21
APR22

Conferenza nazionale sulla questione medica

  • Roma ore 9:00 Teatro Argentina, Largo di Torre Argentina, Roma, RM, Italia
  •  Teatro Argentina
  • 21 April 2022
  • 21 April 2022

ANAAO ASSOMED, l’Associazione dei medici dirigenti. ANDI, l’associazione nazionale dentisti italiani. CIMO FESMED, unione delle forze organizzative e di rappresentanza di CIMO, il sindacato dei medici, e della FESMED, Federazione Sindacale Medici Dirigenti. CIMOP, la Confederazione italiana dei medici dell’ospedalità privata. CISL MEDICI. FIMMG, la Federazione italiana dei Medici di Medicina Generale. FIMP, la Federazione italiana dei medici pediatri. FISMU, Federazione italiana sindacale dei medici uniti. FVM, Federazione Veterinari medici e dirigenti. NUOVA ASCOTI, l’Associazione sindacale chirurghi ortopedici traumatologi italiani. SBV, il Sindacato medici specialisti convenzionati per le branche a visita. SMI, il Sindacato medici italiani. SNR il Sindacato nazionale Area Radiologica. SUMAI ASSOPROF, Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria UIL FPL MEDICI.

Saranno queste le sigle sindacali presenti, il 21 aprile, sul palco del Teatro Argentina a Roma per condividere un “Manifesto” sulla “Questione medica”. A intervenire, anche la FP CGIL Medici e dirigenti SSN, che porterà un suo contributo alla discussione.

Sarà questo uno dei momenti centrali della Conferenza nazionale sulla Questione medica che, indetta dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri insieme alle sigle sindacali che hanno risposto all’invito, si svolgerà a Roma, presso il Teatro Argentina, il prossimo 21 aprile dalle 9 alle 14.

Ad ascoltare e a rispondere alle istanze dei medici, il Ministro della Salute Roberto Speranza e il Presidente della Conferenza delle Regioni e Province Autonome Massimiliano Fedriga.

“L’abbiamo chiamata “Questione Medica” – spiega il Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli – perché, alla luce dei programmi, delle linee d’azione poste in campo dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e più, concretamente delle risorse disponibili, i Professionisti medici e odontoiatri, veri attori del Sistema Salute, non possono non considerarsi ed essere i protagonisti del futuro del nostro SSN. E, per questo, pongono rivendicazioni in termini di ruolo, di identità, di ridefinizione del perimetro delle competenze professionali, di efficacia di rapporti con le proprie comunità sociali”.

Osannati in questi due anni e considerati i moderni eroi della nostra società, in realtà i professionisti medici e odontoiatri vivono oggi con grande difficoltà la loro condizione professionale. La pandemia ha infatti slatentizzato carenze e reso evidenti gli errori del passato.

Per “misurare” questo “disagio” e trovare quindi soluzioni è stato effettuato uno studio statistico, a cura dell’Istituto Piepoli, su un campione rappresentativo di medici e odontoiatri: i risultati saranno presentati in questa sede. All’evento, che sarà condotto dal giornalista parlamentare Giovanni Miele, Interverranno inoltre il Presidente dell’Associazione Gimbe, Nino Cartabellotta, e quello della Fondazione Enpam, Alberto Oliveti.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube e sul Portale FNOMCeO.

Programma Conferenza

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali