Covid-19, che fare se...? 12 Luglio 2022 15:14

Cosa bisogna fare se ci si contagia in vacanza o poco prima di partire?

A causa di questa nuova ondata di contagi può succedere di risultare positivi poco prima di partire in vacanza o durante il soggiorno. In base a ogni situazione e meta sono previste regole ben precise

Cosa bisogna fare se ci si contagia in vacanza o poco prima di partire?

In questa nuova ondata di contagi in tutta Italia può succedere – e non di rado – che si scopra di essere positivi poco prima di partire o addirittura mentre si è in vacanza. Una brutta rogna, che però va gestita in base alla specifica situazione e alla meta. E’ quindi bene documentarsi prima di partire, specialmente se si va all’estero. Anzi, sarebbe meglio farsi già un’idea delle regole da seguire già prima di prenotare.

Se ci si ammala prima della vacanza non si può partire

Nel caso in cui ci si positivizza poco prima della vacanza c’è solo una cosa dare fare: rassegnarsi. Se si è positivi non si può viaggiare. La buona notizia è che si avrebbe diritto a un rimborso. Bisogna quindi informare subito le strutture dove sono state effettuate le prenotazioni. Nel codice civile c’è scritto: «La sopraggiunta impossibilità di usufruire della prestazione concordata e pagata, per motivi di necessità o forza maggiore, prevede il rimborso obbligatorio da parte del fornitore». Quindi, almeno in teoria, il rimborso dovrebbe essere garantito. Per le compagnie aeree l’iter per il rimborso del biglietto prevede un bonifico bancario. Per hotel, alberghi e case vacanze molti propongono buoni da utilizzare in seguito oppure trattengono una penale sul rimborso.

In Italia è previsto l’isolamento per i positivi anche in vacanza

Se invece si viene colpiti dal virus Sars-CoV-2 a vacanza iniziata le regole in Italia sono piuttosto chiare. La persona positiva deve stare in isolamento. Precisamente 7 giorni per chi è vaccinato con dose booster e ha completato il ciclo vaccinale con due dosi da non più di 120 giorni. Quindi, se un tampone rivela la positività ci si deve fermare sul luogo di vacanza, anche se a proprie spese, fino a tampone negativo. In teoria non si può neanche viaggiare in automobile da soli per ritornare a casa.

Ogni paese prevede regole diverse nella gestione delle persone positivi, compresi i turisti

Può risultare invece più complicato gestire la situazione qualora si risultasse positivi durante una vacanza all’estero. In questo caso è bene informarsi sulle regole del paese ospitante. Infatti, bisogna tenere bene in mente che, in molti i paesi, in caso di contagio, bisogna provvedere a proprie spese all’assistenza sanitaria e alla struttura dove restare in isolamento. Una volta accertata la positività bisogna subito segnalarlo l’autorità sanitaria del paese ospitante e verificare se il viaggio è coperto da un’assicurazione. Probabilmente il volo di ritorno dovrà essere posticipato e si potrà segnalare la circostanza alla compagnia oltre che iniziare una quarantena se prevista.

Dalla Grecia alla Spagna fino alla Francia al Regno Unito e gli Usa, ecco le regole

In Grecia, se si risulta positivi, è previsto l’isolamento obbligatorio almeno per cinque giorni. Il turista dovrà trovare una struttura dove osservare la quarantena. È quindi vietato rientrare in Italia e per amici o familiari a contatto è obbligatoria la mascherina per 10 giorni. L’ambasciata suggerisce di compilare sempre il modulo Passenger locator form necessario per ottenere il certificato di tampone negativo e poter ripartire. In Spagna, invece, ci si può mettere in viaggio e tornare a casa anche da positivi. In Francia è previsto l’isolamento a spese del turista e isolamento obbligatorio per 7 giorni. Nel Regno Unito nessuna limitazione ai positivi. Se ci si ammala negli Stati Uniti sono previsti cinque giorni di isolamento a proprie spese. L’assistenza sanitaria è a pagamento e non si potrà tornare in Italia senza essere prima guariti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...