in Europa più volte, ed il primo focolaio potrebbe essere stato quello rintracciato a Monaco di Baviera, in Germania. Lo indica la mappa genetica pubblicata sul sito Netxstrain, fondato e diretto dal gruppo guidato da Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. La mappa, che ricostruisce una sorta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...