Covid-19, che fare se...? 26 Novembre 2020 12:22

Il Covid-19 può essere trasmesso per via sessuale? Come fare per limitare i rischi?

Una risposta arriva dal sito della FNOMCeO “Dottore, ma è vero che…?”. «Evitare rapporti con sconosciuti e curare al meglio la propria igiene personale»

Il Covid-19 può essere trasmesso per via sessuale? Come fare per limitare i rischi?

Covid e sesso, quali rischi? Il SARS-CoV-2 è un virus che si trasmette per via aerea e non (a quanto pare) per via sessuale. Ma se uno dei comportamenti più efficaci per diminuire le possibilità di contagio è il distanziamento, questo non può evidentemente esserci in determinate situazioni. Ciò vuol dire che un rapporto sessuale può essere una “via indiretta” di trasmissione. Sull’argomento è intervenuto anche il sito “Dottore, ma è vero che…?”, portale della FNOMCeO che ha risposto ai dubbi e alle domande più importanti.

SESSO E COVID, COSA EVITARE

Se due persone vivono sotto lo stesso tetto ed hanno molte occasioni di contatto e, dunque, alte probabilità di trasmettersi il virus nel caso in cui uno dei due dovesse risultare positivo, non ha molto senso limitare i rapporti sessuali. Per questo motivo, tra i consigli raccolti dal dottor Salvo Di Grazia (medico specialista in ginecologia e ostetricia e autore di diversi libri di divulgazione scientifica), c’è quello di evitare «contatti di tipo sessuale con individui sconosciuti o non ben conosciuti» e non all’interno di «coppie presumibilmente sane e che non presentano segni di contagio».

Altro comportamento corretto è quello di «evitare rapporti sessuali con persone, anche con le quali si hanno rapporti stabili, che presentino sintomi riferibili o sospetti per Covid-19 o che siano positive all’infezione». Nel caso in cui il partner abbia avuto la malattia, bisognerebbe evitare rapporti in presenza di sintomi e, in ogni caso, non averne per trenta giorni dopo la loro scomparsa.

COME PREPARARSI AL SESSO 

Secondo Di Grazia l’igiene è «la prima arma per diminuire al minimo il rischio di trasmissione». Risultano dunque fondamentali una buona igiene intima, la pulizia del corpo (in particolare delle mani) e di oggetti e sex toys. Ciò va fatto sia prima che dopo i rapporti. L’uso del preservativo, inoltre, può ridurre l’entità del contatto in caso di rapporto orale. Detto ciò, per limitare ulteriormente i rischi è consigliabile «evitare, se possibile, le posizioni che comportano vicinanza del volto dei partner e, sempre se desiderato, indossare una mascherina».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti
Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano