Covid-19, che fare se...? 12 Luglio 2022 15:14

Cosa bisogna fare se ci si contagia in vacanza o poco prima di partire?

A causa di questa nuova ondata di contagi può succedere di risultare positivi poco prima di partire in vacanza o durante il soggiorno. In base a ogni situazione e meta sono previste regole ben precise

Cosa bisogna fare se ci si contagia in vacanza o poco prima di partire?

In questa nuova ondata di contagi in tutta Italia può succedere – e non di rado – che si scopra di essere positivi poco prima di partire o addirittura mentre si è in vacanza. Una brutta rogna, che però va gestita in base alla specifica situazione e alla meta. E’ quindi bene documentarsi prima di partire, specialmente se si va all’estero. Anzi, sarebbe meglio farsi già un’idea delle regole da seguire già prima di prenotare.

Se ci si ammala prima della vacanza non si può partire

Nel caso in cui ci si positivizza poco prima della vacanza c’è solo una cosa dare fare: rassegnarsi. Se si è positivi non si può viaggiare. La buona notizia è che si avrebbe diritto a un rimborso. Bisogna quindi informare subito le strutture dove sono state effettuate le prenotazioni. Nel codice civile c’è scritto: «La sopraggiunta impossibilità di usufruire della prestazione concordata e pagata, per motivi di necessità o forza maggiore, prevede il rimborso obbligatorio da parte del fornitore». Quindi, almeno in teoria, il rimborso dovrebbe essere garantito. Per le compagnie aeree l’iter per il rimborso del biglietto prevede un bonifico bancario. Per hotel, alberghi e case vacanze molti propongono buoni da utilizzare in seguito oppure trattengono una penale sul rimborso.

In Italia è previsto l’isolamento per i positivi anche in vacanza

Se invece si viene colpiti dal virus Sars-CoV-2 a vacanza iniziata le regole in Italia sono piuttosto chiare. La persona positiva deve stare in isolamento. Precisamente 7 giorni per chi è vaccinato con dose booster e ha completato il ciclo vaccinale con due dosi da non più di 120 giorni. Quindi, se un tampone rivela la positività ci si deve fermare sul luogo di vacanza, anche se a proprie spese, fino a tampone negativo. In teoria non si può neanche viaggiare in automobile da soli per ritornare a casa.

Ogni paese prevede regole diverse nella gestione delle persone positivi, compresi i turisti

Può risultare invece più complicato gestire la situazione qualora si risultasse positivi durante una vacanza all’estero. In questo caso è bene informarsi sulle regole del paese ospitante. Infatti, bisogna tenere bene in mente che, in molti i paesi, in caso di contagio, bisogna provvedere a proprie spese all’assistenza sanitaria e alla struttura dove restare in isolamento. Una volta accertata la positività bisogna subito segnalarlo l’autorità sanitaria del paese ospitante e verificare se il viaggio è coperto da un’assicurazione. Probabilmente il volo di ritorno dovrà essere posticipato e si potrà segnalare la circostanza alla compagnia oltre che iniziare una quarantena se prevista.

Dalla Grecia alla Spagna fino alla Francia al Regno Unito e gli Usa, ecco le regole

In Grecia, se si risulta positivi, è previsto l’isolamento obbligatorio almeno per cinque giorni. Il turista dovrà trovare una struttura dove osservare la quarantena. È quindi vietato rientrare in Italia e per amici o familiari a contatto è obbligatoria la mascherina per 10 giorni. L’ambasciata suggerisce di compilare sempre il modulo Passenger locator form necessario per ottenere il certificato di tampone negativo e poter ripartire. In Spagna, invece, ci si può mettere in viaggio e tornare a casa anche da positivi. In Francia è previsto l’isolamento a spese del turista e isolamento obbligatorio per 7 giorni. Nel Regno Unito nessuna limitazione ai positivi. Se ci si ammala negli Stati Uniti sono previsti cinque giorni di isolamento a proprie spese. L’assistenza sanitaria è a pagamento e non si potrà tornare in Italia senza essere prima guariti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...